Per un portafoglio diversificato i consigli di grandi professionisti

BlackRock è presente in Italia con una Sicav che conta oltre 60 comparti caratterizzati da ottime performance e una qualità della gestione diffusa, e quindi operare una scelta sarebbe riduttivo. Per questo consiglia agli investitori che desiderino costruire un portafoglio diversificato composto di più fondi e coerente con i propri obiettivi finanziari di farsi assistere da un professionista. A chi invece ricerca una soluzione di investimento che abbia dimostrato di saper cogliere le opportunità offerte dai mercati riducendo al minimo le perdite nelle fasi ribassiste, BlackRock offre una soluzione di comprovata qualità.
Bgf Global Allocation Fund, (prima del 28 aprile MLIIF Global Allocation Fund) è affidato alla competenza di Dennis Stattman e a uno dei team fra i più navigati del settore che gestisce su questa strategia oltre 45 miliardi di dollari. Questo fondo si caratterizza per l’ampia delega al gestore a cui è data la facoltà di investire in titoli azionari, obbligazionari e monetari senza alcun vincolo di benchmark ovvero di stile, area geografica, settore e capitalizzazione di mercato. Obiettivo del comparto è quello di catturare tutte le opportunità di investimento a livello globale, monitorando costantemente il livello di rischio. Bgf Global Allocation Fund si caratterizza per flessibilità, diversificazione e approccio contrarian. La flessibilità del fondo è frutto dell’ampia delega conferita al gestore - Dennis Stattman - che può muoversi liberamente sia intorno all’allocazione neutrale (60% azioni/ 40% obbligazioni) sia per prendere posizioni su qualsiasi mercato, settore e titolo, alla ricerca delle migliori opportunità in termini di rischio/ rendimento.
La diversificazione, invece, è garantita da un portafoglio composto da oltre 800 titoli, ognuno dei quali incide in modo residuale sul portafoglio complessivo. Infine, l’approccio contrarian - che si basa sull’ipotesi che il mercato tenda sempre a ritornare verso il suo fair value o giusto valore - porta il gestore ad uscire dai temi ormai troppo di moda e sfruttati a beneficio di altri trascurati e che presentano un valore inespresso.
A conferma che il tutto funziona, durante l'intero ciclo economico degli ultimi undici anni, Bgf Global Allocation Fund ha saputo creare valore nelle fasi rialziste dei mercati, ma soprattutto contenere le perdite durante le correzioni, merito soprattutto dell’approccio contrarian utilizzato dal gestore. Da fine dicembre 1996 a fine marzo 2008 Bgf Global Allocation Fund ha ottenuto una performance di circa il 174% contro il 124% del benchmark e il 108% dei mercati azionari globali (MSCI World Index) con un terzo della volatilità. Il fondo é disponibile anche nella versione con copertura del rischio di cambio per l’investitore euro.