SaloneSatellite, design giovane tra progetto e mondo food

Circa 550 talenti under 35 selezionati da tutto il mondo espongono prototipi e idee per l'arredo. Tema di quest'anno: la visione del cibo e il suo futuro. Iniziativa solidale con la michetta fatta con cinque grani dei cinque Continenti. L'Award premierà i tre migliori partecipanti

Food as a design Object” è il tema - e la sfida - a cui sono chiamati a confrontarsi i 550 giovani designer di tutto il mondo presenti al SaloneSatellite 2019 che si terrà dal 9 al 14
aprile in concomitanza con il Salone del Mobile in Fiera Milano. Il satellite che è arrivato all’edizione numero 22 ha un obbiettivo speciale che impegna i talenti under 35 perché quest’anno invita a riflettere anche sul futuro dell’alimentazione in un’ottica di responsabilità, immaginando come la tecnologia del progetto si possa coniugare con le antiche pratiche artigianali.

Vera fucina che scopre, valorizza e lancia le nuove “firme” del design attraverso un impegnativo talent che ogni volta propone progetti d’arredo, prototipi, conversazioni, riflessioni e indagini sul futuro del design, il SaloneSatellite invita a dare un contributo originale di idee alla rivoluzione alimentare globale in cui design, tecnologia e tradizione manuale si combinano per affrontare le sfide del futuro: dal cambiamento climatico che influenza il food system a ogni livello, alla scarsità di risorse e all’indispensabile diversificazione nella produzione e nel consumo degli alimenti. Scenario globale che obbliga a ripensare ai metodi di produzione alimentare, imballaggio, distribuzione, consumo e smaltimento con la necessità immaginare un percorso tra sperimentazione e memoria: non solo nuove forme di posate, stoviglie o ambienti cucina, inediti modi di mangiare, ma anche nuovi strumenti di produzione.
A partire dal pane milanese per antonomasia, la michetta, realizzata con cinque grani provenienti dai cinque Continenti che il SaloneSatellite lancia assieme a Pane Quotidiano, l’associazione non profit che dal 1898 assicura a Milano cibo ai più bisognosi e dal 10 al 12 aprile sarà distribuita in tutte le sedi cittadine. La "michetta condivisa" è stata progettata s da Davide Longoni con Alessandra Zucchi e Alessandro Guerriero, per Pane Quotidiano Onlus, in collaborazione con l'Associazione Panificatori di Confcommercio Milano.

I giovani designer presenti nel Satellite (padiglioni 22 e 24 con ingresso gratuito al pubblico da Cargo 5) sono stati scelti dal Comitato di Selezione composto da personalità di rilievo internazionale nel mondo del design, della progettazione e della comunicazione. Selezione che quest’anno è stata particolarmente severa con molte esclusioni per mantenere integra la reputazione internazionale conquistata negli anni. I nuovi talenti si affiancano ai designer che hanno già partecipato (massimo tre volte) alle edizioni passate, ai vincitori dell’edizione 21018 del SaloneSatellite Moscow e del SaloneSatellite Shanghai, a scuole e università di design e progettazione italiane ed estere.

Come sempre c’è grande attesa per la finale del SaloneSatellite Award, premio che segna il passaggio decisivo al contatto diretto fra domanda e offerta, fra imprenditori e designer, creatività e produzione. Il Premio è assegnato da una giuria internazionale di protagonisti del mondo del design che sceglie i tre migliori prodotti, presieduta fin dalla prima edizione da Paola Antonelli, senior curator per l’Architettura e il Design del MoMA e curatrice della XXII Triennale di Milano. Il 10 aprile, nell'ambito della decima edizione del Salone Satellite Award, Intesa Sanpaolo assegnerà per il secondo anno consecutivo il Premio speciale per il Design del valore di 5.000 euro al designer emergente under35 che ha interpretato meglio il tema "Food as a Design Object" con particolare attenzione alla sostenibilità.

A selezionare invece i partecipanti al Satellite è stato il Comitato presieduto da Marva Griffin Wilshire, fondatrice e curatrice del SaloneSatellite e composto dai designer Stephen Burks, Francesco Faccin e Francesca Lanzavecchia; Emiliana Martinelli presidente di Martinelli Luce, Gianluca Mosconi presidente e ad di Tecno e Zanotta, Monica Pedrali direttore commerciale e marketing di Pedrali); i giornalisti Loredana Mascheroni (Domus), Veronica Orsi (Idfm), Norman Kietzmann (designjournalist.com); il gallerista e talent scout Jean Blanchaert; l’architetto Ricardo Bello Dias; il docente e critico del design Beppe Finessi; la responsabile comunicazione e ufficio stampa del Salone del Mobile.Milano Patrizia Malfatti.

Tutte le novità aggiornate del Salone del Mobile.Milano 2019 nello speciale "Mobile e Arredo" online su Il Giornale.it