Parisi smaschera Sala su casa e conti Expo «Basta balle, prende in giro gli elettori»

Ieri a «Porta a Porta» lo scontro tra i candidati Al centrosinistra niente appoggio dai Radicali

Milano «Beppe Sala ha detto una enorme balla elettorale. Non si prendono in giro gli elettori, in particolare le migliaia di persone che vivono nelle case popolari». Addio fair play, a nove giorni dal ballottaggio anche a Milano si alzano i toni dello scontro tra i candidati-manager. Nel duello a Porta a Porta andato in onda ieri sera, Stefano Parisi ha smontato il progetto annunciato 24 ore prima dallo sfidante del Pd. «Do una notizia - aveva lanciato Sala - Milano sta procedendo alla vendita delle quote della società autostradale Serravalle. La vendita vale più o meno cento milioni e sono esattamente i denari necessari per un'opera di manutenzione straordinaria delle periferie, con quelle risorse partirò subito con un piano per le case popolari». Ma «non è fattibile - ha attaccato Parisi - ho parlato con gli amministratori della società e secondo la legge Madia per legge le quote dovrebbero essere acquisite dalla Serravalle stessa e non è in grado di sostenere l'acquisto. Raccontare che si vende e si fanno 100 milioni di investimenti sulle case popolari è una bugia, non si può trattare con tanta disinvoltura il bene pubblico come fa Sala, e come sembra aver fatto anche sui bilanci di Expo». L'ex commissario è stato bersagliato non solo dal centrodestra ma anche da una parte del Pd e della sinistra che poi lo ha sostenuto al voto sulla scarsa trasparenza sui conti del 2015. Ieri ha ribattuto nervoso a Parisi: «Vai sul sito expo2015.com a leggere i conti, avete la capacità di buttare tutto in caciara, non facciamo i fenomeni e lasciamo stare Expo. Spiega piuttosto come fai a tagliare 200 milioni di tasse». Dopo molte ore con una nota Sala assicura che Serravalle «ha allo studio diverse modalità per alienare le quote entro fine anno». Il secondo round è su Area C, il ticket d'ingresso in centro. «Funziona ma Parisi vuole abolirla» attacca Mr. Expo. «Stai zitto e non mettermi in bocca cose che non ho mai detto, voglio renderla gratuita per i residenti nell'Area» la replica.

Da parte di entrambi i manager continua la caccia ai voti del Movimento 5 Stelle, anche se Sala riconosce che i grillini «potrebbero avere una reazione anti-Renzi e votare a destra». Per attirare i Radicali annuncia «un referendum nel 2017 sulla riapertura dei Navigli». Ma i milanesi hanno già votato 5 anni fa. Per ora, Sala per ora incassa un appello web di Costantino della Gherardesca e dell'Arcigay.

Commenti

Duka

Ven, 10/06/2016 - 09:33

Come si fa a dare fiducia ad un soggetto che finge di dimenticare d'avere una VILLA A SAINT MORITZ ?

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Ven, 10/06/2016 - 09:55

Schermaglie elettorali.il gioco delle parti.

glasnost

Ven, 10/06/2016 - 10:29

@Duka : non si stupisca, i sinistri non si accorgono MAI delle malefatte dei propri candidati, credono solo alle parole dei loro capi-bastone. Qui a Bologna si dice che lo voterebbero anche se il PD 8 o PCI) candidasse un asino. E qui di esperienza del PDF e delle ue malefatte ce n'è tanta...

Ritratto di centocinque

centocinque

Ven, 10/06/2016 - 10:47

Ha dimenticato la villa in Svizzera, i lavori a Zoagli e ora anche di depositare il bilancio: chiaro, no?

Gasparesesto

Ven, 10/06/2016 - 12:16

Sala ha gettato la maschera mettendo in ridicolo la propria onestà , rifiutando di far vedere la propria dichiarazione dei redditi è proprio un ridicolo! Adesso spara a zero sul M5Stelle a cui ha chiesto mediaticamente e senza tanti fronzoli i voti dei suoi elettori , spara a zero su Parisi a cui si propongono come elettori liberi di stimarlo di più per la guida del comune Meneghino !

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 10/06/2016 - 12:22

Il PD sforna le leggende metropolitane.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 10/06/2016 - 12:58

Alla luce dei retroscena rivelati dalla Mussolini sulle elezioni a Roma, occhio che gli elettori leghisti e di FdI non vogliano rendere la cortesia (sii.. lo so: commento censurato).

lorenzovan

Ven, 10/06/2016 - 13:11

ritornati ai vecchi tempi...ogni giorno c'e' uno "smascheramento"...he he he ...chissa' perche' fa sempre rima col famoso "smacchiamento"...lolololol