Una serie di incontri nel cammino verso il Pdl

Suscita sempre più attenzione il ciclo di conferenze che la Federazione dei circoli di Alleanza Nazionale di Tivoli, in collaborazione con la Federazione provinciale romana di Azione Giovani, ha organizzato in vista della nascita del Popolo della Libertà. Una serie di dibattiti durante i quali il partito si confronta con i giovani, i militanti, i simpatizzanti di An e i cittadini allo scopo di far «comprendere appieno che cosa si sta costruendo - spiega Samanta Segatori, ideatrice degli eventi e responsabile del Dipartimento formazione della Federazione - soprattutto per evitare che questa nuova creatura politica si presenti come un contenitore vuoto».
Dislocato in quattro località strategiche della provincia di Roma, dopo l’esordio clamoroso di Tivoli, il tour è proseguito facendo tappa a Velletri (venerdì scorso); ad Ardea l’appuntamento è il 28 novembre e a Santa Marinella il 12 dicembre. «Non pensavamo di ottenere un tale successo - si meraviglia la Segatori. - Le ragioni sono forse da ricercare nell’originalità della formula del botta e risposta in cui i veri protagonisti sono stati i militanti e i simpatizzanti, che hanno avuto modo di porre i loro quesiti ai relatori in un dibattito serrato iniziato alle 18 e conclusosi alle 20 inoltrate. Speriamo di suscitare lo stesso interesse nelle altre sedi». All’incontro su «Traghettare An nel Pdl: quando come e perché» hanno risposto alle domande dei cittadini Aracri, Borsato, Cicchetti, Mazzocchi, Palazzi e Rampelli. La terza tavola rotonda, in programma ad Ardea, avrà come obiettivo invece «Il cantiere dei valori, giovani verso il Pdl». Un pensatoio politico-culturale animato dalla presenza di Augello, De Angelis, Marsilio e Palazzi. Sede della quarta, e ultima, conferenza sarà Santa Marinella. Dalla cittadina sul litorale romano toccherà ad Aracri, Meloni, Palazzi e Torriero illustrare «Gli strumenti, le tappe e gli obiettivi di Alleanza nazionale verso il Pdl», nello sforzo di «guidare il popolo di An verso il nuovo partito in maniera consapevole, fugando i dubbi di chi guarda a questo processo con scetticismo o, a volte, con ostilità». Moderatore in tutti i dibattiti, il presidente provinciale di An Francesco Lollobrigida.