Obama tradisce Israele: Usa astenuti all'Onu sulle colonie ebraiche

È la prima volta che gli Stati Uniti non usano il veto su una risoluzione contro l'alleato

Con una scelta che si incide nella storia degli Stati Uniti come l'ennesimo colpevole fraintendimento dell'amministazione Obama nei confronti del Medio Oriente, una incapacità che ha portato a stragi immense e a disastri indicibili in Siria ma anche in tante altre zone, il presidente uscente ha deciso di rovesciare la politica tradizionale degli Stati Uniti: tale politica ha sempre difeso Israele col veto nel Consiglio di Sicurezza dalle maggioranze automatiche piene di odio che hanno caratterizzato l'atteggiamento dell'Onu verso Israele.

Stavolta con un colpo di coda impensabile Obama ha lasciato per la sua legacy in primo piano l'astensione su una risoluzione votata da 14 membri che stabilisce che occorre «distinguere fra il territorio dello Stato di Israele e i territori occupati nel 1967», condanna gli insediementi che vengono definiti illegali e «un grande pericolo per la possibilità della soluzione dei due Stati» e aggiunge una serie di altre osservazioni fuori di ogni realtà e senso storico. I territori non sono «illegali» ma «disputati» secondo le risoluzioni del 1967, la legge internazionale non è stata violata perché non ci sono mai state deportazioni della popolazione originaria, i territori non sono mai stati «palestinesi» ma giordani e conquistati con una guerra di difesa, e soprattutto la vera difficoltà nel raggiungere un accordo con i palestinesi per due Stati è il rifiuto ad accettare l'esistenza dello Stato d'Israele che ha portato a dire no a soluzioni generose come quelle di Barak e di Olmert. Una risoluzione come quella votata ieri non tiene in nessun conto che ci sono insediamenti indispensabili alla sicurezza mentre altri sono trattabili, consente discriminazioni legate alla Linea Verde, incrementa il BDS, forse anche le sanzioni, promuove odio e incitamento antiebraico, conferisce una vittoria pazzesca per i palestinesi nonostante il rifiuto e il terrorismo, ed è una festa per l'estremismo islamico che odia l'Occidente.

Gli egiziani avevano rinunciato giovedì alla loro mozione su richiesta, pare, del nuovo presidente Trump; ma il vecchio presidente ha fatto sì, si dice, che la sua gente lavorasse sott'acqua perché la mozione fosse subito ripresentata da Malesia, Venezuela, Nuova Zelanda e Senegal.

Obama sin dall'inizio del suo primo mandato ha dimostrato verso Israele un'antipatia alimentata dall'opposizione all'accordo nucleare con l'Iran del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahau, applaudita dal suo stesso Congresso. Che gli importa se l'Iran è diventato il migliore amico di Putin e combatte sanguinosamente in Siria? Obama ha mancato di ogni consistenza nel mondo mediorientale, col suo apprezzamento per la Fratellanza Musulmana e la sua convinzione che il suo personale charme avrebbe creato un rapporto pacifico col mondo islamico.

E così la sua colpevole sottovalutazione del terrore e la sua repulsione verso l'unico vero difensore della democrazia in medio Oriente, Israele, si combina fino all'apoteosi del suo gesto definitivo con la politica di quell'Onu che nel 75 stabilì col voto che «sionismo è uguale a razzismo» e che ha dedicato al piccolissimo Paese due terzi delle sue condanne ignorando centinaia di migliaia di morti, di profughi, di violazioni. Forse Obama sta disegnando il suo prossimo ruolo di presidente dell'Onu, gli si addicerebbe. Stasera in Israele si festeggia Hanuccà, in parallelo col Natale: che gli uomini di volontà seguitino a esserlo, nonostante Obama e la sua ipocrisia.

Commenti

ohibò44

Sab, 24/12/2016 - 17:14

Che altro ci si poteva aspettare dal primo presidente musulmano degli USA?

killkoms

Mer, 28/12/2016 - 19:50

la potente lobbie ebraica in Usa dovrebbe "ricordarselo" alle prossime elezioni di midtime,e presidenziali!e meno male che trump ha 70 anni!

ernestorebolledo

Mer, 28/12/2016 - 22:23

Obama è un musulmano

mariod6

Ven, 30/12/2016 - 00:32

Obama è sempre stato dalla parte dei palestinesi, peccato che i suoi migliori alleati in Medio Oriente, l'Arabia Saudita, non li voglia fra i piedi. Come ho già altre volte scritto i palestinesi hanno cercato di accoppare Hussein di Giordania e l'Emiro del Kuwait Al Sabah, ed entrambe le volte li hanno beccati e ne hanno fatto fuori alcune decine di migliaia ma non é servito a nulla, in Libano sono riusciti a scatenare una guerra di 20 anni; chissà perché dove arrivano loro scoppiano i disordini ?? E Obama, da bravo mussulmano li deve proteggere e deve lasciare la carica scatenando più casino che può, proprio per rendere la vita difficile a Trump. Se poi qualche migliaio di persone ci lascia la pelle cosa volete che gliene freghi a lui?? Se ne va in Kenya dove lo aspettano a braccia aperte.