La solidarietà di Macron: al fondo Ue per l'Africa versa 9 milioni (noi 102)

Lezione di umanità: «Non scordiamo chi siamo» Ma dalla Francia contributo minimo all'Unione

«La Francia non deve prendere lezioni da nessuno». Il presidente francese ieri è salito di nuovo in cattedra, spiegando che «cooperazione significa responsabilità di ciascuno a partecipare e a condividere il carico». Le cose sono due: o Macron non conosce i numeri oppure sta ciurlando nel manico a spese non solo dell'Italia, ma di tutta Europa. Perché, come sottolineava sei mesi fa il sito Open Migration la Francia ha scelto di versare solo la cifra minima per finanziare i programmi legati al controllo delle frontiere e alla gestione delle migrazioni. All'opposto di Italia e Germania, primo e secondo contribuente.

Si tratta del cosiddetto Trust Fund per l'Africa presentato al vertice sulle migrazioni della Valletta nel novembre 2015 dai capi di Stato e di governo dell'Ue con i principali Paesi africani coinvolti nei flussi. Nato per contrastare «le cause profonde dell'immigrazione irregolare e dello sfollamento di persone in Africa, promuovendo opportunità economiche e rafforzando la sicurezza», il Fondo è diventato in due anni e mezzo uno strumento chiave, almeno potenzialmente, della politica europea in Africa. I 24 Paesi africani beneficiari sono: 13 nel Sahel (Burkina Faso, Camerun, Ciad, Costa d'Avorio, Gambia, Ghana, Guinea, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria e Senegal), 9 nel Corno d'Africa (Gibuti, Eritrea, Etiopia, Kenya, Somalia, Sud Sudan, Sudan, Tanzania e Uganda), e 5 in Nordafrica (Algeria, Egitto, Libia, Marocco e Tunisia).

L'Italia, con 102 milioni di euro, è il primo contribuente a livello europeo, ricorda Open Migration, seguita da Germania (54 milioni) e Olanda (26 milioni). Slovenia, Bulgaria, Lettonia e Lituania avrebbero versato poco più di 50 mila euro, mentre «la maggior parte dei governi, come quello francese, ha scelto di corrispondere 3 milioni di euro, la cifra minima per sedere nel Trust Fund Board che definisce le linee generali per l'assegnazione dei contributi» Idem Spagna e Svezia.

«Dobbiamo proteggere le frontiere lavorando sulla procedura di asilo e fare accordi per rendere più efficace il sistema», ripete Macron. Ma a due anni e mezzo dal lancio del Fondo fiduciario per l'Africa, c'è chi ha fatto la sua parte e chi invece fa finta che questo strumento quasi non esista. Al presidente francese farebbe bene esserne informato. Almeno al pari dei sondaggi che lo vedono in piena crisi di popolarità in Francia, costringendo l'Eliseo ad alzare i toni contro l'Italia giallo-verde per recuperare consensi in patria.

Nella rilevazione mensile Ifop-JDD, Macron è sceso di un ulteriore punto: dal 41% dei «soddisfatti» di maggio al 40% di giugno, toccando il suo minimo storico. Anche il premier Edouard Philippe (che nei giorni scorsi ha dato manforte alle dichiarazioni di Macron contro l'Italia) è calato dal 45% al 42%. Entrambi perdono le simpatie della sinistra che aveva sostenuto il movimento En Marche!.

L'ultimo comunicato europeo del 29 maggio spiega invece che la cifra investita dal Trust Fund per il Nordafrica è salita a 335 milioni. Ma non per merito della Francia. Oltre il 95% delle risorse provengono infatti dal Fondo Europeo per lo sviluppo (80%) e da altre voci del bilancio comunitario, tra cui Cooperazione (Devco), politiche di vicinato (DG Near) e affari interni (DG Home). Ciò ha permesso l'evacuazione di 1.287 rifugiati dalla Libia in Niger e «l'aiuto a 22 mila migranti bloccati lungo le rotte a tornare nel proprio Paese, dove riceveranno un sostegno al reinserimento». Anziché dar lezioni, i francesi potrebbero far la loro parte.

Commenti

Una-mattina-mi-...

Lun, 25/06/2018 - 21:57

PAGLIACCIO, BUFFONE, IMBOSCATO, RETICENTE, BUGIARDO... HO FINITO I COMPLIMENTI PER micron

killkoms

Lun, 25/06/2018 - 21:59

solo un c()e come n()2 può considerare grande uno come micron!

Divoll

Lun, 25/06/2018 - 22:10

Macron sara' andato a scuola di ipocrisia dai suoi padroni banchieri...

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 25/06/2018 - 22:12

Macron ma non ti vergogni con questo obolo.??? Devi forse restaurare la vecchia....................................politica.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 25/06/2018 - 22:12

---questi bruscolini che l'europa si sforza di dare all'africa fanno ridere i polli--sembra che l'europa impersòni paperon dei paperoni che tirchiamente si priva di un nichelino---ripeto --si ride se si pensa al vampirismo occidentale che succhia a tutta birra le risorse dei paesi africani---come se il colonialismo in realtà non fosse mai finito ma abbia solo cambiato pelle--il meccanismo è sempre uguale a se stesso--destabilizzazione di un paese africano---appoggio del dittatorello di turno che sarà manovrato come un pupazzo dagli occidentali---dittatorello che per due lenticchie per lui e la sua coorte svende le ricchezze del paese--state seguendo cosa succede in nigeria?--paese che pretende 9 miliardi di risarcimento dall'italia per le tangenti eni?--l'eni le porcate le fa solo in nigeria?--

Luigi Farinelli

Lun, 25/06/2018 - 22:17

Ma come è umano lui coi soldi degli altri! Il "soldatino massonico di Rito Scozzese caricato a molla", secondo un'arguta definizione di Giulio Sapelli, che aggiunge: "La Francia si comporta come un ubriaco accecato da un neogaullismo da esaltato: oltraggia l'Italia in ogni modo, ne calpesta i diritti giuridici internazionali e civilistici consolidati in economia, non coordina nessuna azione comune sul piano diplomatico; scaraventa contro l'Italia il rapporto consolidato che essa ha con l'Egitto e l'Arabia Saudita per cacciare l'Italia e le sue imprese fuori dalla Libia". E rappresenta il Paese che è la causa principale di tutto questo caos, passando pure per "filantropo": Trust Fund: Francia 3 milioni euro (in tre anni); Italia 102 milioni!

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Lun, 25/06/2018 - 22:40

Sono soldi buttati al vento : Macron lo sa ed è per questo che è di manica stretta . L'Africa è il continente più ricco di risorse naturali del pianeta : per aiutarli nell'emancipazione non servono capitali regalati né piccoli né grandi : serve che gli africani chiedano l'aiuto sotto forma di una specie nuova di colonialismo , un neocolonialismo su basi moderne . P.e. uno Stato come la Francia o la Germania avrebbe la capacità di "abbracciare" 4 o 5 Paesi africani avviando progetti industriali . Ma bisogna vedere se gli africani sono d'accordo : è questo il punto . Tutto il resto è chiacchiera e distintivo(e soldi buttati) . Yeeeeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

Leonardo Marche

Lun, 25/06/2018 - 22:47

E' importante che vengano fatte queste analisi e vengano date evidenze ai giornali di opposizione a Macron in Francia

bremen600

Lun, 25/06/2018 - 22:47

basta.chiudere le frontiere,uscire dall'euro.AUTARCHIA.

sfn65

Lun, 25/06/2018 - 22:53

Falsi, ipocriti,.... siete dei palloni gonfiati... non valete niente ... siete degli scarsi.. come lo è il vostro cibo, le vostre citta’, il vostro vino ...... siete la brutta copia dell’ Italia!!! Ritalis spiega bene quello che siete:.... noi siamo NOI e voi non siete un ......!!

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 25/06/2018 - 23:01

cazzaro supercazzarone...buffone

killkoms

Lun, 25/06/2018 - 23:05

senza contare i soldi che ricavano dalle ex colonie col cfa!

Ritratto di italiota

italiota

Lun, 25/06/2018 - 23:06

del resto da uno che ha una moglie di venticinque anni più grande di lui...cosa vi potete aspettare ?

Ritratto di MaddyOk

MaddyOk

Lun, 25/06/2018 - 23:08

Noi brutti e cattivi ma intanto dal ministero dell'interno è arrivata l'autorizzazione al cargo Alexander Maersk, con 110 migranti, fermo da giorni davanti al porto di Pozzallo, di poter attraccare al porto del Ragusano...

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 25/06/2018 - 23:23

Questa notizia, se vera, è l'esempio delle tante chiacchiere di questo fantoccio di Attali.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 25/06/2018 - 23:27

Maccaron le buffon.

Ritratto di abate berardino

abate berardino

Lun, 25/06/2018 - 23:31

"dove riceveranno un sostegno al loro reinserimento " ? cioé, fatemi capire,se un africano fa anche solo finta di espatriare basta un viaggio , e si ritrova in africa con aiuti economici e si sistema al paesello ? comodo ..anche per chi non ha affatto bisogno di fuggire da una guerra ..

seccatissimo

Mar, 26/06/2018 - 00:44

Da quanto mi sembra di capire, questo francese macron risulterebbe un personaggio ridicolo, sbruffone ed inaffidabile tipo il mai rimpianto bulletto italiano renzi !

Oraculus

Mar, 26/06/2018 - 01:40

Amare una donna con quasi 30anni piu' di lui ha significati...demolitori per qualsiasi uomo che si definisca tale...Macron??...e' la vergogna della Francia e dell'Europa!!.

Happy1937

Mar, 26/06/2018 - 07:23

Se li deve prendere tutti Macron perche’ in grandissima parte arrivano dalle colonie che la Francia ha indecorosamente sfruttato.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 26/06/2018 - 11:34

Certo che tutti i capi di stato europei parlano,mentre il nostro muto come un pesce.Ma si può.Gli altri cercano di difendere i loro compatrioti, il nostro??????? ZERO.

EchiroloR.

Mar, 26/06/2018 - 11:37

l'Argentino lavora per Soros

Massimom

Mar, 26/06/2018 - 13:25

Caro elkid ignori o non tieni conto che i fenomeni neocoloniali sono ormai diretti da potenze, a parte la crudele ed avida francia, che con il colonialismo classico di fine ottocento e prima metà del novecento non hanno niente a che fare. Mi riferisco, naturalmente a Cina, India, Russia etc. che stanno lentamente ma inesorabilmente sostituendo le cosiddette potenze occidentali, Usa ed alleati, nello sfruttamento del terzo e quarto mondo. E' un processo iniziato relativamente da poco, che si sviluppo con modalità e metodologie del tutto nuove, ma con esiti altrettanto penalizzanti anche se meno visibili per le nazioni coinvolte. Tutto ciò dimostra che sono poche le nazioni o i sistemi e le alleanze candidi ed innocenti.

glasnost

Mar, 26/06/2018 - 15:59

E' esattamente per questo che è stato ricevuto a Roma dal papa. Altro personaggio che ama le cose finte ed il finto buonismo.