La voce del pilota: "Qui qualcosa non va"

«Hey guys, turn me around, there's something wrong with this plane». «Ehi ragazzi, torno indietro, c'è qualcosa di sbagliato in questo aereo». Sono le ultime parole pronunciate da Yared Mulugeta Getecho, il pilota del volo ET302. Rappresentano il primo estratto della conversazione, sbobinata dalla scatola nera, tra il comandante dell'aereo e la torre di controllo. Frasi drammatiche, anche se pronunciate con un timbro non particolarmente alterato, ma che dimostrano come il Boeing 737 Max8 avesse problemi di natura tecnica evidenziati da Mulugeta ad appena quattro minuti dal decollo. Dopo l'appello l'aereo ha tentato di rientrare in aeroporto, ma la virata è risultata fatale e ha provocato il tragico schianto. «Mio nipote era un pilota preparato, non si raccolgono per caso 8mila ore di volo ad appena 29 anni - racconta dal Canada la zia Leila Ali Henry -. Aveva una cura maniacale dei dettagli nel suo lavoro. Aveva persino sacrificato una vera e propria vita affettiva per l'aviazione». Le parole del primo pilota dell'Ethiopians Airlines collimano con le decine di testimonianze degli abitanti della zona di Atlaw, 45 km a sud di Addis Abeba, luogo della tragedia. Tutti sono concordi nell'affermare che l'aereo si alzava e si abbassava repentinamente, accompagnato da fumo nero e denso in coda. Più di un testimone ha ricordato che lo schianto è stato preceduto dalle fiamme. Molto probabilmente di un motore, come ricordato da Eric Onyuango, uno degli operatori della torre di controllo del Bole. «Verosimilmente era in atto il depotenziamento di uno dei due motori - racconta -. In quelle condizioni qualsiasi manovra di salita in quota diventa impossibile. Tentare un atterraggio di fortuna è l'unica soluzione praticabile». Resta da capire se il software in dotazione abbia segnalato o meno l'avaria. Atlaw Wehib e Sisay Abera, due giovani che hanno visto l'aereo abbattersi al suolo spiegano che «il velivolo si è sbriciolato. I rottami volavano ovunque, e con loro purtroppo anche corpi martoriati in fiamme».

Commenti

Franz Canadese

Mer, 13/03/2019 - 09:23

e se il problema fosse il poco training dei piloti, o non si puo' dire?

tosco1

Mer, 13/03/2019 - 10:00

Il problema e' che ,tantopiu' gli aerei diverranno computerizzati come videogiochi, tantopiu' ci sara' il rischio che il pilota si trovi di fronte al fatto che il joistick che sta manovrando, viri a destra quando lui preme a sinistra, ed a sinistra quando vira a destra.(a chi non e' successo alla consolle).Sul computer di casa, si spenge e riaccende, e tutto si aggiusta.Un aereo, viene giu' a tonfo. Quindi, la tecnologia alle cose pericolose che si muovono, auto, aerei, treni, non puo' oltrepassare un certo limite, e permettere una immediata(un bottone)possibilita' di esclusione,per passare al manuale totale.Diversamente, sara' la fine tecnologica.

Ritratto di bergat

bergat

Mer, 13/03/2019 - 11:02

@franz canadese Poco training ddei piloti? 42.000 ore il comandante.. poco training? e che dovrebbe fare.... Se il software ha un problema, purtroppo questi sono i risultati. Non è la prima volta che un software non a punto prende i controlli dell'aereo, intrepretando male i comandi del pilota e provoca lo schianto

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mer, 13/03/2019 - 11:58

^(*@*)^ A mio parere qui le cause del disastro si verranno a sapere, mica siamo in Italia!!! Mica è una compagnia italiana!!! In Italia le verità non si vengono mai a sapere ripeto Mai, si vengono a sapere solo le verità di comodo, molto comodo o comodissimo, Questo andazzo non è solo per i disastri aerei ma è una prerogativa e che riguarda tutto ripeto tutto.

cgf

Mer, 13/03/2019 - 12:23

io rimango dell'idea che, come in Indonesia, sia stato un sabotaggio

cgf

Mer, 13/03/2019 - 12:24

@bergat il software non fa il fuoco e fumo

SPADINO

Mer, 13/03/2019 - 12:28

mi piacerebbe conoscere l'elenco completo dei passeggeri. Sapete, molti andavano alla riunione internazionale ONU....mah

nova

Mer, 13/03/2019 - 13:25

L'Etiopia sta registrando uno dei tassi di sviluppo più alti in Africa. Recentemente ha concluso la pace con l'Eritrea e non funge più da pedina per guerre per procura contro la Somalia o il Sudan o l'Eritrea. >>> L'aereo è stato sabotato … come avvenne all'Airbus Metrojet russo da Sharm El Sheik

Franz Canadese

Mer, 13/03/2019 - 16:25

@bergat - triste ma vero: il capitano in questione aveva 28 anni, circa 8000 ore ed era il piu' giovane capitano di Ethiopian, il secondo meno di 200.

Franz Canadese

Mer, 13/03/2019 - 16:54

Canada ha appena grounded il 737 C max... per eccesso di cautela.

sparviero51

Mer, 13/03/2019 - 18:58

I TROPPI AUTOMATISMI , SPECIE SE NON STACCABILI MANUALMENTE , PORTANO TALVOLTA ALLE TRAGEDIE . RICORDO UNO DEI PRIMI VOLI DI AIRBUS 320 CON GIORNALISTI A BORDO CHE SI SCHIANTÒ A 2 KM DALLA PISTA IN ATTERRAGGIO CON AI COMANDI UNO DEI CAPI COLLAUDATORI DELLA SOCIETÀ . AVEVA STACCATO ALCUNE FUNZIONI DEI COMPUTERS PER FARE UNA RIATTACCATA MANUALE MA GLI AUTOMATISMI NON GLIELO PERMISERO E ATTERRÒ IN UN BOSCO POCO PRIMA DELLA PISTA .DA QUELL'INCIDENTE SI TORNO' PARZIALMENTE INDIETRO NELLA FILOSOFIA SULL'USO DI AUTOMATISMI !!!