Scie chimiche, laser o bosone? Complottisti scatenati sull'aereo

Ci risiamo: i fanatici della dietrologia ignorano la realtà e sfornano fantasie. La migliore: il pilota trovato morto in un'auto e poi incolpato

Sono qualche migliaio. Si informano (o meglio, si «controinformano») sulla Rete, su blog e forum «alternativi». Le loro teorie vengono lanciate e rilanciate sui social, finiscono sulle bacheche Facebook dei più insospettabili. Sono i complottisti, coloro che non si accontentano mai della versione ufficiale, ma sono convinti che tutto sia pilotato. Dai potenti, dagli Usa, dalla Cia, dal Mossad, dai fautori del Nuovo ordine mondiale.

Non c'è evento di rilevanza mediatica dietro cui non trovino le prove di una cospirazione. E anche per la tragedia del volo Germanwings schiantatosi contro le Alpi francesi si sono scatenati. Fomentati dalle prime notizie che parlavano di «rotta anomala» o dagli «otto minuti di buio», i complottisti le hanno pensate proprio tutte.

Una teoria su tutte campeggia fin dall'inizio: quella dell'inseminazione igroscopica delle nubi basse (una pratica che consisterebbe nell'immissione di sali nelle nuvole per «pilotare» le piogge, ovvero le «scie chimiche»), che giustificherebbe la quota troppo bassa a cui l'aereo volava. «Su quella zona vanno fermate le perturbazioni», scriveva il giorno della strage il guru Rosario Marcianò su Facebook, «Il satellite gestisce le irrorazioni e i piloti eseguono il cambiamento di rotta e quota quando necessario». Il tutto condito da foto satellitari che mostrano «pappa chimica nell'aria».

E ancora: «La scatola nera mostrata nelle foto evidenzia una scritta in francese. Non è certamente parte del volo in questione». Peccato che l'Airbus abbia sede in Francia...

Ma non finisce qui: con il passare delle ore si scopre che a far precipitare deliberatamente l'aereo è stato il copilota, Andreas Lubitz. A dimostrarlo ci sono le registrazioni di una delle scatole nere. Ma per loro non è sufficiente: i potenti hanno inventato tutto e incolpato uno dei morti per coprire la verità.

Spunta quindi la teoria del raggio laser chimico Hellads in mano agli americani che, invece di abbattere un missile balistico intercontinentale che passava sulla Francia, avrebbero colpito per errore un aereo civile. Per provarlo i complottisti portano link, dati tecnici e persino dei «dispacci» del Ministero russo della Difesa (inutile dire che di questi documenti non c'è nessuna conferma da Mosca).

Altri addirittura sostengono che l'aereo sia stato scortato da due caccia. A riprova c'è anche un testimone che avrebbe sentito «un boato come da esplosione di dinamite» e che poi avrebbero visto i caccia seguire l'Airbus. Una dinamica che fa pensare - ne sono certi - all'abbattimento del velivolo.

E che dire dell'acceleratore di particelle del Cern di Ginevra (quello del bosone di Higgs) che avrebbe creato un campo magnetico tale da tirar giù il velivolo? E poi quei dettagli che non tornano: come è possibile che l'aereo non sia esploso (in un primo momento fonti ufficiali parlavano di «relitto intatto»)? E perché nessuno ha trovato pezzi di aereo ancora intatti? Perché se nello schianto il velivolo si è quasi disintegrato non c'è un cratere sulla montagna? E che fine ha fatto l'altra scatola nera (qualcuno arriva a dire che l'aereo sia stato fatto schiantare in modo tale da distruggere i registratori di volo)? Per non parlare di quel cognome d'origine ebraica del copilota...

Fino all'ultima «notizia» diffusa sui siti di riferimento, che citano la Cbs, il corpo di Lubitz sarebbe stato ritrovato senza vita nel bagagliaio della sua auto a Barcellona. Inutile dire che ovviamente nessuna traccia della notizia si trova su qualsiasi media ufficiale (nemmeno sul sito della Cbs)

Commenti
Ritratto di saròfranco

saròfranco

Mer, 01/04/2015 - 09:28

È chiaro che si è trattato di un complotto pluto-giudaico-massonico ordito dagli americani. Io indagherei anche su Berlusconi, non si sa mai.....

Ritratto di Giorgio Prinzi

Giorgio Prinzi

Mer, 01/04/2015 - 10:31

Non vorrei anch'io entrare nella cerchia, ma probabilmente questi fantasiosi "informatori" fanno comodo. Ingenerano confusione e scetticismo, al momento buono vere rivelazioni ed inchieste serie condotte da competenti finiscono svilite nel calderone delle bufale. Probabilmente non si rendono conto di fare gli interessi ed il gioco di quei poteri forti contro cui dicono di combattere. Il migliore agente è quello inconsapevole, quello che non sa di esserlo ed agisce per pulsione ideologica e malintesa moralità.

sniper21

Mer, 01/04/2015 - 11:05

La mia teoria su questo disastro: speriamo di non trovarci davanti a Ustica2

vince50

Mer, 01/04/2015 - 11:09

Ci sono verità,verità di comodo e complottisti fantasiosi,cosa si vuole la busta n°1 la 2 o la tre?.

sniper21

Mer, 01/04/2015 - 11:15

Teorizzando, speriamo di non trovarci davanti ad Ustica2

Ritratto di nowhere71

nowhere71

Mer, 01/04/2015 - 11:23

spiegate allora perche' un aspirante suicida precipita lungo una rotta inclinata per dieci minuti invece di avvitarsi. Non rispondete che e' per salvare centri abitati! Ha mandato a morire 150 persone.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 01/04/2015 - 11:24

Non bastano questi dettagli,per generare dubbi?....:"come è possibile che l'aereo non sia esploso (in un primo momento fonti ufficiali parlavano di «relitto intatto»)? E perché nessuno ha trovato pezzi di aereo ancora intatti? Perché se nello schianto il velivolo si è quasi disintegrato non c'è un cratere sulla montagna? E che fine ha fatto l'altra scatola nera"....

briegel70

Mer, 01/04/2015 - 12:17

@ Zagovian Ma chi l'ha detto che l'impatto deve per forza creare un cratere ??? A seconda del materiale di cui è costituita la parete della montagna, e a seconda della dinamica, l'impatto può invece causare il DISTACCO di COSTONI e di detriti di varia misura dalla montagna. E, QUINDI, NESSUN "CRATERE" !

Raoul Pontalti

Mer, 01/04/2015 - 14:07

Concordo con Giorgio Prinzi.

Kosimo

Mer, 01/04/2015 - 22:46

non c'è regno nella storia che non sia stato scosso da un complotto