Come risparmiare sulla luce

<p>Illuminazione ed elettrodomestici, ecco tutti i consigli utili per ridurre il consumo di elettricità e alleggerire la spesa per il nostro portafogli</p>
<p> </p>

Dopo la benzina e il gas, ecco i consigli per risparmiare elettricità, altra voce che pesa sul bilancio familiare. Dal primo gennaio i rincari colpiscono anche la bolletta della luce. Con qualche dritta e un po' di buon senso, però, si possono ottimizzare i consumi.

1) Spegnere sempre le luci, anche quando si passa da una stanza all'altra per poco tempo

2) Scegliere lampadine a risparmio energetico: costano poco più, ma permettono di illuminare allo stesso modo delle vecchie lampadine ad incandescenza consumando un quinto durando in media 5 anni

3) Acquistate sempre elettrodomestici ad alta efficienza energetica (almeno di classe A)

4) Tenete il frigorifero lontano da fonti di calore e alla giusta distanza dal muro. Chiudete sempre bene lo sportello (anche se dovete riaprirlo dopo poco). Quando fate la spesa dividete i cibi che vanno conservati in fresco prima di aprire il frigo, evitando di fare la spola tra i sacchetti e il frigo o di aprire in continuazione la porta. Controllate sempre cerniere e guarnizioni perché non ci sia dispersione. Sbrinate e pulitelo regolarmente

5) Evitate i lavaggi a 90°: con i nuovi detersivi basta non superare i 60° per ottenere lo stesso risultato. Cercate inoltre di riempire sempre la lavatrice o di usare il tasto "mezzo carico". Impostate sempre il giusto programma in base al tipo di capi da lavare

6) Prima di mettere i piatti in lavastoviglie eliminati i residui più grossi, magari anche aiutandovi con un tovagliolo per le stoviglie più unte. Non avviate l'elettrodomestico se non è a pieno carico e, se ve lo consente, eliminate dal programma l'asciugatura: basta aprire lo sportello a fine lavaggio. Tenere i filtri sempre puliti e usare periodicamente il cura lavastoviglie

7) Spegnere tutti gli apparecchi quando non vengono usati e non lasciarli in stand-by. Ci si può aiutare anche con presa programmabile attraverso un timer: si può trovare in tutti i negozi di elettronica e ha un costo attorno ai 10 euro, ma permette di risparmiare qualcosa. Staccare i caricabatteria di cellulari e dispositivi vari quando la carica è completa.