Il piano Ue sui rimpatri è fallito il primo giorno

Lo stop del governo greco: "Ci servono più di 24 ore". Proteste a Lesbo dove sono arrivati ottocento profughi: "Mancano polizia e traduttori"

«Come pretende l'Europa che la Grecia, in un giorno, attui il piano-migranti di rimpatrio se qui mancano traduttori, avvocati, poliziotti?». Il grido di protesta arriva da Lesbo, isola dell'Egeo orientale a una manciata di miglia da quella costa turca che continua a vomitare braccia e occhi in quantità industriale in Grecia (solo ieri giunti in 800). E dopo che lo stesso coordinatore del governo greco per le politiche migratorie, Giorgos Kyritsis, aveva alzato bandiera bianca («Ci vogliono più di 24 ore», ha detto ieri). Da Lesbo è transitata la stragrande maggioranza dei 48mila profughi attualmente su territorio greco. Da Lesbo sono iniziate le prime proteste di albergatori e cittadini che, osservando la costruzione degli hostpot, vedevano andare in fumo gli affari turistici del 2016. E a Lesbo ieri, giorno di inaugurazione dell'accordo, due migranti sono stati trovati morti su un barcone che ne trasportava a decine, segno che la linea forzatamente tracciata da Bruxelles e Ankara, e pagata a peso d'oro, è solo sulla carta, mentre nelle stesse ore una pattuglia della Guardia Costiera ellenica ha aperto il fuoco contro un motoscafo che aveva appena scaricato 20 profughi a Panagia Oinussa: mezzo affondato e manette per i due scafisti turchi 20enni.Oggi la Grecia pronuncia un altro no, dopo quello già noto alla troika con referendum sul memorandum del luglio scorso. Il piano su cui Turchia e Ue si sono accordati sarebbe dovuto essere operativo da ieri, così come il premier Alexis Tsipras aveva garantito ai «creditori» Merkel e Hollande nel vertice di tre giorni fa. Ma come accaduto con l'affare del debito, tutt'altro che prossimo alla soluzione come dimostra la fibrillazione nella troika tra Fmi e Bce, i conti sono stati fatti senza l'oste. Mentre a Idomeni permane il collasso più assoluto, con lo choc dato da un rifugiato che ha tentato di violentare una bimba di 7 anni nel bagno del campo, nel resto del Paese gli sbarchi non cessano nonostante i sorrisi di Tusk e Davutoglu. Il piano-Merkel di usare la Nato nell'Egeo per fermare i viaggi dei migranti si sta rivelando un flop: nonostante il pattugliamento pubblicizzato come la panacea, ecco che i numeri stroncano Berlino. Gli arrivi non diminuiscono e proprio a Lesbo ieri ce n'erano ancora 6.000. Nella prima settimana dopo l'inizio del pattugliamento al largo della costa della Turchia, sono arrivati ben 9.515 profughi sulle isole greche, esattamente quanti ne sono arrivati senza il controllo della Nato. I numeri spiegano la situazione meglio di analisi e ipotesi. Ieri al porto di Eleusi un catamarano da Chios ha sbarcato 1.169 tra immigrati e rifugiati: tutti destinati ai nuovi hotspot. E nel porto del Pireo ne sono arrivati altri 446, destinati alla struttura di Larissa. Secondo la Guardia Costiera nel Pireo solo ieri c'erano 4.458 migranti stivati in quattro gate passeggeri e in un hangar ed è stato stimato che in Grecia serviranno 4.000 professionisti, per gestire i rimpatri e organizzare il sistema di drenaggio dei nuovi arrivi, ma da Bruxelles nessun dettaglio sui tempi di arrivo. E mentre in occasione della pubblicazione del libro Mai senza l'Europa, il feld ministro Wolfgang Schaeuble dice dai microfoni di Radio Europa1 di fidarsi dell'operato di Tsipras, invece secondo il sondaggio Alco l'81% dei greci ha perso la fiducia in Syriza e si sente frustrato guardando al prossimo semestre. Quando, accanto al probabile ulteriore taglio delle pensioni, dovranno convivere anche con gli hotspot fatti costruire in fretta e furia dal governo. Perché tutti sanno che in migliaia resteranno in Grecia.twitter@FDepalo

Commenti

amledi

Lun, 21/03/2016 - 08:26

Intanto solo ieri in Sicilia sono arrivati 1800 migranti e 700 a Cagliari,questi ultimi gentilmente appioppati a noi da una nave spagnola,che fa parte di quella "geniale" organizzazione europea chiamata FRONTEX. Chi non si preoccupa o si preoccupa poco di questa INVASIONE è pazzo da legare.

linoalo1

Lun, 21/03/2016 - 08:54

Eppure,sarebbe così semplice risolvere il Problema Immigrati in Europa e tornare ad essere Padroni di noi stessi e del Nostro Territorio!!!Basterebbe chiudere tutte le Frontiere e rispedire a Casa Loro tutti gli Immigrati di qualsiasi tipo!!!!Per chi non lo avesse ancora capito,questa degli Immigrati è un'Invasione bella e buona!!!E le Invasioni,da che Mondo è Mondo,sono sempre state combattute anche con le armi!!!Se così non fosse,la Nostra Terra bob sarebbe così suddivisa!!Ci sono voluti Secoli per renderla così!!!Però,ormai ci eravamo abituati!!!E' ovvio che questo Cambiamento Improvviso ed Inaspettato,ci abbia preso di Sorpresa!!Però,come ai Tempi delle Grandi Invasioni,bisogna reagire con fermezza,se non si vuole soccombere!!!!

km_fbi

Lun, 21/03/2016 - 08:58

L'Unione Europea affonda nel Mediterraneo: chi si è assunto la responsabilità di fare accordi onerosi con i turchi ha semplicemente dimenticato di creare a monte, in territorio europeo, le condizioni necessarie affinché tali accordi - ammesso e non concesso che la Turchia voglia e possa rispettarli veramente - raggiungano i risultati attesi. I risultati attesi debbono necessariamente basarsi sull'acquiescenza dei vari popoli europei, che invece acquiescenti non sono per mille e mille motivi che sono sotto gli occhi di tutti: nessuno può accettare senza ribellarsi la dittatura utopistica di una UE senza testa, che impone gioghi pesantissimi per risultati ridicoli e pericolosi.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Lun, 21/03/2016 - 09:03

È la UE che è fallita, altro che il rimpatrio!

giovanni PERINCIOLO

Lun, 21/03/2016 - 09:12

Nel frattempo l'uomo del colle non trova di meglio che andare in giro per l'Africa a fare propanganda e rianimare gli appetiti dei candidati a diventare "risorse" sboldriniane!

franco-a-trier-D

Lun, 21/03/2016 - 09:19

meno male che ormai la Europa si rende conto che è troppo tardi per fermarli.

Marzio00

Lun, 21/03/2016 - 09:57

Guardate che il piano non è rimpatriali, questa è solo una facciata! Tra qualche tempo ci sarà un bel condono e che ci piaccia o no sarà l'unica soluzione che proporranno (già prevista a tavolino).

Giorgio Rubiu

Lun, 21/03/2016 - 09:57

Non poteva essere diversamente.La UE non ha saputo (o voluto?) fare i conti con la gran massa di migranti,rifugiati e clandestini non aventi diritto già presenti da cui deriva l'impossibilità di censirli e registrarli in sole 24 ore.Non ha nemmeno voluto fare i conti con la gran massa che tenta di arrivare in Europa (Grecia, Turchia, Italia) prima della mezza notte.Il problema andava affrontato concentrandoli tutti in un solo punto isolato da dove procedere al censimento, identificazione e qualificazione.Chi non idoneo mandarlo al suo paese a viva forza.Gli altri distribuirli nei Paesi disposta accoglierli e non solamente in Europa.Russia,Australia,Canada,Sud America,USA,Sud Africa.Per chi fugge da guerra e fame,dovrebbero andare benissimo. Molto meglio che le povere e sovraffollate Grecia, Turchia e Italia!

Felice48

Lun, 21/03/2016 - 10:05

Quest'europa ha fallito fin dall'inizio perchè è stata fondata solo sulla moneta in quantità incredibile e incalcolabile a favore di grandissimi capitali e non ha pensato minimamente di procurarsi una sicurezza dei propri confini con un'adeguata forza militare.Guardando più in là della moneta avrebbe dovuto intraprendere anche una politica svolta alla propria sicurezza semmai facendo la guerra ai vari focolai guerrafondai scatenati in quei popoli. Avrebbero dovuto capire che ci sarebbe stato un esodo enorme di gente che scappa da queste guerre. Non ci voleva molto con un'adeguata intelligence.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 21/03/2016 - 10:17

una pattuglia della Guardia Costiera ellenica ha aperto il fuoco contro un motoscafo...proprio come fa la nostra Guardia Costiera.

Ritratto di RindoGo

RindoGo

Lun, 21/03/2016 - 11:06

Vergognoso riempire di soldi un regime sanguinario e a base islamista come quello turco e adoperarsi per farlo entrare in una UE che soffre già di molte crisi identitarie e non ha bisogno di un apporto mussulmano così rilevante, che farebbe snaturare definitivamente la natura dell'Europa.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 21/03/2016 - 11:34

Che il "piano" fosse inefficace era comprensibile, implicito nel suo contenuto, direi calcolato. Del resto è proprio quello che vogliono i nostri "alleati", quasi dei "compaesani" nell'Unione, e cioè che i disperati mussulmani, in fuga dai loro compagni di fede in Maometto, ce li dobbiamo sorbire noi che abbiamo le coste sul Mediterraneo facilmente raggiungibili, salvando la loro coscienza, non turbata dalla chiusura delle frontiere interne, fatta cancellando i patti pregressi. Poi noi, grazie a Letta ed a Francesco, il papa nero, abbiamo avuta anche la brillante idea di facilitare gli "esuli" andando a prenderli a 10 miglia dalle coste libiche, per cui ormai a loro bastano gommoni con poca benzina e l'affare è fatto: per scafisti e cooperative, naturalmente, talché i fuggitivi continuano ad essere un affare. Per loro se Isis non esistesse bisognerebbe inventarlo.

il corsaro nero

Lun, 21/03/2016 - 12:04

Che strano! Non leggo i commenti dei vari sinistrorsi e, in modo particolare, di Libero Pensiero 77 e del tuttologo Raoul Pontalti! Come mai?

Una-mattina-mi-...

Lun, 21/03/2016 - 12:08

TUTTA FUFFA e TRUFFA - i veri rimpatri non li faranno mai, propaganderanno qualche gruppetto, come esempio di funzionamento, e proprio come i falsi ricollocamenti dall'italia, mai decollati. Gente che non presenta documenti e può far ricorso per anni con le attuali leggi se ne stanno a sbafo a tempo indefinito. Il fatto è che NON devono neppure arrivare perchè la loro presenza è senza senso.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 21/03/2016 - 12:12

Bisogna al più presto istituire una polizia di frontiera europea, con contributi di tutti i Paesi. E, nel frattempo, far convergere in Grecia forze dell'ordine e dell'esercito dei paesi limitrofi (o anche più distanti), allo scopo di rendere subito esecutivo l'accordo UE-Turchia.

Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 22/03/2016 - 08:31

Siamo onesti: quella che è fallita e dovrebbe essere chiusa immediatamente è la UE