La priorità della sinistra?La fermata dell'autobussotto casa di Berlusconi

Bersani cerca un nuovo ritornello e passa da "Berlusconi dimettiti" a "Ripristinate la fermata in via del Plebiscito". E i consiglieri Pd presentano una mozione

Finché Mario Monti non scioglie le riserve, l'Italia è senza governo in un momento in cui il debito pubblico e l'attacco dei mercati minano il Paese. E nell'emergenza il Pd cerca un nuovo ritornello e passa dal "Berlusconi dimettiti" al "Ripristinate la fermata del bus in via del Plebiscito".

La nuova linea la detta già Pierluigi Bersani che ieri, a nemmeno un'ora dalle dimissioni di Berlusconi, ha tuonato su Twitter: "E adesso rimettete la fermata dell'autobus a via del Plebiscito". Fermata soppressa dall'Atac - l'azienda dei trasporti di Roma - per questioni di sicurezza perché troppo vicina a Palazzo Grazioli, la residenza romana del Cavaliere.

E così il Partito democratico è insorto e oggi ha ripetuto senza sosta il nuovo refrain. Già ieri sera - in realtà poco prima dell'uscita del segretario - il consigliere capitolino Dario Nanni ha detto "Ho predisposto immediatamente una mozione nella quale si chiede di ripristinare la fermata dell’autobus in via del Plebiscito". Chiediamo immediatamente all’Atac di ripristinare al più presto la fermata degli autobus di Via del Plebiscito, gli fa eco oggi un altro consigliere democratico, Paolo Masini.

Un provvedimento così urgente che, assicura Nanni, "il documento sarà consegnato immediatamente agli uffici dell’assemblea capitolina per giungere lunedì stesso ad una rapida discussione della proposta".