Il Pd archivia Renzi con il sorpasso al M5s "Ora siamo in campo"

Zingaretti festeggia: inizia una nuova stagione di bipolarismo, siamo l'alternativa a Salvini

I l sorpasso sui Cinque stelle, quello che a leggere i sondaggi delle ultime settimane sembrava un sogno irraggiungibile, c'è. Ed è abbastanza per far scoppiare l'entusiasmo, quando alle 23 le tv danno i primi exit poll e nella stanza di Nicola Zingaretti al Nazareno il segretario del Pd esulta, insieme all'ex premier Paolo Gentiloni, al responsabile esteri Enzo Amendola, alla parlamentare Lia Quartapelle. Il secondo obiettivo zingarettiano, però, sembra vacillare con l'inizio delle proiezioni: il risultato del Pd oscilla tra il 21% e quella soglia psicologica del 22% che il nuovo leader si era dato per poter cantare vittoria.

Zingaretti aspetta fino a dopo l'una di notte per scendere in sala stampa e commentare un risultato già più stabilizzato. E si dice «molto soddisfatto» della «scelta vincente» fatta con la lista unitaria Dem: «C'è una grande novità politica - spiega - il bipolarismo italiano torna ad essere centrato sulla presenza del Pd». Non è più monopolizzato dalla gara amorosa tra i due partiti populisti italiani, uno dei quali - quello della Casaleggio, di Di Maio e del traballante premier Conte - ha preso una batosta. Zingaretti si prende dunque il volante della competizione: «Per noi la sfida ora è quella di costruire un'alternativa a Salvini, che esce come vero leader di un governo immobile e pericoloso». E per Salvini, fuori dai confini patri, le cose non vanno per nulla bene, sottolinea: «L'aggressione sovranista è fallita, in Parlamento c'è una forte maggioranza europeista e i populisti sono ai margini».

Il successo del sorpasso sui grillini, però, è quello su cui ci si concentra nella notte al Nazareno: il Pd si impone come secondo partito dopo la Lega, e questo è un risultato rassicurante per Zingaretti, che rafforza la sua posizione nel partito, allontana le ipotesi di scissione, e che può - dicono i suoi - rendere nuovamente «attrattivo» il Pd, come perno di una possibile coalizione. Certo, la soglia del 40% che può rendere vincente uno schieramento alle elezioni nazionali resta assai lontana, e non saranno sicuramente le frattaglie della sinistra extra-Pd, o il contributo di Più Europa a renderlo raggiungibile. Le elezioni «si vincono al centro», ha ammonito l'ex leader Matteo Renzi, e anche Zingaretti pensa che la costruzione di una «gamba» centrista sia necessaria. Ma questo è un problema del futuro, come quello dell'avanzata leghista nelle regioni rosse: ieri sera, al Nazareno, si è festeggiato. «Un anno fa tra noi e i Cinque stelle c'erano molto più di dieci punti di distanza, stasera si discute se siamo avanti noi o loro. Il bipolarismo tra populisti è superato», sottolinea il vicesegretario Andrea Orlando. L'allusione alla sconfitta renziana dell'anno scorso è tutt'altro che casuale: per molti zingarettiani il risultato ha innanzitutto un valore interno, una sorta di vendetta postuma degli ex Pci contro il leader che ha provato a scalzarne l'eterna egemonia.

Zingaretti ha atteso il voto con silenziosa prudenza: l'ultimo appello agli elettori via Twitter: «Cambiamo l'Europa, salviamo l'Italia!». Il voto nella scuola del quartiere dove è cresciuto, un caffè con pasticcini nel solito bar di Piazza Mazzini. Poi si è chiuso in casa staccando le comunicazioni, collegandosi solo saltuariamente, via whatsapp, con il suo staff.

«Se superiamo il 22% si riapre la partita della coalizione, e si allontana la scissione», ragionavano gli stretti collaboratori del segretario. I renziani tengono però a sottolineare la «lealtà» con cui hanno fatto campagna elettorale per il partito, oltre che per i «loro» candidati.

Commenti

19gig50

Lun, 27/05/2019 - 09:24

Molti si chiedono, come sia possibile che il pd abbia aumentato i propri voti? La cosa è semplice il fatto è che sono voti irrisori, inutili, arrivati da quelle coop e associazioni varie dei preti che si sono viste togliere l'osso di bocca con lo sfruttamento dei clandestini. Inoltre c'e da dire che il 4 marzo i comunisti pensarono di infiltrarsi tra i grillini riconoscendosi nelle stron@ate del loro programma e confortati di avere una quinta colonna in quel fico. In seguito, Salvini ha fatto crollare le loro aspettative, con il consenso della maggioranza degli italiani. A questo punto c'è stato un contro ordine dai vertici sinistri ed in questa tornata, il partito democratico ha superato i 5 STALLE perchè le pecore ed i pecoroni sono tornati all'ovile... ma, non contavano e non contano una sega!!

kennedy99

Lun, 27/05/2019 - 09:48

quando gli italiani conosceranno anche il caro zingaretti archivieranno anche lui come hanno fatto con renzi. basta solo saper aspettare.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Lun, 27/05/2019 - 09:49

siete l'alternativa di cosa ??? ma VOI, davvero pensate che basti cambiare "leader" ( cosa che quello in foto NON E') per abbindolare la gente e far credere che siete diversi da quel PD che ci ha messo a terra in questi anni?'!! Questo sarà cio' che vi farà sparire, la spocchia che avete, voi cambiate 2/3 facce ma rimanete lo schifo che siete !!

carpa1

Lun, 27/05/2019 - 09:53

Trattasi di un semplice travaso, che non sono nè carne nè pesce, tra pdioti e grullini.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 27/05/2019 - 09:56

Un risveglio della sinistra, lo dicono i numeri, ma gli stessi numeri ci dicono che Zingaretti é abbondantemente al di sotto della percentuale del 40,6% realizzata da Renzi. Per i comunisti, ancora una volta, "mala tempora currunt"

Duka

Lun, 27/05/2019 - 10:23

Ma i disastri dei Komunisti non li paga ne Renzi ne il partito . CHI paga per le idiozie altrui siamo sempre noi.

DRAGONI

Lun, 27/05/2019 - 10:28

ARCHIVIA? MA SARANNO GLI ITALIANI A RIUCORDARSI DELLO SPERPERO DI ROSORSE DI RENZI E COMPAGNIUCCI!!SPERPERO CHE TOCCO' L'APICE CON L'ACQUISIZIONE DEL GIOCATTOLONE VOLANTE , AEREO SIORPASSATO E PER GIUNTA FUORI MERCATO!!

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 27/05/2019 - 10:42

"Ora siamo in camp". Zingaretti ha parlato! Però, ci sono tanti "Campi". C'é lo Stadio Olimpico ed il campetto della Parrocchietta. Ora Zingaretti è senza dubbio in Campo, ma sta ancora in serie B. Deve ancora pedalare a lungo.

jaguar

Lun, 27/05/2019 - 11:02

Al PD è andata di lusso, tanti elettori del M5S sono tornati all'ovile. Zingaretti deve ringraziare la campagna elettorale suicida del movimento.

HappyFuture

Lun, 27/05/2019 - 11:10

La "vera" tragedia è la riesumazione del cadavere PD. Il PD rimane cadavere, nonostante. Ma è vergognoso come gli italiani siano influenzabili dalle diffamazioni fatte da questo giornalaccio verso il M5s, e come siano legati all'ideale di una sinistra che il PD certamente NON rappresenta, e forse, per come si è comportato da traditore, non ha mai rappresentato. Poveri noi.

DiegoGio

Lun, 27/05/2019 - 11:21

Alle politiche 2018 c'era Liberi e Uguali che prese 3,39%. Probabilmente l'aumento del PD alle europee 2019 è dovuto in parte all'assenza di questo partito...

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Lun, 27/05/2019 - 11:33

Ha preso i voti della chiesa, ed ha ragione 19gig50. Alla prossima tornata ci fa un fischio Zingarello.

maurizio50

Lun, 27/05/2019 - 11:46

I Compagni festeggiano sempre. Anche per i seicentomila sbandati Africani che girano per le nostre strade. Questa è la vera eredità del Partito sedicente Democratico!!!