Quel «Falstaff» fiabesco di un Verdi sempre giovane

Noseda guida l’opera con arguzia e fluidità

da Torino

Sferzante e fluido, arguto senza cascare nella farsa. Il Falstaff che apre la stagione d’opera al Teatro Regio - e sta in scena fino al 24 ottobre - è uno spettacolo divertente che merita il successo ottenuto alla prima. Magari non il Falstaff ideale, per equilibrio tra le voci e qualche sbavatura nella sincronia dell’insieme. E tuttavia un buon lavoro in cui il direttore Gianandrea Noseda spreme dai complessi del Regio una prestazione di rilievo. La frustata orchestrale è incisiva, crepitante il ritmo, mentre il cesello dei dettagli affiora più nella distensione fiabesca del terz’atto che altrove. La commedia lirica con cui Verdi dà l’addio al teatro è del resto una partitura mostruosamente complessa. Nei panni del grassone giocoso ideato da Shakespeare Ruggero Raimondi regala humour e leggerezza. Attorno a lui, oltre ai maldestri compari Bardolfo e Pistola (Luca Casalin, Federico Sacchi), l’immancabile girandola di comari astute, mariti infuriati, streghe e fate. Barbara Frittoli ha la duttile vivacità di un’Alice di classe, Natale de Carolis è un eccellente Ford, suo marito. Assai bene anche la coppia amorosa Nannetta-Fenton (Laura Giordano, Francesco Meli), voci fresche e bel fraseggio. Regia, scene e costumi di Pier Luigi Pizzi: una sobria ambientazione inglese fine ’800 con le donne un po’ Mary Poppins e gli uomini in cilindro. Come ad ogni riedizione riuscita, Falstaff rinnova il miracolo della gioventù creativa di un Verdi ottantenne. La gelosia, che aveva innervato i drammi di tutta una carriera, si capovolge in burla («Tutto nel mondo è burla» recita la celebre «fuga buffa» del finale) con la libertà e il distacco di un uomo che dalla vita ha avuto tutto e non ha bisogno di dimostrare nulla. Un grande pianista in vena di provocazioni, Glenn Gould, usava dire che Mozart a 35 anni non morì troppo giovane ma troppo vecchio. La continuazione del suo paradosso non è forse il guizzo geniale di Falstaff, la prova provata che Verdi, a 87 anni, morì troppo giovane?