Seve, una carriera da mito del green durata trentatré anni

Un'icona di cui il circo del golf europeo da qualche tempo è costretto a fare a meno. Severiano Ballesteros ha dunque lasciato a 50 anni la sua lunga carriera da professionista iniziata nel 1974, coronata nel 1997 dall'entrata nella World Golf Hall of Fame. Le condizioni fisiche non ottimali sia della schiena che del ginocchio lo hanno spinto a prendere questa «difficile decisione», come lui stesso l'ha definita durante la conferenza stampa di commiato.
Adesso si concentrerà ad insegnare i segreti del mestiere ai suoi tre figli, a dirigere le sue società e a giocare qualche partita con gli amici per ricordare con loro trent'anni di successi. L'annuncio dell'addio dai green è stato dato nel luglio scorso dallo stesso campione a Carnoustie, in Scozia, dove aveva iniziato la sua ascesa.
Severiano Ballesteros ha messo dunque a tacere il suo cuore che lo vorrebbe ancora in campo e affida il suo palmares alla storia. Ricordato per approcci, putt e recuperi, Seve riuscì a giocare a golf prestissimo in Spagna, arruolandosi come caddie. Baciato da un talento da vendere, passò professionista ad appena 16 anni, circondato, in famiglia, da campioni come lo zio Ramon Sota, e il fratello, Manuel.
Il primo successo dello spagnolo non si è fatto attendere, tanto che nel 1976 si classificò secondo all'Open Championship, a pari merito con il grande Jack Nicklaus.
Di seguito vinse cinque Majors, 3 Open Championship (1979, 1984, 1988) e due Augusta Masters (1980 e 1983), moltissimi tornei in carriera tra PGA Tour, European Tour, Ryder Cup e oltre 6 milioni di euro in premi.
Tra i successi, resterà nella leggenda del golf la Ryder cup dell'83, in cui recuperò la palla dal bunker dell'ultima buca, lasciando nell'incredulità tutti i presenti.
Le cose hanno iniziato a non andar troppo bene dopo l'European tour del 1995. Le qualificazioni agli Us Open del Championships Tour gli hanno fatto maturare il pensiero dell'addio al gioco professionistico. È lì che Seve Ballesteros ha giocato un solo torneo ed è tornato a casa senza guardarsi più indietro.