A Roma i burattini «in musica» fino ad aprile

Da gennaio ad aprile al Teatro San Genesio di Roma una rassegna su misura per i bambini: prima «Le avventure di Don Chisciotte», poi «Arriva il riciclone», e ancora «Mamma Oca racconta», «Cenerentola»

Da gennaio ad aprile al Teatro San Genesio di Roma una rassegna su misura per i bambini: prima «Le avventure di Don Chisciotte», poi «Arriva il riciclone», e ancora «Mamma Oca racconta», «Cenerentola». Fil rouge di ogni spettacolo è la scelta di dialogare con il pubblico attraverso la recitazione e la musica, entrambe figure di primo piano nel gruppo «Burattinmusica», i cui membri sono infatti tutti costantemente impegnati in laboratori rivolti a bambini e ragazzi, sia come docenti di musica sia come esperti nella didattica teatrale. «Il gruppo - spiega una delle fondatrici, Paola Campanini, attrice, autrice, burattinaia, artigiana, studiosa del teatro di figura - è nato nel 1995 proprio dall'incontro fra il teatro di figura (quello dei pupazzi) e la musica con l'obiettivo di realizzare una forma di teatro di figura in cui la musica avesse un ruolo paritario rispetto alla recitazione. Poi l'attività del gruppo si è estesa ed ampliata». La scelta di fondo comunque è sempre stata ed è ancora quella di realizzare «produzioni che propongano un repertorio musicale qualificato. Per esempio per "Mamma Oca racconta" è stata utilizzata una trascrizione per flauto e pianoforte di "Ma me're l'Oye" di Maurice Ravel e due brani originali composti appositamente da due giovani e apprezzati compositori contemporanei: Angelo Russo e Francesco Antonioni». Insomma è con la fusione comunicativa tra musica e recitazione che «Burattinmusica» fa la differenza.