Riceve in dono un anello rubato: a processo per ricettazione

Una 24enne della provincia di Pavia è accusata di ricettazione per aver ricevuto dal fidanzato un anello di fidanzamento rubato

Mai avrebbe immaginato che l'anello di fidanzamento, regalatole dal futuro marito con tanto di proposta in pompa magna, fosse frutto di un furto. Eppure, ignara o no che fosse, una ragazza di 24 anni della provincia di Pavia, è finita a processo per ricettazione.

Come racconta il quotidiano locale La Provincia Pavese, la giovane donna è stata colpita da un decreto penale di condanna, poi convertito in una sanzione da 4700 euro. L'accusa? Aver portato al dito un anello - di oro bianco con tanto di brillante- precedentemente rubato ad un'altra donna (e, in aggiunta, anche un ciondolo d'oro sempre regalatole dal fidanzato in precedenza). In casa a Vigevano, infatti, gli inquirenti le hanno trovato nel portagioie alcuni preziosi che hanno destato sospetti.

La ragazza ha sempre sostenuto di non aver mai sospettato la provenienza illecita dei preziosi, ma i magistrati sono stati di parere opposto. Ora la 24enne ha fatto opposizione contro il decreto di condanna e il gip ha già fissato per il prossimo ottobre la data dell'udienza del nuovo giudizio. Per la cronaca, la legge prevede pene più pesanti per la ricettazione rispetto a quelle previste per il furto.

Commenti

baronemanfredri...

Mar, 08/05/2018 - 14:44

QUALCUNO PUOI' COMUNICARE LA SMORFIA PER GIOCARE I NUMERI?