Spagna, la tomba di Franco forse trasferita. Ma è già polemica

Oggi è nel mausoleo della Valle de los Caidos, a nord di Madrid. Ma lo spostamento potrebbe scontentare i nemici del dittatore e anche la famiglia

Francisco Franco non riposerà più nell'enorme mausoleo della Valle de los Caidos, a nord di Madrid, i resti del dittatore spagnolo verranno infatti riesumati e trasferiti. Lo ha deciso la Commissione di esperti nominata dal governo dell'ex premier Luis Rodriguez Zapatero che si è rimessa ai voleri della famiglia per trasferire le spoglie «in un luogo degno e adeguato». La decisione della Commissione avrà comunque bisogno di un via libera del Parlamento e dell'autorizzazione della Chiesa.
A oltre 35 anni dalla morte del dittatore la sua salma rimane conservata in un catafalco nell'immensa grotta-basilica della Valle dei caduti nonostante le proteste della sinistra spagnola e delle vittime del franchismo che chiedono da tempo il trasferimento dei resti in un cimitero normale. La famiglia di Franco comunque ha sempre insistito perché Franco rimanga nel mausoleo e una decisione di trasferimento ora potrebbe scatenare di nuovo le ire dei nostalgici. L'ipotesi più possibile al momento, sempre che venga approvata l'ipotesi del trasferimento, è quella che i resti del dittatore vengano trasferiti nel cimitero di El Pardo dove riposa sua moglie.