Renzi sa cosa fare Il problema è che non lo fa

Renzi sa cosa fare. Il problema è che non lo fa

Dopo un anno di governo Renzi, l'Italia sta peggio di prima. È la conferma che, senza riforme radicali che spazzino via l'eccesso di fiscalità e di legislazione di anni di governi orientati a sinistra, il Paese, nella migliore delle ipotesi, vivacchia nella stagnazione o, nella peggiore, regredisce. Il presidente del Consiglio aveva avuto il merito di individuarne l'urgenza e aveva annunciato che avrebbe cambiato il volto del Paese con le riforme. Ma poi non ha fatto nulla.

L'Italia di Renzi è quella di sempre perché il governo si comporta come quelli che lo hanno preceduto e ne hanno provocato la crisi dalla quale non accenna neppure ad uscire. Invece di ridurre la pressione fiscale, diventata ormai intollerabile, aumenta le tasse per coprire i costi delle soluzioni di volta in volta individuate. Nuove tasse e maggiore produzione legislativa - con la pretesa di regolamentare tutto, la stessa dei governi che lo hanno preceduto - accrescono gli ostacoli che la società civile deve superare per produrre ricchezza, sviluppo e crescita. Ricordo la conferenza stampa che una delegazione giapponese aveva tenuto a Mosca dopo una serie di colloqui con le autorità sovietiche. «Quando noi abbiamo un problema – avevano detto i giapponesi – cerchiamo di risolverlo; i sovietici convocano una conferenza nella quale elencano le cose che dovrebbero fare, ma poi non le fanno, e tutto si esaurisce lì». In Italia accade la stessa cosa da anni e si ripete con Renzi.

Gli annunci del presidente del Consiglio assomigliano alle volonterose enunciazioni di un convegno di studio. Elencano le cose che si dovrebbero fare, come non dipendesse dal governo farle, ma poi non le si fa perché, evidentemente, c'è qualcuno, o qualcosa, che vi si oppone, o la politica preferisce non farle per non inimicarsi chi non le vuole. Chi sia poi chi non le vuole, è presto detto: è l'apparato burocratico dalla cui soluzione dipenderebbero, ma che non ha né la voglia, né alcun interesse a farle, dipendente come è dalle corporazioni civili.

Renzi aveva mostrato di aver capito quali erano i problemi, aveva annunciato le riforme che li avrebbero risolti, ma poi non le ha fatte. Hanno vinto ancora una volta le corporazioni e la burocrazia che sulla stagnazione ci campano e che impediscono ogni pur piccolo cambiamento; figuriamoci riforme che dovrebbero cambiare la fisionomia del Paese!

Il capo del governo sta facendo la fine che già aveva fatto Berlusconi, cui assomiglia come una goccia d'acqua. Ha il pregio – come l'aveva avuto il Cavaliere - di capire quali sono i problemi – che sono sempre gli stessi - e le soluzioni per risolverli, anch'esse sempre le stesse. Sono le riforme che modernizzino l'Italia e la differenzino dai Paesi di socialismo reale che le dure repliche della storia hanno condannato al fallimento. Vengono sistematicamente a galla i vizi d'origine del nostro sistema politico codificati nella Costituzione del 1948, un compromesso fra la cultura liberale, della quale si avvertiva l'esigenza dopo anni di dirigismo fascista, e la cultura collettivista di marca sovietica, cui si guardava con un eccesso di ideologico ottimismo. Le conseguenze dell'ibrido compromesso le paghiamo ogni giorno. Le paga il mondo imprenditoriale, impedito di fare il proprio mestiere da un eccesso di divieti, di licenze e di permessi. Il mondo della politica, sotto l'influsso delle corporazioni e della burocrazia, non ha ancora capito che la licenza è il mezzo col quale ogni potere dispotico esercita il proprio dispotismo sulla società civile. Se per aprire una tabaccheria, o una qualsiasi altra intrapresa, occorre una licenza pubblica, è inevitabile che il Paese o si fermi o produca forme estreme di corruzione per aggirarla. Ma, ad ogni denuncia della corruzione, spunta sempre qualcuno che suggerisce un modo tutto burocratico per combatterla – un nuovo organismo, una legge speciale - così la corruzione, invece di diminuire, aumenta!

Forse, bisognerebbe dare una scossa a Renzi – magari alle prossime elezioni, cui mostra di contare molto – che lo induca a darsi una regolata. Non solo ad annunciare un luminoso avvenire che poi non arriva mai, ma per cercare di consentire alle risorse private di realizzarlo davvero, per quanto possibile, in questa Italia di socialismo reale...

piero.ostellino@ilgiornale.it

Commenti
Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 23/07/2015 - 15:20

COMUNISTI, SINDACATI E BUROCRAZIA SONO IL CANCRO CHE ROVINA DA SEMPRE L'ITALIA E LA SUA ECONOMIA.

Rossana Rossi

Gio, 23/07/2015 - 15:36

Tutto vero, ma l'unica via per smobilitare del tutto questo apparato immobile costoso e opprimente sono i forconi..........

Ritratto di kikina69

kikina69

Gio, 23/07/2015 - 15:37

Sì certo, Renzi e Alfano sanno cosa fare..scaricare di notte i clandestini per impedire ai cittadini di opporsi all'invasione...se questo è il loro sapere, preferisco che non facciano niente. Come si muove fanno danni, sono degli incapaci e come tutti gli incapaci rimossi all'istante.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 23/07/2015 - 15:52

Ostellino non prendiamoci in giro,quando hanno votato le riforme nelle due camere ci si lamentava che con le riforme non si mangia,oggi che si attende il secondo voto al senato(attesa in base ai tempi previsti dalla vigente costituzione),ci si lagna perchè non si va avanti.La realtà è semplice,le riforme sono state avviate,manca ancora qualche passaggio ed intanto chi le sosteneva oggi si mette contro,ma è indubbio che le riforme servano e che se per miracolo ci dovesse riuscire ne guadagneremmo tutti.Nel merito poi,non mi sembrano assolutamente male,e bene farebbero gli altri a contribuire,perchè l'alternativa a queste riforme sarebbe l'immobilismo totale,situazione che giova solo ai politici destinati a perdere.

Duka

Gio, 23/07/2015 - 16:00

Quante volte l'ho scritto: UNO CAPACE E CON LE PALLE AVREBBE EVITATO LA BANCAROTTA DELLA AZIENDA DI FAMIGLIA- Ora da NON eletto ma "impoltronato" ci regala la stessa sorte.

gedeone@libero.it

Gio, 23/07/2015 - 16:02

Ma l'opposizione che fa? Lo vede lo sfacelo in cui versa l'Italia intera? Si organizzassero, facessero qualcosa. Il momento è gravissimo, penseranno dopo a litigare. Ora l'imperativo è salvare l'Italia e devono unirsi tutti nella battaglia.

fisis

Gio, 23/07/2015 - 16:15

Concordo con l'analisi. Il problema politico è che non si intravede, nel centrodestra, un leader che, condividendo un'analisi come questa, ne dia una versione capace di attrarre la massa degli italiani. Finora si è assistito nel centrodestra a una politica di appeasement, se non di sostanziale appoggio, a Renzi. Non parliamo dei cinque stelle, che con il loro giustizialismo ottuso e loro pretesa di "purezza", con le loro idee ultraecologiste di "decrescita felice", farebbero precipitare l'Italia in un periodo di Terrore e di disastro economico

vince50_19

Gio, 23/07/2015 - 16:27

Ostellino, per farla breve, su dieci annunci ne porta a compimento due o tre al massimo, pure malfatti e a forza di colpi di fiducia. Leggi malfatte sono leggi ostili al popolo italiano a mio avviso. Credo abbia superato le 36 richieste di fiducia, peraltro ottenute. Allora cos'è che non funziona? La presidenza del Consiglio che non ha poteri (da sempre e lo ha ben detto l'incubo del csx diverse volte), a parte quello di mettere la fiducia che normalmente non manca mai (cadrega docet..), ma di cambiare i regolamenti di camera e senato? Manco per il @@@@@!!! Adesso aspetto di leggere come pagherà le Pmi (70 miliardi di scoperto per lo stato) e come farà a diminuire le tasse in un triennio. Forse facendo altri debiti? Sarebbe da ricovero coatto!

Vikimp

Gio, 23/07/2015 - 16:32

io dico che il problema è che proprio non lo SA cosa fare. e comunque, i "sinistri" al potere è meglio che non facciano nulla! farebbero solo schifezze, conforme alle loro idee sballate.

Ritratto di aiachiaffa

aiachiaffa

Gio, 23/07/2015 - 16:35

COMUNISTI SOVIETICI, SINDACATI COMUNISTI E BUROCRAZIA COMUNISTA SONO IL CANCRO CHE ROVINA DA SEMPRE L'ITALIA E LA SUA ECONOMIA. Concordo con Maurizio Lanzi,con qualche 'aggiunta'...

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 23/07/2015 - 16:44

ma cosa dite mai! l' italia non è mai stata cosi bene! ora poi con tutti i migranti che alfano ci invierà, risolleveremo le sorti di questo paese che in passato è stato rovinato dalla politica di una destra incompetente quindi salvata da quel magnifico Mario Monti che senza essere mai eletto , statistiche alla mano e con l' aiuto di un colpo di stato, ha salvato l' italia con leggi finalmente sagge e giuste solo per se e milioni di povera gente.

paolo1944

Gio, 23/07/2015 - 17:11

E' la descrizione esatta della tragedia italiana. Ma resta un'illusione che la rivoluzione la possa compiere un post comunista, legato com'è al suo elefantiaco apparato e alle sue clientele, tutte figlie di quell'apparato burocratico che dovrebbe smantellare. E si vede. Gli italiani hanno perso nelle urne, per bieco e miope interesse personale. Lo stanno pagando caro, tutti (ma gli "inseriti" meno, per ora). Uno schifo epocale.

giuseppe1951

Gio, 23/07/2015 - 17:27

Preferirei avere ancora il vecchio dittatore Mussolini e non questo dittatore infantile e stupido che manda la polizia ad assalire chi lo mantiene in giro per il mondo a fare il bullo.

INGVDI

Gio, 23/07/2015 - 17:28

Il problema è Renzi e quello che ha fatto, non quello che non ha fatto e non farà mai.

unosolo

Gio, 23/07/2015 - 17:30

sono convinto che sa ma non potrà mai farlo , ha creato a Roma un suo staff ma non per semplificare ma per recepire più entrate senza dare nell'occhio e gli riesce , ma fino a quando riuscirà ad incantare il popolo di sx va tutto bene , se aprono gli occhi e confrontano le buste paga ( ritenute ) tra dicembre 2014 e giugno 2015 altro che se si incazzano .

unosolo

Gio, 23/07/2015 - 17:40

allora cambia il corpo di polizia e sicurezza , risparmio 40 miliardi circa , la sicurezza sparisce ecco dove diavolo ci stanno portando , peccato solo che non siamo attrezzati per la nostra personale sicurezza , loro , i ministri e le alte cariche girano con scorta e le case sono coperte da scorte armate mentre noi cittadini ci dovremmo difendere da soli contro la crescente delinquenza e clandestinità , nonostante i fatti di questi giorni tagliano soldi e uomini alla sicurezza , ma non alle scorte loro.ladri per fare soldi si vendono la Nazione .

INGVDI

Gio, 23/07/2015 - 19:07

Insisto. Chiedo ad Ostellino: perché si ostina, pur criticandolo, a dare fiducia a Renzi? Cosa la spinge? Perché afferma che Berlusconi e Renzi sono come due gocce d'acqua? Perchè non denuncia tutte le porcherie fatte dal governo Renzi? Perchè non denuncia il becero cattocomunismo messo in atto proprio capo del governo. Perchè non si fa portavoce dei malumori della gente per bene sui temi dell'immigrazione, sui provvedimenti immorali spacciati per diritti civili, sui temi economici (Renzi sta impoverendo il Paese). Perché non denuncia la guerra continua, condotta da Renzi e il PD, contro l'iniziativa privata, contro le partite iva e la piccola imprenditoria?

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Ven, 24/07/2015 - 09:13

INGVDI..già perchè?..me lo chiedo anch'io..

unosolo

Ven, 24/07/2015 - 10:14

la sinistra è impegnata a confondere le acque , tutti in campo a farci digerire altri aumenti ma mettendoci davanti alcuni progetti di nuovi sconti fiscali ma dietro quel progetto esistono e sono partite altre ritenute che coprirebbero anche più l'ultimo progetto che scadrà , o meglio partirà il 18 ma fino al 18 noi paghiamo enormi rincari per poi dovrebbero coprire questi progetti , sempre che vadano in porto , le tasse partite e quelle programmate .

mezzalunapiena

Ven, 24/07/2015 - 10:46

il sig. Ostellino è molto ottimista ma visto i risultati dopo le tante promesse credo che essere ottimisti sia una pura e semplice utopia.

Tuthankamon

Ven, 24/07/2015 - 11:30

Una sintesi perfetta. Condivido!

pgbassan

Sab, 25/07/2015 - 10:00

INGVDI: le malefatte del governo Renzi sono enormi, non paragonabili a Berlusconi. Sono sotto gli occhi di tutti, non certo dei compagni che negano, ma finchè si daranno voti al PD e anche M5S non se ne esce. E' sempre alla fine colpa del popolo.

pgbassan

Sab, 25/07/2015 - 10:02

INGVDI: le malefatte del governo Renzi sono enormi, non paragonabili a Berlusconi. Sono sotto gli occhi di tutti, non certo dei compagni che negano, ma finchè si daranno voti al PD e anche M5S e anche un certa magistratura fiancheggiatrice non se ne esce. E' sempre alla fine colpa del popolo.

pgbassan

Sab, 25/07/2015 - 10:36

Ottimo, Ostellino. Fondamentalmente è la costituzione del 48 il punto critico da cui nasce tutto il casino. Con questa formula gli apparati statali hanno la prevalenza su qualsiasi governo, che per costituzione è debole (voluto dai socialisti e comunisti per paura di nuove dittature e volute anche dai liberali e democristiani per paura che se il blocco sinistro avesse vinto le elezioni del 48 saremmo di sicuro finiti nella dittatura rossa). Un punto fondamentale inoltre è l'articolo del senza vincolo di mandato per l'eletto: e si apre così una serie infinita di passaggio di casacche e instabilità di governi. Un candidato che si presenta sotto un simbolo deve essere fedele ad esso, pena il decadimento: troppi traditori. Io ti voto per determinate cose e poi tu cambi in corsa. Ti ripresenti al giudizio.

pgbassan

Sab, 25/07/2015 - 10:37

Infine è come diceva Mussolini (di cui non sono fan ma che apprezzo per le tante cose giuste e belle che ha fatto, certamente non quelle negative. E per lo meno aveva qualità di statista e rispettato all'estero) che diceva che governare gli italiani non era difficile, ma inutile.

INGVDI

Sab, 25/07/2015 - 10:57

pgbassan, concordo. La sua sintesi è in sintonia con la mia, peccato che un giornalista intelligente e liberale come Ostellino non sia dello stesso avviso.

Cheyenne

Sab, 25/07/2015 - 11:15

Renzi è un incapace come tutti i suoi ministri, ma anche un furbetto che sa che se riesce a fare qualcosa che spaccerà per grande riforma come quel pasticcio del senato o altro potrà vantarsi, come già fa, tra lo stupore di tutti, di avere realizzato una rivoluzione copernicana in italia (i gattopardi prima erano solo siciliani ora sono anche toscani e italiani). I veri problemi disoccupazione, invasione clandestina, criminalità, impoverimento, distruzione del ceto medio vengono dimenticati e anzi guai a chi ne parla nelle TV di regime in cui vi sono solo servi finti giornalisti gente buona per tutte le stagioni

agosvac

Sab, 25/07/2015 - 12:24

Quando renzi ha esresso la sua riforma copernicale della tassazione in Italia, sono subito spuntate le vecchie cariatidi del PD: bersani e d'alema!!! No, dicono, non si devono abbassare le tasse, piuttosto si deve fare una cosa di sinistra che consiste nella lotta all'evasione fiscale. Cosa encomiabile, solo che non ha mai dimostrato di funzionare. Allo stato attuale i crediti del fisco sono di diversi e svariati miliardi di euro. Solo che nessuno è in grado di riscuoterli. Quando si legge: sono stati sequestrati un milione di euro oppure un miliardo di euro, molti pensano che sono andati nelle casse dello Stato per essere utilizzati. Manco per niente!!! C'è una burocrazia , sempre statale, che non lo permette. Ci sono ricorsi e contro ricorsi. Di tutto e di più. Allora la vera soluzione è abbassare le tasse ad un livello tale che non è più conveniente evaderle, tanto vale pagarle. Purtroppo la sinistra vive di tasse, senza tasse non ha ragione di essere.

agosvac

Sab, 25/07/2015 - 12:30

Egregia signora Agrippina, ma lei dov'era quando nel 2007 il signor prodi fece bocciare il referendum confermativo per le riforme costituzionali fatte da Berlusconi nel 2006 e che sono le stesse che oggi vorrebbe fare renzi????? Ha votato Sì alle riforme oppure ha votato un No secco????? Oppure vorrà sostenere che le riforme di renzi sono giuste mentre quelle di Berlusconi, pur essendo le stesse, erano sbagliate???????????

HappyFuture

Sab, 25/07/2015 - 14:08

Penso che l'unica nazione che Bruxelles riesca a governare sia l'Italia. Tutte le altre nazioni, non parliamo poi di Germania e Francia, hanno indirizzi e programmi e routine inamovibili. Il tran-tran quotidiano è assicurato e il sistema "stato" è lì per risolvere i problemi dei cittadini, non per crearglieli, come è in Italia. In Italia non vi è certezze, nè dell'oggi, figuriamoci del domani... In Italia non ci sono paletti inamovibili.... di contro... c'è Renzi... lui sì che "sembra" inamovibile.

brunicione

Sab, 25/07/2015 - 14:45

Concetto base dell'economia, investire per produrre nuove ricchezza, concetto Renzi, spendere di più per non far arrabbiare le caste che di fatto. governano il paese, altrimenti cade anche Lui.

asalvadore@gmail.com

Sab, 25/07/2015 - 19:19

Ergo Renzi é un fallito come i suoi predecessori. Il vero problema é che il premier di cui l'Italia ha urgente, anzi urgentissimo, bisogno deve essere un statista di calibro e non un mestierante di una piccola polica.

Ritratto di john galt

john galt

Sab, 25/07/2015 - 19:59

BASTA LASCIARLI SENZA SOLDI . .TANTO SONO LÌ SOLO PER LA PECUNIA .. .. MA LA LORO! ! !

emmea

Sab, 25/07/2015 - 20:42

#fisis – Ha detto bene, nel centrodx non si intravede un leader capace di riattrarre i voti della maggioranza degli italiani che sono dei moderati. Io sono il primo a non essere attratto da questo centrodestra fatto di mangioni, poltronieri e amanti dei lauti stipendi pubblici, traditori, opportunisti, adulatori del caro leader B. e mediocri scelti apposta per essere non leali ma fedeli esattamente come il cane. Per questo schifato dal PDL alle ultime elezioni mi sono rivolto al M5S i quali saranno anche ultraecologisti ma hanno dimostrato di essere onesti riducendosi lo scandaloso stipendio, rinunciando al finanziamento pubblico ai partiti politici facendo una opposizione vera a questo governo e non chiacchiere. Si è vero pretendono di essere più puri degli altri e lo sono veramente, per questo possono permettersi di dire e fare quello che dicono e fanno. Ne riparleremo alle prossime elezioni politiche. E se Salvini fosse furbo…

seccatissimo

Dom, 26/07/2015 - 03:26

Io sento sempre parlare solo della necessità urgente di ^^riforme^^ e basta, senza che vi sia l'aggiunta di un aggettivo, oltremodo necessario tipo: giuste, razionali, pragmatiche, realistiche, costruttive, risolutive. Piuttosto che delle riforme alla c...o di cane come risultano tutte quelle tentate o realizzate dagli antitaliani Monti & CO. fino all'attuale cialtrone nazionale, sempre antitaliano, è preferibile ragionarci bene e decidere dopo averci studiato profondamente per migliorare e non solo per fare una riforma, qualche cosa di nuovo, a tutti i costi, normalmente una ulteriore cazzata peggiorativa.

seccatissimo

Dom, 26/07/2015 - 03:37

In Italia non abbiamo solo bisogno di riforme strutturali, ma sarebbe necessaria soprattutto una decisa riforma in senso democratico della costituzione. Abbiamo una costituzione che un pagliaccio, inopportunamente molto ascoltato e seguito da un esercito di cxxxxxxi, definisce ^^la più bella del mondo^^. A parte il fatto che una costituzione non deve essere né bella né brutta, ma deve essere soprattutto valida, non truffaldina, democratica, efficiente ed applicabile, la nostra costituzione, invece, risente pesantemente dell'influenza malefica comunista subita quando venne scritta e con i suoi dettami illiberali, antidemocratici, illusori e piuttosto ingannevoli, in pratica balorda e levantina, è responsabile di gran parte dei passati ed attuali gravi problemi italiani!

seccatissimo

Dom, 26/07/2015 - 03:47

x ROSSANA ROSSI. Purtroppo penso proprio che sia come dici tu. Però, ma dove è andato a finire il cosiddetto popolo dei forconi? Si deve essere sciolto come neve alo sole come succede sempre quando in Italia, dalle parole si deve passare ai fatti per fare qualcosa di serio ma impegnativo!

incavolatobianco

Dom, 26/07/2015 - 08:10

sento al tg5 delle h.6 le parole del nostro eroe:"Se facciamo queste riforme,avremo ancora il 40% dei voti!" Ricorda da vicino Andreotti:"Sappiamo cosa fare,ma quando siamo alla direzione del partito,ci bloccano tutto,perché perderemmo dei voti!"Altro che paese,la poltrona innanzi tutto.

INGVDI

Dom, 26/07/2015 - 10:04

E' vero, Renzi sa cosa fare per perpetuare il socialismo reale facendolo passare per liberalismo. Questo bisognerebbe denunciare, caro Ostellino. Quanto al M5S, sebbene venga votato anche da gente onesta che spera nel cambiamento, rappresentano il peggio del peggio del Paese e per la loro stupidità si passerebbe dalla padella alla brace.

GUGLIELMO.DONATONE

Dom, 26/07/2015 - 11:41

Dr. Ostellino, lei scrive "...il capo del governo...ha il pregio di capire quali sono i problemi - che sono sempre gli stessi - e le soluzioni per risolverli, anch'esse sempre le stesse..." - Ma se problemi e soluzioni sono sempre gli stessi, quindi ormai palesi e noti a chiunque, dr.Ostellino, mi dica che c@@@o aveva da capire questo stolido sbruffocello da vicolo? La prego di soddisfare questa mia curiosità e la saluto cordialmente.

Joe Larius

Dom, 26/07/2015 - 13:19

Da un'attento e spensierato esame delle loro elucubrate esternazioni di qualsiasi tipo, si evince che non sanno cosa volgliono, protendono che sia realizzato subito, ma non essendone capaci, esigono che sia fatto dagli altri.

Ggerardo

Dom, 26/07/2015 - 13:22

Ma perche' questi articolisti non vanno fino in fondo al loro discorso ? Ostellino parla di dare una scossa a Renzi: ci dica per ch gli italiani dovrebbero votare. Non per Berlusconi, perche' lui stesso dice che ha le stesse colpe di Renzi. Allora chi ? Salvini ? Grillo ? Vendola ?

Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 27/07/2015 - 09:22

Agrippina, l'unica riforma utile per il nostra Paese, sarebbe quella di mettere al bando tutte le forze politiche di sinistra, vera iattura per la nostra Nazione. Da quando si è autoproclamato imperatore il giullare di Firenze, tutti gli indici sono peggiorati, disoccupazione ai massimi storici, debito pubblico che ogni mese genera un nuovo record, peso politico dell'Italia all'estero pari a zero, PIL non ne parliamo, esportazioni lasciamo perdere... l'unica cosa che genera utili ma solo per voi sinistrati, è l'arrivo di centinaia di migliaia di invasori clandestini e che state sparpagliando uniformemente presso la nostra Nazione. Le ricordo che anche il Belgio senza governo per due anni, fece meglio di noi con voi asini spocchiosi al comando.