Senza sede e senza camion Ecco l'Uber della logistica

Maddalena Camera

«La filiale italiana di Trasporeon è affidata completamente allo smartwork, non abbiamo una sede fisica solo di rappresentanza vicino a Venezia». Lo spiega Roberto Ostili, direttore vendite della società tedesca che ha sede a Ulm, in Germania, circa 100 chilometri da Monaco. Trasporeon fattura circa 100 milioni con previsioni di crescita pari al 20% all'anno.

Potrebbe essere considerata la Uber dei camion dato che tramite la sua piattaforma permette di far incontrare la domanda e l'offerta nel settore dei trasporti. «Non siamo però una piattaforma aperta - spiega Ostili - ma solo un facilitatore tecnologico. Tramite la nostra piattaforma le aziende possono pianificare al meglio i loro trasporti risparmiando tra il 5 e il 7% perché i camion riescono a evitare di viaggiare semivuoti». Trasporeon comunque non ha camion anche se movimenta merce per un controvalore pari a 15 miliardi di euro all'anno.

La società ha mille clienti aziende nel mondo e 60 mila trasportatori già registrati sulla sua sofisticata piattaforma software che è in grado di eleborare dati sensibili fornendo ai clienti la possibilità di ottimizzare i processi logistici. Quanto all'Italia si tratta del secondo mercato dopo la Germania con clienti importanti come Barilla, Ferrero, Henkel, ArcelorMittal.

«Incrociando domanda e offerta in una grande piattaforma web, si colmano parte delle inefficienze, come i viaggi a vuoto dei camion o le attese nel carico e scarico - spiega ancora Ostili- Basta sapere che i viaggi senza carico costano 1 euro a chilometro e le attese 50 euro all'ora».

Ora il prossimo passo è di diventare una specie di Facebook per la logistica permettendo a tutti quella che la usano di elaborare informazioni per scegliere al meglio. La piattaforma si interfaccia anche con il trasporto aereo, marittimo e su rotaia. I profitti potenziali per la società sono enormi, visto gli sprechi che pesano su un settore in grande crescita in una economia sempre più legata al commercio elettronico, come quello dei trasporti.