Ora l'America ci ruba pure la dieta mediterranea

I dati diffusi dalla Coldiretti certificano il sorpasso: negli Usa si mangia meglio che in Italia

C'era una volta l'Italia. Il Paese del sole, del mare, dell'arte e della cultura. E del buon cibo, riconosciuto universalmente come il migliore al mondo. Invidiato, ammirato, copiato. Copiatissimo. Pure troppo. Tanto da diventare più loro che nostro visto che ora gli Stati Uniti sorpassano l'Italia e conquistano il primato mondiale nell'utilizzo della dieta mediterranea. Strano ma vero: nella patria del cibo spazzatura si mangia meglio che da noi, che siamo diventati sempre più patiti consumatori di hamburger, sushi e altri cibi, senz'altro buoni, ma anche inflazionati solo perché molto di moda.

Eppure il simbolo della vittoria del nostro cibo sul junk food made in Usa è sintetizzato in una pietra miliare del cinema italiano. Alberto Sordi che in «Un americano a Roma», scimmiotta la cultura a stelle e strisce nel tentativo di americanizzarsi, salvo poi cedere di fronte al «maccarone», il caro vecchio e insostituibile piatto di spaghetti che non può reggere il paragone con le «prelibetezze» americane. «Maccarone... M'hai provocato e io te distruggo, maccarone! Io me te magno!». E il cibo 'mericano («'mazza che zozzeria») lo dividiamo tra il gatto, il sorcio e le cimici da ammazzare. Così era, così è sempre stato. Loro, i 'mericani, grandi potenti, solidi. Noi, poveri ma belli e con il vanto di spiegare al mondo intero come e cosa mangiare.Evidentemente, per una volta almeno, ci hanno preso in parola. Perché, a pochi anni dall'iscrizione della dieta mediterranea nella lista del patrimonio culturale immateriale dell'umanità dell'Unesco, i dati diffusi da Coldiretti certificano che sono i 'mericani i primi al mondo per consumo di vino e conserve di pomodoro e salgono addirittura sul podio per quanto riguarda l'olio di oliva, subito alle spalle di Italia (e meno male) e Spagna. Numeri importanti. Con 30,7 milioni di ettolitri di vino, gli Usa sorpassano Francia e Italia. Ben 308 sono invece i milioni di chili di olio d'oliva consumati oltreoceano, dove però con 580 milioni di chili nel 2015 rimaniamo solidamente leader. Una disfatta invece in tema di pizza. Negli Usa se ne consuma una media di 13 chili a testa ogni anno contro i «soli» 7,6 di casa nostra. Va bene, la nostra è più buona e senza ananas, pepperoni con due p e condimenti astrusi, però loro ne mangiano di più.

La notizia potrebbe anche essere positiva per il nostro Paese, magari favorendo l'export delle nostre materie prime e rilanciando il nostro made in Italy. Peccato che i controlli scarseggino e che siano sempre di più le copie per nulla conformi all'originale che si vendono all'estero, dal parmesan alla carbonara con il cheddar, passando per tutti quei prodotti eccellenti solo spacciati per italiani su etichette truffaldine. Fatto sta che anche gli americani hanno capito come si mangia. Proprio mentre noi italiani ci stiamo sempre più facendo affascinare dall'esotico sushi, dall'americanissimo hamburger in pieno Obama's style, o da esotiche combinazioni suggerite dal guru di turno. Chissà cosa ne direbbe il vecchio Albertone nazionale. Con spaghetti, pomodoro e un buon bicchiere di rosso dettava legge. Lui sì che ci aveva visto lungo.

Annunci

Commenti

Tobi

Dom, 06/03/2016 - 09:59

Obama il falsario, ecco come sarà ricordato questo squallido personaggio. Anche se tardi, è ora che il sipario cali su di lui. E Dio abbia pietà di lui.

st.it

Dom, 06/03/2016 - 10:00

E' giusto..................... saccheggio più o saccheggio meno... siamo un paese in svendita.

franco-a-trier-D

Dom, 06/03/2016 - 10:07

VI HA RUBATO LA DIGNITà COSA VOLETE SIA LA DIETA MEDITERRANEA SIETE I SERVI DEGLI USA E COME TALI VI TRATTA.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 06/03/2016 - 10:41

Va be. Bisgna vedere con cosa fanno la pizza. O l'olio d'oliva.

Klotz1960

Dom, 06/03/2016 - 11:03

Grazie, gli Americani sono 350 milioni, per forza ci battono sui consumi totali, anche di vino, olio d'oliiva e pomodoro. Sono i consumi pro capite che contano, ed infatti sono ben dietro noi e tutti i Paesi Mediterranei, dal vino ( minoritario negli Usa) a pomodoro ed olio. Solo sulle pizze c'e' competizione. Complimenti per questa autentica asinata.

Ritratto di hardcock

hardcock

Dom, 06/03/2016 - 11:08

Come quotidiano libero da impegni dovreste bannare gli idioto che inneggino in qualsiasi forma a Dio. non fanno altro che continuare la presa per il culo dell'umanita'. Molice Linyi Shandong China. Stenos una cosa e sicura non usano il veleno tunisino

lupo1963

Dom, 06/03/2016 - 11:31

francoatrier non perdi occasione nel poco tempo che ti resta da vivere per sbavare odio sul paese in cui ,ahime',sei nato.Consolati che oggi e' domenica,ti fai una bella mangiata di pane nero e bile,crauti e wurstel.Ahahahahahahahahahahahahahahahaha.Buon appetito,straccione di un emigrato.

joecivitanova

Dom, 06/03/2016 - 11:32

Pur avendo in moltissimi campi le migliori eccellenze mondiali, siamo stati sempre un popolo di esterofili, soprattutto coloro che 'pendono' da una certa parte politica; chissà, forse perché essere nazionalisti e tradizionalisti nella scelta di prodotti, siano essi alimenti, cultura, parole, viaggi o altro, per loro vuol dire essere conformisti e quindi non progressisti e allora si rischia magari di apparire di...destra!! Non sia mai, per carità..!! Ad un certo punto della nostra storia poi, più o meno adesso, siamo diventati un popolo stupidoloso..!!.. G.

Tobi

Dom, 06/03/2016 - 11:35

abbia pietà anche di quegli schiavi che esultano per le catene a cui si sono legati da se stessi e nel cui scintillio s'illudono di vedere libertà.

Ritratto di andrea626390

Anonimo (non verificato)

semprecontrario

Dom, 06/03/2016 - 12:22

la sinistra sta rovinando l'italia

pier47

Dom, 06/03/2016 - 12:36

buongiorno, il sig. Basile può scrivere tutto quello che vuole ma la direzione a pubblicare certe cretinate no.Paragonare i consumi tra 320 milioni di persone e 60 milioni mi sembra fuori luogo,i calcoli si fanno PRO CAPITE!!!!Inoltre se il sig. Basile va in giro al venerdi,sabato e domenica sera,vede quante persone ci sono nelle pizzerie e nei ristoranti tradizionali e quelle nei giapponesi e nei mcdonald's.Per quanto riguarda i falsi bisogna rivolgersi al sig.Martina nostro "ministro"dell'agricoltura che si fa fregare in ogni dove,vale a dire l'incapacità di proteggere i nostri prodotti e votare in ue per l'importazione sfrenata di olio tunisino,arance marocchine e merdacce varie. saluti

Anonimo (non verificato)

agosvac

Dom, 06/03/2016 - 12:55

Tanto per fare un esempio. Io amo molto il pesce. Amavo anche molto viaggiare. Ho mangiato pesce in Sud Africa, ho mangiato pesce in Tailandia, ne ho mangiato in Cina e ne ho mangiato in Francia del Nord ed in Germania. Era anche abbastanza buono, ma mai come il nostro pesce del Mediterraneo!!!

Klotz1960

Dom, 06/03/2016 - 12:57

Il giornalista parla dei consumi totali, non pro capite. Dato che gli Usa hanno 350 milioni di abitanti, e' evidente che i consumi totali sono piu' alti. Pro capite, gli Americani sono anni luce dietro Italia Spagna e Francia in consumo di olio d oliva, pomodoro e vino. Sono invece vicini a noi per consumo di pizza.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Dom, 06/03/2016 - 13:01

L'Italia è piena di dementi ma ogni tanto ne spunta uno nuovo. L'ultimo è un tale Tobi!!!!!!!!!!!!! Il cre.tino, fuorviato da un titolo sbagliato (complimenti a Il Giornale quando titola l'America ci ruba la dieta, come se fosse nostra per diritto divino) da del falsario ad Obama!!!! Falsario di che????????? Dio, perdonalo perché non sa la cavolate che dice!!!!!!!!!!

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 06/03/2016 - 13:26

Oramai gli italiani sono quasi tutti a lavorare all'estero mentre l'Italia subisce passivamente l'invasione dei clandestini che sfornano figli come sorci e quindi startisticamente stiamo diventano un paese del terzoo mondo. nopecoroni.it

ectario

Dom, 06/03/2016 - 13:39

In america per mangiare bene devi spendere una fortuna. Quindi, come si mangia in italia bene ed al giusto prezzo, non c'è posto al mondo che tenga. Se mangiano più pizza non è un gran risultato.

Tobi

Dom, 06/03/2016 - 14:02

andrea626390, con falsario intendevo le politiche di Obama, un falso che è evidente agli occhi di tutti (tranne che a lei evidentemente), a partire dal Nobel per la pace assegnatogli senza senso e seguite da guerre imposte per creare il caos in varie parti del mondo. Il discorso sulla dieta mediterranea non aveva nulla a che fare con il mio commento. Era semplicemente rivolto al personaggio. Posso esprimere la mia opinione o è così cre.tino da esserne disturbato e devo pertanto chiederle scusa?

buri

Dom, 06/03/2016 - 14:11

siamo i soliri cxxxxxi, mwntre in America esiste una campagna contro i junhfood, in I talia abanoniamo le nostre tradizioni culinatie per gli hamburger ed altre schiffezze, di che ci lamentiamo?

alox

Dom, 06/03/2016 - 14:25

L'invidia e' classica dei Paesi Social-Comunisti....in USA si puo' scegliere mentre l'Italia ha fatto scappare gli Artigiani e i piccoli commercianti molti dei quali se ne vanno anche in USA a fare quello che sanno fare in modo unico e magistrale! @ectario non e' come dici, i fornelli ce li hanno anche le famiglie in US. Prova ad andare in Publix, Wall-Mart, Fresh-Market, una delle diverse catene della GDO o semplicemente in piccoli deli: l'offerta di prodotti e' logicamente molto piu' ampia per soddisfare le richieste di cittadini di ogni parte del Mondo...naturalmente non trovi il formaggio della valle di non!

swiller

Dom, 06/03/2016 - 18:45

Se mangiare m***a significa mangiare meglio contenti loro.

franco-a-trier-D

Lun, 07/03/2016 - 11:30

semprecontrario e chi l ha messa al governo io o voi? Voi amate il PD ora pagate le conseguenze.