In nome dei cristiani

Ci sono vescovi che vogliono accogliere islamici prima di aver messo al sicuro i cristiani? Si accertino che tra loro non ci sia qualcuno che nel suo paese i cristiani li ha sgozzati

Ieri, con un editoriale a firma del direttore Marco Tarquinio, il quotidiano dei vescovi, Avvenire , ha preso le distanze dalla nostra proposta che l'Italia si impegni ad accogliere in primis profughi cristiani. «Non in nome nostro» è il titolo-sentenza all'articolo di Tarquinio. Premesso che non si capisce bene chi ingloba quel «nostro», tranquillizzo il direttore: non pensiamo e scriviamo mai in nome e per conto di altri, ma in proprio; e, quindi, non abbiamo sperato o millantato di parlare a nome dei vescovi italiani. I quali, per la verità, nel loro insieme rappresentano una realtà astratta, come mi ricordò il vescovo Ersilio Tonini il giorno - sono passati trent'anni - che mi nominò capo redattore di Avvenire . «Ricordati - mi disse - che hai 122 editori (tanti erano i vescovi italiani, ndr ) che non la pensano uguale su nulla, a volte pure sull'esistenza di Dio».

Detto questo, l'analisi di Tarquinio parte da un falso, cioè che io abbia sostenuto che si debbano accogliere «solo i profughi cristiani». Ripeto per chiarezza. All'Italia - e mi sembra che su questo non ci siano dubbi da parte di nessuno, neppure di Salvini - toccherà farsi carico di una quota di profughi che fugge da persecuzioni e guerre. Visto che il numero dei richiedenti - tra veri e falsi profughi - sarà sicuramente superiore alla capacità di accoglienza, io mi chiedo: come li scegliamo? La Merkel ha già deciso: i siriani. E noi? Procediamo per ordine alfabetico, per sorteggio, per anzianità di sbarco (impossibile da stabilire visto che non li registriamo)? Io propongo: prima i cristiani, perché sicuramente fuggono da una persecuzione e perché fratelli di fede e cultura, dovessimo anche andare a recuperarli là dove sono nascosti o in pericolo. Semplice, non mi sembra una bestemmia da essere bollata dal giornale dei cattolici con un «non in nostro nome».

Ci sono vescovi che vogliono accogliere islamici prima di aver messo al sicuro tutti i cristiani, sempre nel limite delle nostre possibilità? Si accomodino, ma almeno si accertino che tra loro non ci sia qualcuno che nel suo paese i cristiani li ha sgozzati e crocefissi in nome di Allah, o abbia anche solo assistito muto e compiaciuto allo scempio. Perché è vero che siamo tutti figli di Dio, ma c'è Dio e Dio. E il nostro è il più caritatevole, non il più stupido.

Commenti
Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Sab, 19/09/2015 - 17:22

Dott. Sallusti, dissento totalmente dalla conclusione dell'articolo. Se un dio é la proiezione del fedele il nostro é proprio stupido, nel migliore dei casi, anche se io temo sia pure un burlone visto gli ordini in contraddizione che impartisce alle tifoserie.

Zizzigo

Sab, 19/09/2015 - 18:06

Egregio Direttore, nel tempo ho conosciuto molti sacerdoti, ma quelli d'oggi sono diversi. Oggi sono politicizzati, o ancora peggio, e, per partito preso, se lei scrivesse che "Dio esiste", salterebbero subito fuori alcuni di loro che affermerebbero il contrario!

VittorioMar

Sab, 19/09/2015 - 19:09

...se si trattasse di una partita di calcio Cattolici contro Musulmani..primo tempo 0 a 1 secondo tempo..0 a 3...i Cattolici hanno perso malamente e verrebbe messo subito in discussione l'allenatore...esonero sicuro...richiamiamo il vecchio allenatore..

oscar67

Sab, 19/09/2015 - 19:18

I cristiani fuggono dalla guerra ma anche dalle persecuzioni religiose.Gli islamici solo dalle persecuzioni.Vogliamo metterli sullo stesso piano,egregio direttore dell'avvenire? Proprio in nome vostro dovreste occuparvi di una accoglienza privilegiata ai Cristiani. Ma gia',dimenticavo che a voi di Cristo e della religione cristiana interessa poco o niente. Siete solo occupati su quante moschee si dovranno costruire nelle nostre città'. La storia isarà' crudele nel giudicare il vostro harakiri!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 19/09/2015 - 20:23

1 giorno 8 ore fa Avvenire stamani fa un furbetto distinguo sulla faccenda. Grazie per i cristiani ma i cattolici, per loro vocazione, debbono accogliere tutti. Se Avvenire fosse un giornale cristiano oltre che cattolico dovrebbe tenere conto di una significativa frase del figlio di Dio. "Dai a Cesare quel che è di Cesare ed a Dio quel che è di Dio". In verità i cattolici tale argomento lo han sempre eluso e spesso han venduto l'indulgenza propria a spese dell'intera comunità. Confondono la carità con la Caritas, la loro celebre e ricchissima coop. E' precipuo della politica fare ciò che realmente si può fare e lasciare ai romantici ai sentimentali ed ai visionari cattolici e comunisti il loro mondo. Dunque se accogliamo i cristiani, come avremmo dovuto accogliere gli argentini negli anni ottanta e novanta, è solo per tutelare la nostra civiltà la nostra cultura i nostri costumi. E' ovvio che chi non vi fa parte o li avversa non la pensi così.

ilrompiballe

Sab, 19/09/2015 - 21:16

Lo confesso : non ho alcun problema a dichiararmi cristiano, in quanto non mi crea difficoltà seguire la parola di Cristo. Sempre meno mi sento cattolico : da quando esistono i cattocomunisti, per intenderci.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Sab, 19/09/2015 - 22:44

Bergoglio sarà anche un papa: a me pare un poeta, corifeo di una schiera di poetini che non tiene conto della realtà. Politicamente corretto l'invito del vescovo della mia città ai privati perché offrano rifugio ad una famiglia oppure da 1 a 3/4 max profughi, non di più perché più difficile la possibilità d'integrazione, ma la domanda è "dove vivono questi?". Sallusti, ogni speranza è perduta!!!

Tuthankamon

Sab, 19/09/2015 - 23:09

Beh il fatto che si accolga tutti, può anche essere positivo, ma non si deve dimenticare quanto sta avvenendo in tutto il Medio Oriente e in mezza Africa. E' in corso una PULIZIA ETNICA da far impallidire quelle del passato, paragonabile solo a quelle di Stalin. Il tutto avviene con un supporto politico ormai noto di vari Paesi musulmani dall'Arabia Saudita alla Turchia con l'indifferenza o peggio la condiscendenza dell'ONU e di varie entità internazionali note o meno note (incluso l'attuale presidente degli USA). A questi si devono aggiungere vari esponenti cristiani e cattolici cui la storia sembra essere passata accanto senza lasciare traccia. In alcuni Paesi, la frittata è semplicemente fatta con la loro complicità! Una frittata che è alla radice di questa immigrazione incontrollata da noi, ma voluta da altri!

venco

Dom, 20/09/2015 - 00:30

Il clero come tanti rappresentanti dei mass-media e certi politici non hanno figli, percui non vedono e prevedono il futuro di tutti noi, sono vuoti, vuoti a perdere.

venco

Dom, 20/09/2015 - 00:37

La Chiesa è sempre stata la comunità dei credenti in Dio per una spiritualità e moralità comune, e questi vescovi non lo sanno, e la stanno distruggendo.

FRANZJOSEFVONOS...

Dom, 20/09/2015 - 08:50

DITELO AL DIRETTORE DELLA CEI

Un idealista

Dom, 20/09/2015 - 09:07

Dottor Sallusti, è vero che siamo tutti figli di Dio, ma solo carnalmente. Parlando a certi Giudei Gesù disse: "voi che avete come padre in diavolo,..." Vangelo di Giovanni, capitolo 8, versetto 44. Spiritualmente quei Giudei non erano figli di Dio, come oggi non lo sono molte persone. Secondo Gesù, è corretto fare delle distinzioni.

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Dom, 20/09/2015 - 09:18

Il giornale dei cattolici non riesce più a nascondere il prefisso della sua testata, rimasto invisibile fino a ieri: "Il Sol" (dell'Avvenire). Il disfacimento della casta sacerdotale, che si è fatta contaminare dall'ideologia fallimentare dell'Est Europa e dell'America Latina, è un dato di fatto. E' inutile pretendere da costoro l'uso della logica più elementare, come i fondamentalisti essi perseguono, coscientemente o meno, il martirio a costo della distruzione stessa del loro credo. Anche il fedele più sprovveduto riesce a vedere nell'insieme non la coda, ma l'intero zampone del diavolo.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 20/09/2015 - 09:43

ormai la religione cattolica e' in via di disfacimento. Di quello che mi hanno insegnato non resta nulla. Comunque non c'e' problema, quando le chiese saranno vuote i loro amici islamici, anzi fratelli, le trasformeranno in moschee. Spetiamo che avvenga qualche scisma nella chiesa, e' l'unica possibilita' di salvezza.

Ritratto di bussirino

bussirino

Dom, 20/09/2015 - 09:53

Ma smettiamola con queste religioni. Sapendo che le religioni sono il cancro dell'umanità io sono ATEO e non combatto con nessuna religione. É come vedere mafia contro 'ndrangheta che su azzannano per difendere il proprio territorio ECONOMICO perché alla fine anche per le religioni solo di questo si tratta. Smettiamola di proteggere persone solo perché appartengono ad una religione o un'altra. Forse qualcuno ha dimenticato il passato quando si proclamavano le guerre di religione...ora stiamo ritornando al Medioevo. Non é vergognoso tutto questo? BEATI QUINDI GLI ATEI....

ziobeppe1951

Dom, 20/09/2015 - 10:19

@bussirino....ben detto

paolonardi

Dom, 20/09/2015 - 10:48

Caro Direttore lasci perdere questi succubi, in senso sabbatico, che, more solito, predicano bene e razzolano male come il loro falso capo. A mio modesto parere torna bene, per questi, un vecchio proverbio:"i ragli degli asini non raggiungono il cielo". Mon mi sono voluto addentrare in fiscquisixioni piu' importanti, ricordo solo un dottore della chiesa che risponde al nome di Sant'Agostino.

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Dom, 20/09/2015 - 10:51

E' così condizionabile la mente vacua - la quale crede solo a sè stessa in virtù dell'essersi posta, attraverso il concetto fasullo di 'sacralità della vita', al di sopra di tutto, anche di Dio - che al primo stormir di fronda è facile per la stessa rendere mutevole l'umore e modificabile l'opinione. Su questo forum in molti erano convinti dell'idea che nessuno dovesse entrare in Italia. A qualcuno - che è in grado di soggiogare la debole mente altrui - è bastato proporre che solo i cristiani potessero entrare in Italia per far sì che in molti abbracciassero acriticamente una proposta del genere la quale, sia detto senza offendere nessuno, puzza forte di mistificazione. (continua-1)

Ritratto di Quasar

Quasar

Dom, 20/09/2015 - 11:36

GUERRA TOTALE SIA ! AMEN

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 20/09/2015 - 11:46

IO; A QUESTA GENTE NON CI CREDO PIU; PERCHE UN PAPA CHE NON INCHIODA I MUSSULMANI SULLE LORO RESPONSABILITÁ DI AVERE SCANNATO CRISTIANI IN MEDIO ORIENTE HA PERSO OGNI CREDIBILITÁ!.É; IL GIORNALE "L;AVVENIRE" MI RICORDA PIU UN GIORNALE POLITICO CHE UN GIORNALE CRISTIANO CHE DOVREBBE SCRIVERE LA VERITÁ!; É CHI INCASSA 37 EURO AL GIORNO COME LA CHIESA INCASSA PER OGNI CLANDESTINO; NON POTRÁ MAI ESSERE NEUTRALE NEL SUO OPERATO!.

buri

Dom, 20/09/2015 - 11:57

ancge fra u vescivi xu sono degli illusi e degli imbecilli, no saprei dire qyale di qyesre due categoria sia la peggiore

Joe Larius

Dom, 20/09/2015 - 12:29

Siate Cristiani a muovervi più gravi-non siate come penna ad ogni vento - e non crediate che ogni acqua vi lavi.- Avete il vecchio e il nuovo testamento - (ma un pastor che la chiesa più non guida),- questo (non basta) a vostro salvamento. - Se mala cupidigia altro vi grida - uomini siate e non pecore matte - si che il giudeo* tra voi di voi non rida. (Dietro consiglio del nostro Padre Dante da lui correttomi in sogno per via dalla situazione attuale). *Fosse solo il giudeo...

puntoebasta

Dom, 20/09/2015 - 12:52

@Maurizio Giuntoli -Condivido il commento. Purtroppo una diffusa ignoranza non distingue il cristiano e il cattolico.Io sono Cristiano credente ma non sono cattolico.Preti e cardinali hanno dimenticato il vangelo per l'esercizio del potere Personaggi pomposi che Gesù ha definito sepolcri imbiancati.Dediti prevalentemente alle cose del mondo(la politica,la popolarità televisiva,gli agi delle loro residenze,la prima fila,..)e ignoranti della Parola.Approvano il mercimonio dei sacramenti e di santuari consacrati a uomini e non a Dio.E il popolo perisce per mancanza di conoscenza.Ciechi guide di altri ciechi. Lutero denunciò questo scandalo che purtroppo resiste e inquina la VERITÀ rivelata da Cristo.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Dom, 20/09/2015 - 19:07

puntoebasta: peccao che Lutero fosse un nazista antisemita (ante-litteram). Leggere i suoi scritti sugli Ebrei e sui contadini in rivolta.

Tuthankamon

Lun, 21/09/2015 - 09:17

@ bussirino ... gli atei non esistono, magari lo ammettono solo a 30 secondi dalla morte, ma non esistono. Garantito!

SAMING27

Lun, 21/09/2015 - 12:04

Le strade del Signore sono infinite. Io ritengo che l' Islam non sia una religione e, se lo fosse, è una religione di odio. Nel corano l' invito ad uccidere è ripetuto decine di volte, nel vangelo una volta sola: "NON UCCIDERE" e questo fa la differenza. Ma, malgrado la sua mitezza, il cristianesimo ha sempre trionfato perchè uccidere ed odiare è molto faticoso e disdicevole e, come è successo con i barbari al tempo della caduta dell' impero romano, invece che imbarbarire i romani si sono civilizzati loro.

Italiano_medio

Lun, 21/09/2015 - 12:10

Perfettamente d'accordo con il Dott. Sallustri. Troppo strano il privilegio agli islamici rispetto ai cristiani perseguitati ...