Quando il Duce in Africa sguainò la Spada dell'Islam

Nel 1937, giunto in Libia, il capo del fascismo promise alle popolazioni locali «pace e benessere»

di Giancarlo Mazzuca

con Gianmarco Walch

Nel marzo 1937 andò in onda l'apoteosi di Mussolini: il coronamento del suo sogno africano, musulmano e islamico. Tutto si consumò in pochi giorni con la missione del duce in Libia, organizzata minuto per minuto da Italo Balbo, il mitico trasvolatore nominato il 1º gennaio 1934 governatore a Tripoli, che allora si rivelò vincente sul piano politico e propagandistico. Una vera e propria passerella che Benito concluse, in sella a un cavallo, sguainando la famosa Spada dell'Islam, simbolo dell'autoincoronazione come «protettore dei fedeli di Allah».

Sbarcato il 12 marzo a Tobruk dall'incrociatore Pola, il capo del fascismo percorse la Via Balbia, la litoranea dedicata a Italo Balbo e da lui voluta, che congiungeva Tripolitania e Cirenaica, fino ad allora sprovviste di proprie reti stradali. (...)

All'inizio della missione il capo del fascismo si mosse con prudenza. A un gruppo di giornalisti egiziani dichiarò: «Dite, dite ai vostri lettori che il Governo e il popolo italiano desiderano vivere con il popolo egiziano nei termini della più cordiale simpatia e amicizia». D'altronde, il viaggio in Libia aveva soprattutto lo scopo di consolidare il consenso attorno al regime, dopo la crisi, a cavallo del decennio, dovuta soprattutto alla riduzione dei salari. Raccontavano le cronache dettagliate dei cronisti al seguito, embedded si direbbe oggi, che il duce aveva visitato città, villaggi e concessioni, passato in rivista formazioni militari, regionali e indigene. Aveva sostato nelle Case del Fascio, nelle scuole. Si era interessato della vita dei coloni e delle aspirazioni dei locali. Al villaggio Luigi Razza, nelle vicinanze di Cirene, l'avevano accolto emigrati dall'Abruzzo e dalla Calabria, ottanta famiglie, seicentoventisette persone. Proseguendo lungo la litoranea, Mussolini aveva inaugurato l'Arco dei Fileni. Notte in tenda, gli ascari a fargli da guardia d'onore. All'alba, alle 5.30, rito dell'alzabandiera, poi in auto all'aerodromo «Arae Philaenorum», la gloriosa e furba reminiscenza dei due fratelli cartaginesi, i Fileni, che si erano scontrati, loro lealmente, in una gara di corsa contro avversari di Cirene: parola di Sallustio. A quel punto, Mussolini salì su un trimotore, rotta Sirte. Quindi Tauorga, Misurata, Tripoli. Vi arrivò poco dopo il tramonto. Alle mura, scese dall'auto e fece un ingresso scenografico a cavallo, primo di 2600 cavalieri. Trionfo. Ovazioni. Bagno di folla.

Il giorno dopo il duce aveva inaugurato la Fiera di Tripoli pronunciando il primo dei due discorsi politici di peso nel corso della missione. (...) «Nel 1926 io venni qui per dare quello che fu chiamato, e come tale rimase nelle cronache, uno scossone alla Colonia. I risultati sono visibili agli occhi di chiunque. Corona, questa opera di trasformazione, la Litoranea libica, impresa gigantesca, che soltanto ingegneri italiani e operai italiani potevano portare a compimento in termine di tempo rapidissimo». Agli altri, ai musulmani, riservò poche parole. E una sintetica assicurazione: «Le popolazioni musulmane sanno che, col tricolore italiano, avranno pace e benessere e che le loro usanze e, soprattutto, le loro religiose credenze saranno scrupolosamente rispettate».

Benito si doveva già barcamenare nelle sabbie mobili della guerra civile spagnola ed era costretto a replicare agli allarmismi «nevropatici» diffusi dalla stampa internazionale: «Questo viaggio è imperialista? Sì, nel senso che a questa parola hanno dato, danno e daranno i popoli virili. Ma non ha disegni reconditi e mire aggressive contro chicchessia. Ci armiamo sul mare, nel cielo e sulla terra, perché questo è il nostro imperioso dovere di fronte agli armamenti altrui». (...)

Il 18 marzo, Benito aveva assistito a un'azione tattica, ammirato una «fantasia» indigena, inaugurato scuole. Finalmente era arrivato all'oasi di Bùgara, dove lo attendevano duemila cavalieri arabi. Quando apparve sulla duna più alta, i tamburi cominciarono a rullare freneticamente al triplice grido di guerra «Uled!». Ed ecco, Mussolini, in sella a uno splendido cavallo, ricevere la Spada dell'Islam finemente decorata con fregi in oro massiccio. A consegnargliela Yusuf Cherbisc, un capo berbero grande sostenitore dell'alleanza con gli italiani, che si rivolse al duce con queste parole: «Vibrano accanto ai nostri animi in questo momento quelli dei musulmani di tutte le sponde del Mediterraneo che, pieni di ammirazione e di speranza, vedono in te il grande uomo di Stato, che guida con mano ferma il nostro destino».

Benito sguainò la spada puntandola verso il sole. E lanciò a sua volta il grido di guerra.

Con tutto il seguito, rientrò poi a Tripoli: in piazza Castello l'attendeva una folla immensa. Sempre a cavallo, la spada assicurata alla sella, Mussolini era salito su una piattaforma di terra pressata. «Saluto al duce!» ordinò Balbo, che aveva fatto proprio un recente ordine di servizio: il capo del fascismo viene prima del re. «Uled!» urlarono ancora, tre volte, i cavalieri arabi, ritti sulle staffe. Un imperioso cenno di silenzio. A quel punto, fece risuonare le parole tanto attese, anche dalle cancellerie europee: «Musulmani di Tripoli e della Libia! Giovani Arabi del Littorio! Il mio Augusto e Potente Sovrano, Sua Maestà Vittorio Emanuele III, Re d'Italia e Imperatore d'Etiopia, mi ha mandato, dopo undici anni, ancora una volta su questa terra dove sventola il tricolore per conoscere le vostre necessità e venire incontro ai vostri legittimi desideri». E la spada? «Voi mi avete offerto il più gradito dei doni: questa spada, simbolo della forza e della giustizia, spada che porterò e conserverò a Roma fra i ricordi più cari della mia vita. (...) L'Italia fascista intende assicurare alle popolazioni musulmane della Libia e dell'Etiopia la pace, la giustizia, il benessere, il rispetto alle leggi del Profeta e vuole inoltre dimostrare la sua simpatia all'Islam e ai Musulmani del mondo intero». Quindi, non solo Tripoli e Addis Abeba, ma anche Egitto, Palestina, Siria: dovunque i muezzin diffondevano la parola di Maometto. Chiusura con un ultimo punto esclamativo: «Voi sapete che io sono un uomo parco nelle promesse, ma quando prometto mantengo!». Con la spada brandita, il duce aveva lanciato il suo grande messaggio. (...)

A coronamento dell'operazione, l'anno successivo, nella stessa piazza Castello di Tripoli verrà eretto un monumento a Mussolini. L'iscrizione sul basamento di travertino era tutta un programma: «A Benito Mussolini/ pacificatore/ redentore della terra di Libia/ le popolazioni memori e fiere/ dove fiammeggiò la spada dell'Islam/ consacrano nel segno del Littorio/ una fedeltà che sfida il destino». Il dado era, ormai, tratto. (...)

Dalla sfida con il destino anche la Spada dell'Islam, non solo il fascismo, uscì sconfitta. La sua sorte la rivelò Rachele Mussolini: «Era conservata in una teca di vetro alla Rocca delle Caminate. Fu rubata nel 1943, quando la Rocca venne devastata dagli antifascisti». (...) Probabilmente neppure lei sapeva che il simbolico manufatto non era stato forgiato da abili artigiani berberi, come voleva la leggenda, ma era d'importazione toscana: prodotta dalla ditta Picchiani e Barlacchi made in Florence. E forse non sapeva neppure che la fotografia di Benito a cavallo che sguaina la spada era un falso. Be', non totalmente. Solo era stato cancellato il palafreniere che, per sicurezza, reggeva le redini al quadrupede. Vizio classico dei regimi, manipolare le foto... E non solo.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 12/03/2017 - 10:35

e adesso dicono che il fascismo è da aborrire, da rinnegare.... ma loro il comunismo mica l'hanno rinnegato! loro no! :-) i pezzi di somari come TOTONNO58, ANDREA SEGAIOLO, EL PIRL, EL PEDOFIL, DREAMER_66, ecc continuano a far finta di niente!!

Cheyenne

Dom, 12/03/2017 - 11:11

POVERA ITALIA:DALLE STELLE ALLE STALLE

Ritratto di Lissa

Lissa

Dom, 12/03/2017 - 11:11

Era una Italia, stimata, rispettata, apprezzata e invidiata nel mondo. Proprio come quella di oggi.

VittorioMar

Dom, 12/03/2017 - 11:59

..altra STORIA!...altro TEMPO!....altra STATURA!....altra ITALIA!...altra VISIONE!...ALTRI UOMINI!!!

Dordolio

Dom, 12/03/2017 - 12:19

Un bell'articolo, corroborato anche dai ricordi trasmessi dai miei vecchi di famiglia (per nulla fascisti). Che si svacca clamorosamente nella chiusa "di regime" (quello di oggi, il politicamente corretto). Mai che si leggano le miserie propagandistiche e non dei potentati di oggi, rigorosamente autentiche. Che si possono trasmettere solo verbalmente come moderni samizdat, o ricercare in siti talvolta addirittura oscurati.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Dom, 12/03/2017 - 14:46

@mortimerouse ora 10,35. Ma loro hanno un altri idoli da glorificare. Stalin, Ceausescu, Fidel, Cicciobello da Pyionyang, Pol Pot, Mao e compagnia briscola. Tutti insieme sono responsabili della morte tragica di centinaia di milionin di persone, dell'annichilazione di ogni forma democratica, di uno stato poliziesco alla cui base stava la tortura e la delazione, la rieducazione in tragici campi di lavoro, code per procurarsi un chilo di patate (succede ancora in Cuba visto con i miei occhi), disorganizzazione ed inefficenza cronica socialista fanno ancora oggi soffrire milioni di persone (vedi Cuba e Venezuela) e... mi fermo qui. Questi sono i loro idoli. Lasciali perdere sono solo dei poveracci.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Dom, 12/03/2017 - 15:03

purtroppo Mussolini, per colpa anche degli Anglo-francesi, si decise all'alleanza con Hitler e fu il disastro. se ce ne fossimo restati per i fatti nostri, ci saremmo trovati, all'ultimo, dalla parte giusta con prede da dividere e pochi costi da sostenere (sia umani che economici)

lorenzovan

Dom, 12/03/2017 - 15:12

era l'italia piu' tarocca dei cacciaviti cinesi e coreani di cioccolata !!!! tutto era scenografico e falso...dai carri armati scatolette di tonno..agli otto milioni di baionette..montate su fucili 15/18..all'artiglieria preda di guerra del 15/18..solo rivedere gli spezzoni cinematografici dell'epoca e vien da ridere..il sublime..nella sua tragicita' fu ladichiaraziome di guerra agi francesi e agli inglesi...col popolo bue ululante dal piacere...lo stesso popolo che tre anni dopo buttava giu' i simboli del fascismo o nascondeva in soffitta i gagliardetti

Ritratto di onollov35

onollov35

Dom, 12/03/2017 - 15:45

@mortimermouse.Sono d'accordo con Te. Aggiungo,l'errore che commise il Duce,fù di andare assieme a Hitler.Ricordiamoci che tutta la socialità che abbiamo (Inps-Sanità-scuole e altro),è dovuta a Lui.Cosa è stato fatto dal 1946 a oggi?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 12/03/2017 - 16:40

OTTIMOABBONDANTE... li lascerei perdere volentieri, se non fosse per il fatto che lasciandoli fare, ci mettiamo nelle loro mani, e paghiamo tutt'ora gli errori che loro fanno! se uno non ragiona, non gli possiamo consentire di imbracciare un fucile e poi di fare una strage! noi, stolti, li abbiamo permessi armarsi, ma loro ci mettono di proprio per gettare altra benzina sul fuoco!!!

Dordolio

Dom, 12/03/2017 - 17:28

Per zittire gli ignoranti come lorenzovan basterebbe ricordargli che molte della poche cosa che ancora funzionano in Africa le abbiamo fatte noi...

Ritratto di Lissa

Lissa

Dom, 12/03/2017 - 19:54

@ lorenzovan, a me risulta che non fu il popolo a tradire, bensì i cialtroni identici a quelli di oggi tipo re Giorgio.

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 13/03/2017 - 03:02

lorenzovan 15:12 – Piccolo insignificante insetto : nel "bieco" ventennio si è dato vita ad istituzioni ed opere sociali che lei ignora. Bonifiche, per es. : Agro Pontino (3.040 case coloniche, 499 km di strade, 205 km di canali, 15.000 km di scoline; dissodati 41.600 ha di terreno), Littoria (Latina), Carbonia, Acilia, Felicia + Arsia (Istria), Cinecittà, Stazione Ferroviaria Milano e Firenze, Metropolitana Roma (60%), Venezia : Ponte Littorio (ora della Libertà) in meno di due anni + Ponte degli Scalzi e dell'Accademia (provvisorio e tuttora in uso), Autostrade MI-VA-Sesto Calende (la 1a al mondo, 84 km in 16 mesi) – MI/BG – NA/Pompei – BG/BS – TO/MI – VE/PD – Firenze Mare – GE/Serravalle. INPS IMI IRI ONMI INAIL INAM. Mi fermo qui perché sarebbero necessarie decine di fitte pagine per elencare solo i titoli di quanto fatto in Italia e in Africa durante un solo ventennio. - Si beva una camomilla e si introduca in apposito orifizio i cacciaviti cinesi e coreani.