La psoriasi colpisce tre milioni di italiani

La psoriasi è una malattia non infettiva, altamente invalidante.É una delle più comuni forme croniche di infiammazione della pelle, colpisce con frequenti recidive in Italia oltre tre milioni di persone, il 2% della popolazione in Gran Bretagna, il 2,6% di quella statunitense. I soggetti affetti da psoriasi alternano momenti di quasi remissione dei sintomi ad altri in cui gli effetti della malattia sono più incisivi. Può presentarsi a qualunque età, le manifestazioni più comuni sono placche eritematose ben delimitate ricoperte di scaglie argentee o opalescenti. I siti più comuni per le lesioni sono la zona retro auricolare, l’area del gomito, del ginocchio e la zona lombo-sacrale. L’origine di questa malattia è ancora sconosciuta, i fattori che la determinano sono alterazioni dei geni e reazioni immunologiche. Le lesioni psoriasiche si presentano a livello istologico come zone di iperproliferazione, con un turnover epidermico accelerato di circa dieci volte rispetto alla pelle normale, con una incompleta maturazione dei cheratociti. Molti i comportamenti che scatenano o acuiscono la psoriasi e che pertanto devono essere quanto più possibile limitati: dallo stato di stress a particolari farmaci (litio, antimalarici, salicilati, beta-bloccanti), dalle infezioni delle alte vie respiratorie all’uso di detergenti per l’igiene personale (e profumi e cosmetici). A tutt'oggi non esiste una cura definitiva per la psoriasi. Nelle forme lievi si impiegano farmaci emollienti per ammorbidire le squame e rimuoverle. La fototerapia viene usata per trattare le forme psoriasiche di media e severa gravità. Si possono impiegare anche trattamenti sistemici quali l'acitretina, la ciclosporina-A, il methotrexate. La classe di farmaci più utilizzati nel trattamento delle psoriasi sono quelli biologici : gli anticorpi monoclonali, le citochine. Fra le molecole più studiate vi è l'infliximab.
Massimo Bianchessi, laureato in tecnologie farmaceutiche, racconta nel libro «Come sono guarito dalla psoriasi» (edizioni l’età dell’acquario), la sua personale esperienza che, grazie alla naturopatia si è conclusa positivamente. Nelle sue cure sono stati fondamentali quattro fattori : sana alimentazione, vitamine e oligoelementi, igiene intestinale, controllo del ph fisiologico.Inoltre l’esercizio quotidiano delle tecniche del pensiero positivo, che è sempre un ottimo corroborante.