Referendum, alle urne solo un romano su tre

Nella capitale affluenza del 37,4 per cento molto più bassa nelle altre province

Anche a Roma il referendum ha fatto flop. Nella città che, secondo i proclami della vigilia, sarebbe stata la portabandiera della partecipazione al voto, l’affluenza è stata sì tra le più alte d’Italia ma ben sotto al quorum: 37,4 per cento. Molto più basse le percentuali nell’hinterland (29,2 per cento) e nelle altre province laziali, dal 27,45 di Rieti al 20,54 di Frosinone. Quanto ai risultati, quando erano state scrutinate 4491 sezioni sulle 5186 del Lazio, i «Sì» si collocavano al 91,9 per cento e i «No» all’8,1. Veltroni si è detto soddisfatto del dato superiore alla media nazionale del 25,9 ma ha detto che dalle urne esce «ampia materia di riflessione».
A PAGINA 46