Le pupe e i secchioni provano a fare coppia

Laura Rio

da Milano

Qui di ironia ce ne vuole tanta. Ma propria tanta. Perché, anche a snocciolare una sfilza di riferimenti culturali, da Goldoni ai Vanzina per finire con Platone (come ha ripetutamente fatto il capo progetto Simona Ercolani durante la presentazione di ieri), questo programma si prepara a una difficile prova televisiva. Si intitola la Pupa e il secchione, andrà in onda da domani su Italia Uno per sei giovedì, alle 21: è la versione italiana di Beauty and the Geek, format americano ideato dal marito di Demi Moore, Ashton Kutcher. La conduzione è affidata alla coppia Federica Panicci e (al redivivo) Enrico Papi. La sostanza: sette bellone e ignoranti devono convivere con altrettanti bruttini e cervelloni. Le prime devono convincere i secondi a godersi la vita, i primi devono trasferire un poco di cultura alle prime. In America lo show è diventato un reality cult, magari funzionerà anche da noi, certo che, come dicono autori e presentatori non bisogna prenderlo sul serio, perché «non è un programma psicologico, né un reality», ma un «comedy-show». «Significa - spiega il direttore di Italia Uno Luca Tiraboschi - che vuole raccontare in chiave leggera e con la struttura della commedia un gioco, un esperimento. E dare comunque uno spaccato della nostra società». Che sarebbe questo: giovani ragazze che «non sanno la tabellina del due», che pensano che «Bertinotti sia un attore di fiction», che «Garibaldi facesse parte delle Brigate rosse» e che, invece, conoscono tutto di profumi e creme. Ragazzi che, al contrario, passano la loro vita chiusi in casa a studiare astrofisica, enigmistica, informatica e che, per la maggior parte, sono ancora vergini. Obiettivo dichiarato dello show, prodotto dalla società Endemol, è superare il luogo comune che le bellone non si mettono con gli «sfigati». Sottotraccia: si attende che scoppi qualche bel flirt.
I ragazzi vivranno in una villa ottocentesca del Varesotto: nei primi giorni si formeranno le coppie (secondo la volontà dei concorrenti) che, ogni settimana, verranno sottoposte a prove per verificare lo stadio di metamorfosi. La coppia vincitrice si aggiudicherà 200mila euro. Niente televoto, nessuna nomination. A decidere il vincitore sarà una giuria composta (anche qui un misto di bellone e secchioni) da Alessandra Mussolini, Gianluca Nicoletti, Platinette, Vittorio Sgarbi e Maria Monsé, nota per essere stata coinvolta nello scandalo di vallettopoli.
Più esplosiva dello show, potrebbe rivelarsi la coppia conduttrice, Panicucci e Papi, come a dire, il giorno e la notte. Lei torna su Italia 1 dopo l’infelice esperimento di Comedy Club (che chiuse dopo la prima puntata), lui dopo due anni passati in esilio negli Stati Uniti. Per tutti e due si tratta di una prova importante. La presentatrice commenta: «Chi non rischia non va avanti. E con Papi? Nelle prove ci siamo divertiti, lo faremo anche in studio». Se lo show andrà bene, magari si penserà a una edizione con le intelligenti e i belloni, un pizzico in più di originalità.