Roma dedica un festival al Burlesque, lo spogliarello malizioso ma ironico

Al Micca Club da giovedì 17 a domenica 20 quattro serate con le stelle internazionali di questa forma di spettacolo nella quale l'erotismo è declinato con gusto e intelligenza, resa celebre da Dita von Teese. E per chi vuole imparare c'è anche un giocoso «workshop»

È meno di uno spogliarello, ma anche molto di più. Meno perché spesso il nudo non è integrale. Molto di più perché il burlesque, di questo parliamo, è un vero e proprio spettacolo curato in tutto i suoi dettagli: dalla ricerca dei costumi alle musiche, dal trucco alle acconciature, dalla coreografia alla recitazione. E anche se spesso le artiste di questa disciplina assai seducente non appartengono ai canoni classici della bellezza dettati dalla moda e dai giornali - qua e là spunta qualche etto di troppo o qualche adorabile difettuccio amabilmente coltivato - la loro ironia, la loro malizia e la loro classe garantiscono che i loro spettacoli raggiungano livelli di erotismo assai superiori agli strip-tease classici, quelli per capirci all'insegna del tutto-e-subito.
Al burlesque, reso famoso dalla scintillante Dita von Teese, Roma dedica da anni un festival assai «caldo» e affollato. Che quest'anno giunge alla quinta edizione e viene ancora una volta ospitato nella sua sede storica: il Micca Club (via Pietro Micca 7a, tel. 0687440079), uno dei locali più «cool» della capitale. Qui da giovedì 17 a domenica 20 sul piccolo palco a pochi passi da Porta Maggiore si esibiranno alcune delle star di questo spettacolo: l'olandese Natsumi Scarlett, ballerina e acrobata che propone performance teatrali e drammatiche, spesso con una vena dark; la statunitense del Colorado Miss Orchid Mei, che trae ispirazione dalle «fêmme fatale» del passato e dalla danza cinese e che è celebre tra gli amanti del genere per le vertiginose autoreggenti; la bellissima britannica Anna Fur Laxis, che ha portato per tutto il mondo i suoi show irriverenti e innovativi; l'altra britannica Sherry Trifle, che usa la sua creatività per abbinare uno stile vintage ad ambientazioni spesso molto contemporanee. Con loro si esibiranno anche Grace Hall, Nora La Rouge, Gelsomina De Leonis, La Margot e Peggy Sue, uscite dall'Accademia d'arte burlesque del Micca Club. A loro sarà dedicata la serata di giovedì 17 dalle 21,30, mentre venerdì 18 e sabato 19 dalle 22 si alterneranno le quattro stelle internazionali (dalle 22,30). Domenica 20 invece si svolgerà dalle 18 il Micca Burlesque Market con apertitivo a buffet e dj set. E a proposito di musica, tutti gli spettacoli saranno accompagnati dalla band londinese Ta Mère, che interpretano un energico mix di jazz cabaret e musica popolare della prima metà del Novecento. Agli inglesi si alterneranno i romanissimi Antony Sorgentone Trio, che suonano uno straordinario «shake» di r'n'r anni Cinquanta, Boogie Woogie e Swing italiano alla Buscaglione.
Per chi vuole invece imparare l'arte del burlesque, magari anche per un «uso personale» tra le mura domestiche a scopo seduzione, nel pomeriggio di sabato 19 si svolgerà sempre al Micca Club un workshop curato da Natsumi Scarlett. Due turni (14-15 e 15,30-16,30) per gruppi di massimo 15 persona al prezzo di 50 euro. Requisiti? Tacchi alti, guanti lunghi e voglia di divertirsi.