Ranieri: «Lo scudetto? Lo tsunami ci aiuterà...»

LecceA partita conclusa, tutti ad aspettare Amauri per complimentarsi con lui del bel gesto tecnico realizzato in occasione del gol-vittoria della Juventus. «Fa piacere ricevere simili apprezzamenti - dice il bomber bianconero - ed io li accetto di buon grado. Tuttavia, sento l'obbligo di ringraziare il giovane De Ceglie che mi ha servito un pallone al bacio, consentendomi di segnare con un colpo di testa il gol del successo». Poche parole, dunque, per spiegare il suo gol; molti invece sono stati gli scambi di cortesia, tramite tv, con il vice presidente del Milan, Adriano Galliani. Domenica prossima c'è in programma Juventus-Milan e le battute fra i due personaggi sono servite a confermare l'amicizia esistente. «Sì che ci conosciamo - ha risposto - Anzi, aggiungo che ci siamo già sentiti e salutati. Domenica ci incontreremo un'altra volta e ci scambieremo gli auguri di Buon Natale».
Felice per la vittoria Nicola Legrottaglie, ma amareggiato per l'ammonizione rimediata per un fallo su Tiribocchi; cartellino giallo che gli costerà la squalifica e la mancata partecipazione alla sfida con il Milan. «Io sono dispiaciuto perché sarò costretto a saltare una gara così importante, non altrettanto sarà mio padre che, da buon milanista, sarà contento della mia assenza. Voglio fare un pubblico saluto a mister Del Neri, un tecnico molto bravo». E, via tv, è arrivato il grazie a Legrottaglie da parte del tecnico atalantino. Sollecitato poi da una domanda, Legrottaglie ha garbatamente contestato la decisione dell'arbitro. «Secondo me - ha detto - non era un fallo da ammonizione».
Simpatico siparietto in tv fra Ancelotti e Ranieri. Il primo ha detto che domenica non potrà contare sull'apporto di Gattuso e, per tutta risposta, Ranieri ha risposto con un «anch'io dovrò fare a meno di Legrottaglie. Quasi quasi ci scambiamo le formazioni». Parlando della vittoria sul Lecce, Ranieri ha esaltato lo spirito di sacrificio della sua squadra. «Volevamo la vittoria e l'abbiamo conquistata, sia pure lottando fino all'ultimo minuto. Noi sapevamo di incontrare un Lecce che ci avrebbe creato non poche difficoltà. Faccio gli elogi alla mia squadra, ma rendo anche il giusto onore al Lecce che ha disputato un'ottima partita». Sulle numerose assenze, Ranieri ha quasi sorvolato dicendo che «chi ha giocato ha fatto per intero il proprio dovere», mentre sulla questione-scudetto, ha ribadito che «la Juve dovrà fare meglio della scorsa stagione. Dopo lo tsunami di tre anni fa, adesso è una Juve composta da giovani che, però, stanno migliorando domenica dopo domenica».
È amareggiato per la sconfitta il tecnico del Lecce, Mario Beretta. «Sono dispiaciuto per i miei ragazzi - ha detto - che non meritavano di perdere. Già il pareggio ci stava stretto. Figuriamoci come ci sentiamo dopo quest'altra sconfitta-beffa».