Sesso: i giovani Usa sono meno "spericolati"

Uno studio rivela che il 79% degli adolescenti americani usa il preservativo, contro il 25% degli adulti. Per i giovani il sesso non è così essenziale: in pochi hanno avuto rapporti negli ultimi tre mesi

Washington - Se si crede che per quanto rigurda il sesso gli adolescenti siano i più "spericolati", basta leggere la ricerca fatta dall'Università dell'Indiana per ricredersi. Il più completo studio sulle
abitudini sessuali degli statunitensi dal 1994, infatti, ha rivelato che un americano su quattro usa abitualmente i condom (uno su tre tra i single), ma che quelli che li adoperano di meno sono proprio gli "over 40". Più in dettaglio, il 79% dei teenager tra 14 e 17 anni dice di aver utilizzato il condom nei suoi ultimi rapporti sessuali. La percentuale scende al 25% trai i maschi adulti, toccando il punto più basso tra gli uomini con più di 50 anni. Gli ispanici e gli afroamericani, le due etnie più colpite dalla diffusione dell’Hiv, utilizzano il preservativo con più frequenza rispetto ai bianchi, segno che i programmi di prevenzione contro il virus hanno avuto buoni risultati. 

Sesso non essenziale per i ragazzi Ma non solo. Dai risultati del sondaggio si deduce che gli adolescenti non hanno rapporti frequenti così spesso: a 17 anni, il 40% dei ragazzi afferma di avere avuto un rapporto completo nell’anno precedente, ma solo il 27% ha dichiarato di averlo avuto nei tre mesi precedenti all’indagine. Singolare anche la differenza di percezione dell'orgasmo tra uomini e donne: l’85% degli uomini intervistati è convinto che il proprio partner femminile abbia avuto un orgasmo negli ultimi rapporti sessuali, contro il 64% delle donne che dichiara di averlo provato. Lo studio, denominato National Survey of Sexual Health and Behavior e pubblicato sul Journal of Sexual Medicine, è stato condotto dai ricercatori del Center for Sexual Health Promotion su 5.800 persone tra i 14 e i 94 anni. L’ultimo studio sulle abitudini sessuali degli americani risaliva al 1994.