La regina Elisabetta ha scelto: il suo fido scudiero sarà nero

Un ufficiale ghanese diventa il più stretto collaboratore Smentito così il presunto razzismo della Royal Family

La sua foto campeggia in prima pagina, subito sotto agli annunci di invio facile di denaro in patria. Il Ghana, un'ex-colonia britannica. Nana Kofi Twumasi-Ankrah eroe nazionale, il primo uomo di colore a diventare scudiero della regina d'Inghilterra. Onore e orgoglio e pregiudizi da dissipare. Una storia da manuale quella del maggiore Nana, partito con la famiglia nel 1982, quando aveva solo tre anni dal suo paese d'origine per approdare in Inghilterra. Una famiglia di immigrati, lavoro e sacrifici e gavetta. Tanta. Lo racconta lui nella lunga intervista rilasciata sui giornali inglesi che sta facendo il giro del mondo. Sguardo deciso e voce dolce. Un sorriso abbozzato e tanta soddisfazione che traspare. «Ho visto per la prima volta le guardie a cavallo dei Windsor guardando una cerimonia in televisione da piccolo». Sogni che diventano realtà e una storia che è un'iniezione di ottimismo, di buoni propositi e grandi risultati, fatta di lavoro duro che ripaga sempre.

Sposato, due figlie, il maggiore fila dritto verso la meta senza intoppi e tutte eccellenze. Finite le scuole si laurea alla Queen Mary University, entra alla Sandhurst, la più prestigiosa accademia militare nazionale. «Impeccabile», dicono del suo curriculum dal Sunday Times, che ha anticipato la notizia della sua nomina. Il maggiore Nana Kofi Twumasi-Ankrah, chiamato semplicemente Ta dagli amici, è un veterano di guerra dell'Afghanistan e attualmente uno degli ufficiali del reggimento di cavalleria che partecipa alle parate in onore della sovrana. Ha servito il Paese in guerra in Afghanistan, entrando nel reggimento di élite dei Blue and Royals, diventato il primo ufficiale nero dell'Household Cavalry, il reggimento di cavalleria reale che sfila dietro la carrozza della regina e alle parate nel giorno del suo compleanno. Nel 2011 è stato il comandante appunto di «Trooping the Colour», come si chiama la parata che festeggia il compleanno di Sua Maestà, e nello stesso anno è stato il vice-comandante del proprio reggimento alla sfilata per il matrimonio di William e Kate all'abbazia di Westminster.

E oggi, a trentotto anni, il ruolo che farà di lui il più stretto (e fotografato) collaboratore a palazzo reale e in tutte le occasioni pubbliche. Scelto direttamente dalla regina, tra altri candidati, sarà lui ad accompagnare Elisabetta, ora che il principe Filippo all'età di 96 anni ha deciso di ritirarsi dalla vita pubblica. Tra i suoi compiti ci sarà quello di stare vicino alla regina nelle cerimonie pubbliche, fare il suo assistente personale negli impegni ufficiali e dare il benvenuto agli ospiti più importanti nelle residenze reali. Lo scudiero avrà in futuro ancora più spazio e diventerà «l'uomo più visibile accanto alla regina», fa presente il domenicale britannico.

Una nomina la sua che ha anche il merito di azzittire i rumors su un presunto razzismo a Buckingham Palace.

Nel 2001 una segretaria nera del principe Carlo fece causa alla Casa Reale accusandoli di averla ingiustamente licenziata per motivi discriminatori: al processo testimoniò che nella famiglia reale c'erano sempre «battute sulle persone di colore». Reclamo poi respinto dai giudici, ma l'effetto sui media riuscì comunque a gettare un'ombra in tal senso sui reali. «Non sta a me dire se sono un buon esempio di come le nostre culture si mescolano bene. Di certo, quando da bambino guardavo la parata della regina in televisione, non avrei mai immaginato di diventare il comandante di quel reggimento di cavalleria». Eccolo lo scudiero Ta. Ha già sguainato la spada in difesa della sua sovrana.

Commenti

beowulfagate

Lun, 10/07/2017 - 09:33

Se fossi un britannico vero e proprio e con certe aspirazioni,mi girerebbero un pò le scatole nel vedermi sopravanzare da questo scimpanzé.Come per il corazziere di Mattarella...

Ritratto di thunder

thunder

Lun, 10/07/2017 - 09:41

Come ai bei tempi delle colonie.

Ritratto di Vogelspinnen-ChrisLXXIX

Vogelspinnen-Ch...

Lun, 10/07/2017 - 09:46

Gli Inglesi mettono sempre al primo posto l'identità storico-nazionale, culturale, religiosa ecc bene, avanti cosi! L'Italia prenda esempio, però.

Ritratto di nutella59

nutella59

Lun, 10/07/2017 - 09:50

La vecchia malattia razzista in Italia non passa proprio, vero? E chi se ne frega se lo scudiero è verde, rosa, giallo, marrone o blu? Basta che faccia il suo lavoro... E considerando che da quelle parti non fanno andare avanti solo gli amici degli amici, i camerati o i compagni, ma si avanza per merito, non dubito che l'ufficiale abbia le qualificazioni e l'addestramento necessari. I reali di Gran Bretagna avevano personale d'ogni genere quando nella corte dei Savoia si parlava solo piemontese e l'Italia cercava ancora un posto al sole e massacrava UN MILIONE di Etiopi, ricevendosi le bastonate del consesso internazionale.

Rodolfo89

Lun, 10/07/2017 - 10:01

Che tristezza ! God save the Queen

Ritratto di laracia55

laracia55

Lun, 10/07/2017 - 10:12

Sto pensando che questo maggiore non lo vedo nero ma forse si ha paura a dire di etnia negra. La popolazione sub sahariana viene definita negra. Noi slavi loro negri. Non c'è offesa non c'è iniente.

Michele Calò

Lun, 10/07/2017 - 10:15

Exotic and charming glamour of the Royal House for a good and popular imagine.

Agev

Lun, 10/07/2017 - 10:15

La Vecchia Signora.. Al Di La di questa inutile idiota notizia.. Si sta sempre più dimostrando l'unica donna intelligente del pianeta Terra . Personalmente considero da sempre gli inglesi uomini e donne dai piedi pesanti e tali sono rimasti ma.. La Vecchia Signora si sta dimostrando sempre più-Regina-. Wiva la Regina. Gaetano

Ritratto di laracia55

laracia55

Lun, 10/07/2017 - 10:15

Da Wikipedia Il termine negro indica una persona appartenente a una delle etnie originarie dell'Africa subsahariana e caratterizzate dalla pigmentazione scura della pelle; in senso più ampio, può applicarsi ad altri gruppi etnici con caratteristiche somatiche analoghe, come i negritos delle Filippine o gli australiani aborigeni.[1] Sebbene la sua etimologia e il suo significato originale e tecnico non siano né dispregiativi né volgari, sotto l'influenza di simili termini in inglese e tedesco, la parola ha assunto col tempo connotazioni negative anche nella lingua italiana.[2][3][4] Si presume che il passaggio da termine neutro a negativo sia avvenuto nel corso degli anni settanta.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Lun, 10/07/2017 - 10:24

Non sono d'accordo con Rodolfo 89: questo signore è arrivato regolarmente in GB da una ex colonia, famiglia integrata, curriculum impeccabile, è inglese al di là di ogni problema di pigmentazione. La cittadinanza inglese e i diritti se li è sudati e guadagnati, magari fosse così per le centinaia di clandestini, che ogni giorno assaltano l'Italia e a cui certi farabutti politici vogliono regalare da subito cittadinanza e "diritti". Se poi vi siano dietro tale scelta anche motivi di "politicamente corretto", beh, ciò non sminuisce i meriti personali del maggiore Nana Kofi Twumasi.

Ritratto di Azo

Azo

Lun, 10/07/2017 - 10:49

Dopo aver colonizzato una gran parte dell`Africa e averne derubato le materie prime, questo è il minimo, che i paesi africani si aspettano dalla Gran Bretagna,"IL RISPETTO"!!! I paesi europei dovrebbero prendere ad esempio, specialmente quelli Italiani, senza aprire le frontiere a tutta la delinquenza, ma aiutando Africani e Asiatici nei propri paesi, """COMBATTENDO PRIMA LA CORRUZIONE E IL FALSISMO CHE LE ALTE CARICHE E L`ALTA SOCETÀ, HANNO CREATO IN EUROPA E SPARSA IN TUTTO IL MONDO"""!!!

moshe

Lun, 10/07/2017 - 11:14

l'immagine mi ricorda il film "il pianeta delle scimmie"

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Lun, 10/07/2017 - 11:40

Una favola che diventa realtà. In tempi di confusa, anche brutale, realtà come questi, la funzione delle favole è proprio questa: evadere con la mente ipotizzando scenari o mondi migliori. Comunque non penso che la ragione della nomina vada individuata solo nelle indubbie qualità del soldato, ma anche nel tentativo di cancellare quel pregiudizio sulla famiglia reale. In un solo colpo esso è stato attenuato di molto, ma non è scomparso del tutto. In molte zone del mondo, certe nomine o elezioni sono più legate a tentativi ipocriti di attenuare certi pregiudizi che a effettivo, obiettivo valore del nominato o prescelto. Anche questi sono effetti collaterali del politicamente corretto.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 10/07/2017 - 11:51

Qualcuno ha avvisato la Regina della possibilità di incrementare, "a gratis", la sua scorta con le risorse attualmente presenti sul nostro territorio?

Ritratto di veronika

veronika

Lun, 10/07/2017 - 11:53

eeeeh, Her Majesty... once you go black, you'll never come back!!

Mr Blonde

Lun, 10/07/2017 - 11:59

BenFrank bravo

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 10/07/2017 - 12:18

Anche Nerone aveva dei Pretoriani neri. Erano liberti. Ex schiavi. Com quello della Regina.

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 10/07/2017 - 12:19

Per le fotografie per i selfie viene benissimo. Cosa non si fa per il 'business'. Non solo i portachiavi british.

Ritratto di frank60

frank60

Lun, 10/07/2017 - 12:49

Giusto...a quando le guardie svizzere di Francieschiello di colore?

zingozongo

Lun, 10/07/2017 - 17:23

godo come un riccio al solo pensiero di tutti i razzisti che ,andando a visitare la principessa dovranna ossequiare anche il corazziere.. grande..godoo godoo