"Obama ha voluto punire l'Amministrazione Bush"

Secondo il politologo conservatore americano Edward Luttwak il dossier contro la Cia "è la vendetta degli sconfitti"

«La vendetta degli sconfitti» è il titolo che Edward Luttwak propone per il rapporto licenziato dalla Commissione Intelligence di un Senato ancora per pochi giorni democratico. Le elezioni Usa di midterm, lo scorso novembre, hanno decretato la nuova maggioranza repubblicana. Per questo, secondo il professore membro del Centro studi strategici e internazionali di Washington, «Obama ha voluto punire l'amministrazione Bush». Sul banco degli imputati c'è la Cia che, secondo il poderoso documento sintetizzato in 500 cartelle, frutto di un lavoro di cinque anni e costato 40 milioni di dollari, avrebbe usato «trattamenti brutali» nei confronti di sospetti terroristi.

Professore, i repubblicani, con l'eccezione di John McCain, difendono l'uso della tortura nel post 11 settembre.

«McCain ne fa una questione personale perché nel 1967 fu catturato dai comunisti nordvietnamiti e tenuto prigioniero per sei anni. Bush e il GOP difendono l'uso lecito di trattamenti anche duri che hanno permesso di salvare milioni di vite. Dopo che tremila americani furono inghiottiti dalle Torri Gemelle».

Dei 119 detenuti nelle mani della Cia, 39 sarebbero stati torturati.

«Lo stesso rapporto afferma che di questi 39 nessuno è deceduto o rimasto ferito. Gli arabi mozzano una testa o una gamba, non gli americani. Il waterboarding non ha mai ferito nessuno. Nasce come tecnica usata nei confronti di piloti americani per aumentare la loro capacità di resistenza in caso di cattura».

Al Wall Street Journal sei tra ex direttori e vice della Cia hanno ribattuto, punto su punto, a un «rapporto unilaterale contrassegnato da errori fattuali e interpretativi». Hanno anche illustrato in dettaglio le affiliazioni che hanno consentito di risalire agli uomini più vicini a Osama Bin Laden.

«A differenza dello staff democratico, questi alti funzionari parlano di cose che conoscono. Bisognerebbe ricordare l'atmosfera post 11 settembre quando anche la senatrice Dianne Feinstein (presidente della Commissione Intelligence, ndr) gridava «alla guerra, alla guerra».

La ricordi lei.

«Tutti si aspettavano un 12 settembre a Chicago, un 13 settembre a Los Angeles... Si prefigurava una guerra contro un'organizzazione mondiale dotata di ingenti finanziamenti arabi ed enormi campi di addestramento. Solo nel 2002 si è capito che era una fanfaronata beduina, assai meno sofisticata delle previsioni».

Verranno processati singoli funzionari americani?

«Era l'intento originario di Obama, che nel 2009 ordinò un'indagine al ministro della giustizia Eric Holder. I risultati pubblicati tre anni dopo hanno escluso l'esistenza di reati da perseguire penalmente».

Le Nazioni Unite e le organizzazioni umanitarie chiedono a Obama di processare i responsabili.

«Dubito che negli Stati Uniti possa accadere quanto è successo in Italia al vostro ex capo dei servizi Nicolò Pollari».

Quali saranno le principali conseguenze?

«Non fanno paura rappresaglie o manifestazioni antiamericane. Se un terrorista vuole colpire, non lo fa perché ha letto 500 pagine. Forse manifesterà la sinistra italiana che prova simpatia per Hamas. Il vero problema è che sono stati svelati, per esempio, i nomi dei Paesi che cooperano con la Cia. Questo è un danno».

Si risolleveranno le sorti dei dem?

«Il processo mediatico a quella stagione non farà guadagnare voti né a Obama né a Hillary Clinton che a novembre ha perso persino in Arkansas dove il marito era governatore. Agli occhi degli americani sono solo degli irresponsabili».

Commenti
Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Gio, 11/12/2014 - 08:41

o soliti ipocriti . Obama chi cavolo è ? un nero inetto , quindi per coprire la sua inefficienza ed idiozia , accusa gli altri . e osa parlare di torture . bravo Obama una volta di più hai dimostrato di non essere americano e cristiano . sembri il mortadella italiano quando ha usato due anni di suo mandato a cancellare tutte le leggi a favore del cittadino italiano , ma fatte dal governo Berlusconi .

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Gio, 11/12/2014 - 09:29

Luttwak ha ragione. Analisi senza sbavature su un presidente ormai in decadenza, il peggiore di tutta la storia americana per i fallimenti dimostrati in campo internazionale.Incompetente e pure vendicativo. - saluti

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Gio, 11/12/2014 - 10:11

Inutile scagliarsi ancora contro questo povero negro. Gli americani hanno sbagliato non una ma ben due volte ed ora raccolgono quanto ha seminato questo irresponsabile. I suoi errori si ripercuoteranno nel futuro ed Obama sarà ricordato come uno, se non il peggior presidente USA.

Ritratto di Amsul Parazveri

Amsul Parazveri

Gio, 11/12/2014 - 10:39

Dice il saggio: " Prendi un Obbama qualsiasi, vestilo bene, e rimmarrà sempre un qualunque comune Millinguo. "

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 11/12/2014 - 10:58

Provvedimento da iscrivere nella lista di quelli già adottati per fare "saltare il banco" da parte dello sconfitto. Nella fattispecie fa il paio con la regolarizzazione di milioni di immigrati clandestini. Attuata come rappresaglia nei confronti dei repubblicani usciti vincitori dalle elezioni di midterm.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 11/12/2014 - 11:05

Questa é solo l'ultima porcata di un presidente buono a nulla. Osannato solo per il colore della sua pelle dal mondo del politically correct internazionale ma totalmente incapace di gestire una grande nazione. Piccolo arrivista populista che puo' essere giustamente considerato il peggior presidente amricano degli ultimi cinquanta anni!

Rossana Rossi

Gio, 11/12/2014 - 11:46

Concordo con Perinciolo. E mi resta da fare la domanda : dopo 3000 morti cosa bisognava fare a dei terroristi, accarezzarli raccontando loro le favole? Ma per favore.........

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Gio, 11/12/2014 - 12:10

Obama non ha solo castigato l'amministrazione Bush, ma ha ridotto in brandelli la CIA. Questo è molto grave e, forse, solo domani capirà il danno che ha fatto. Ma ormai quello che è fatto non si può rimediare. Sono daccordo con il Sig. Luttwack. Questa continua "falsa-Democrazia" ci sta distruggendo tutti!!!

alberto_his

Gio, 11/12/2014 - 13:11

Insomma, si depotenzia il valore delle rivelazioni sviando vieppiù l'attenzione sul piano politico verso una presunta vendetta tra i due partiti unici presenti negli USA. I fatti in sè passano in secondo piano; poco importa se si siano infrante leggi, convenzioni internazionali e si siano tenuti comportamenti subumani. Evidentemente c'è chi può permettersi di farlo nella totale impunità, e non si chiamano certo Assad, Gheddafi o al Bagdhadi. A dar retta a Luttwak l'Agenzia non avrebbe nemmeno saputo valutare la reale portata della minaccia dell'organizzazione terroristica mondiale pur avendo la stessa CIA fattivamente contribuito a crearla.

buri

Gio, 11/12/2014 - 14:33

Mi domando se quel fulmine di guerra, di nome Obama, premio Nobel per la Pace sulla fiducia, si rende conto del danno procurato agli Stati Uniti interi, senza distinzione di colore politico, accomunando democratici e repubblicani, nelle storie di torture ke vittime vedono solo americani, e fornendo così ai nemici dell'America un buon motivo per cercare vendetta

moltoschifato

Gio, 11/12/2014 - 16:56

Condivido in pieno l''articolo e vivendo negli USA da italiano vedo che La corsa per le prossima elezioni e incominciata nel momento in cui I repubblicani hanno stravinto le midterms e questo e' il me todo voluto da Obama per gettare letame sul GOP per i prossimi due anni andrà avanti a colpi di atti esecutivi così non deve chiedere niente al congresso e cercare in tutti i modi per contrastare i repubblicani e la CIA è una delle bravate di Obama di gettare nel ridicolo questo grande paese gli americani si sono svegliati troppo tardi .....meglio tardi che mai ....in Italia gli italiani saranno sempre caproni da votare questia manica di ladri comunisti.... compagno tu fatichi e io magno .......complimenti Buon Natale e sperando che babbo natale Renzi vi porti uno zingaro sotto l'albero a voi tutti

nonnoaldo

Ven, 12/12/2014 - 09:58

Sembra che Obama voglia dimostrare che aveva ragione il premio Nobel Watson.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 12/12/2014 - 13:09

Meglio un torturato vivo o un cristiano morto? Eh, siamo alle solite Calimero tu non sei nero, sei solo sporco.