Arte a Malpensa, in mostra le opere di Vittore Frattini

Inaugurato il progetto di Sea e museo MA*GA di Gallarate per l'arte in aeroporto. Le Vip Lounges trasformate in spazi espositivi con i lavori dell’artista varesino legati al paesaggio, al viaggio e agli orizzonti. La mostra aperta il 16 dicembre resterà aperta fino al 30 marzo 2014.

Arte all’aeroporto di Milano Malpensa: dal 16 dicembre 2013 al 30 marzo 2014, le Vip Lounges dell’aeroporto si trasformano in spazi espositivi, ospitando le opere di Vittore Frattini (Varese, 1937), legate al tema del paesaggio, del viaggio e degli orizzonti.

Con questa iniziativa si inaugura il progetto Sea e MA*GA per l’arte, nato dalla volontà di Sea, la società che gestisce gli aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa, e del museo MA*GA di Gallarate, di trasformare le aree d’attesa dello scalo milanese in un luogo dove l’arte si esprime e si racconta per rendere più coinvolgente e interessante la permanenza in aeroporto da parte dei viaggiatori. Per sua natura, infatti, l’aeroporto è crocevia di emozioni legate all’esperienza del viaggio e si propone come sede ideale a dare voce alle espressioni artistiche nelle loro infinite forme.

La pittura di Vittore Frattini si inserisce nel clima della tradizione pittorica lombarda legata alla luce e alla visione naturalistica. Da questo ambito Frattini sente sempre più la necessità di un linguaggio sintetico e teso all’essenza, fatto di colori puri, di segni di luce che attraversano la tela con dinamismo, dotando l’oggetto pittorico di grande autonomia estetica. Il percorso espositivo si concentra sulla serie dei Lumen alla quale l’artista varesino lavora a partire dagli anni Settanta, caratterizzata dall’uso di pigmento fluorescente per la stesura delle sue pennellate ampissime e fluide. Il pigmento reagisce alla luce naturale, se ne satura e poi la restituisce in condizioni di buio.

La vocazione spaziale della ricerca espressiva di Vittore Frattini trova espressione anche nella scultura dove l’indagine sulla materia e sul colore diventa scoperta del rapporto tra i materiali e la luce. È il caso della Grande V, collocata proprio davanti a Malpensa, in cui la relazione con la luce è intensa e sostanziale. La Grande V è formata da due ali d’acciaio e si introduce come segno nello spazio e nell’orizzonte prealpino, collegando in modo indissolubile l’opera dell’artista al tema del viaggio.

Fra le mostre personali di Vittore Frattini, ricordiamo quelle al Museo della Permanente di Milano (1965) presentata da Renato Guttuso, all'Atelier Donati di Zurigo (1975), ai Musei Civici di Villa Mirabello di Varese (1984), alla Georgetown University di Washington D.C. (1986), alla Civica Galleria d'Arte Moderna di Gallarate (1988). Molte le sue partecipazioni a mostre collettive nei maggiori spazi espositivi tra cui: Grand Palais "Le Salon" di Parigi, Biennale di Venezia, Quadriennale di Roma, Museum of Modern Art e Guggenheim Museum di New York.
Per l’occasione, verrà pubblicato il primo catalogo della collana che accompagnerà gli appuntamenti del progetto Sea e MA*GA per l’arte. Mostra e catalogo sono curate da Vittoria Broggini.