Le scuole di Anzio ricordano Francesco, morto a 14 anni per un atto di bullismo

Il giovane venne travolto e ucciso da un treno. Un suo compagno, che lo aveva preso di mira da tempo, non gli lasciò la mano quando il convoglio ripartì. I genitori della vittima stanno creando una onlus per diffondere la «non violenza» tra ragazzi

Uniti contro il bullismo. Legati da un unico scopo: proteggere e proteggersi da amici maneschi e troppo spesso violenti. Ieri gli alunni delle quinte classi del II circolo didattico di Anzio hanno partecipato al progetto «Bullismo come reato? Fermiamoci a pensare», proposto e in parte finanziato da Fulvio e Renata Scerbo.
I due sono i genitori di Francesco, morto a 14 anni per un gesto sciocco e imprevedibile da parte di un coetaneo. Un episodio avvenuto ad Anzio, che visto condannato il responsabile. Ma intanto Francesco non c'è più. E ieri i bambini hanno voluto ricordarlo con canzoni, balletti hip hop, cartelloni, poesie, temi, pensieri tutti per denunciare un fenomeno pericolosamente in crescita nella nostra regione.
La famiglia Scerbo, che sta creando una fondazione onlus «La casa di Francesco», ha deciso di coinvolgere le scuole elementari, medie e superiori frequentate dal figlio, al quale ieri è stata intitolata un'aula, in percorsi di formazione contro il bullismo.
«Bambini ricordate sempre il messaggio ricavato da questi mesi di lavoro, da cui avete ottenuto uno splendido risultato con le vostre maestre - ha detto commossa la mamma di Francesco -. Siete il nostro futuro e dovete impegnarvi per la legalità e la giustizia». All'incontro erano presenti anche il sindaco di Anzio Luciano Bruschini, molti amministratori comunali, il senatore Candido De Angelis, la dirigente scolastica Anna Maria Corso, e i parenti degli alunni.
La storia di Francesco rappresenta uno dei primi casi gravi di bullismo in Italia. La sua morte è avvenuta 14 anni fa per uno «scherzo» di un compagno. Era il 22 novembre 1995 quanto il ragazzo finì travolto da un convoglio sulla linea Nettuno-Roma. Lui e Fabio erano quasi coetanei e frequentavano lo stesso istituto superiore, dove erano iniziate le angherie. Mentre rientravano a scuola in treno come ogni giorno, Fabio aveva cercato di non far scendere l'altro giovane alla sua fermata. Ma non ci riuscì. Lo chiamò allora dal finestrino, tendendogli la mano. Un gesto che Francesco recepì come un tentativo di riappacificazione. Ma Fabio lo trattenne, anche quando il treno si rimise in moto e lo lasciò solo quando la velocità divenne così elevata da non poter più reggere la stretta.
Francesco finì così la sua breve vita stritolato dal convoglio. Il compagno, invece, è stato condannato a due anni e otto mesi, con la condizionale, dal Tribunale dei minori di Roma per omicidio come conseguenza non voluta di altro reato, ovvero violenza privata. Due anni fa, invece, il Tribunale civile di Velletri-Anzio ha riconosciuto «la concorrente responsabilità» di Fabio, dei suoi genitori e di Trenitalia, nel causare l'incidente. Ma i parenti della vittima, hanno deciso di usare il risarcimento ottenuto, circa 500 mila euro, per creare una onlus finalizzata alla prevenzione dei gesti di bullismo e violenza giovanile. Sul luogo dell'incidente resta una lapide, fatta apporre da Fulvio e Renata Scerbo, che invita tutti i giovani che passano a credere nell'amicizia.