Il vecchio Godzilla torna alle origini del mito

Non era facile il compito per il regista Gareth Edwards. Quando ti devi confrontare con un'icona come Godzilla inevitabilmente pressioni e attese salgono di pari passo

Non era facile il compito per il regista Gareth Edwards. Quando ti devi confrontare con un'icona come Godzilla (con numerosi fan sparsi nel mondo), nata nel '54 sull'onda del terrore nucleare, e con a disposizione un budget impressionante, inevitabilmente pressioni e attese salgono di pari passo. Oltretutto, la precedente rilettura occidentale del capostipite dei Kaiju, firmata da Emmerich, non fu certo un capolavoro, tanto da vincere il premio Razzle come peggior remake.

Per fortuna, Edwards è riuscito a confezionare un prodotto interessante, ben miscelato, che ha, però, qualche difetto (come il durare una ventina di minuti di troppo). Uno scienziato (Bryan Cranston) vede morire la moglie (Juliette Binoche) durante un terremoto che devasta un impianto nucleare giapponese. A distanza di quindici anni, però, l'uomo resta convinto che le vere motivazioni dell'incidente siano diverse. Per questo, continua a indagare sull'accaduto, coinvolgendo, suo malgrado, il figlio soldato (Aaron Taylor-Johnson) sposato con una infermiera (Elizabeth Olsen) e padre di un bimbo che lo vede poco a casa. La verità verrà presto a galla (grazie anche al poco sfruttato Ken Watanabe) con l'entrata in scena del nostro Godzilla che dovrà vedersela con antichi nemici, i M.U.T.O, creature che si cibano di radiazioni nucleari.
Ora, in simili blockbuster la credibilità è un eufemismo e quindi bisogna soprassedere su certe scorciatoie nello spiegare le relazioni tra i protagonisti. Del resto, trattasi di pop corn movie e quindi ciò che conta è vedere Godzilla in azione. Anche se qui, in realtà, gli scontri tra i mostri vengono mostrati in secondo piano, come se fossero un corollario ad una storia tra umani.
Una scelta interessante e azzeccata, con l'aggiunta di una splendida fotografia, un 3D degno di questo nome e un taglio old style che richiama alla mente le origini del mito.

Commenti
Ritratto di Giano

Giano

Gio, 15/05/2014 - 11:46

Oh, finalmente, ecco cosa il mondo aspettava per superare la crisi e dare impulso al progresso umano: un nuovo film di Godzilla. La cosa tragica è che (se lo dice la stampa deve essere vero, purtroppo)queste buffonate abbiano milioni di fan. Quando cominceremo ad essere un po' più seri, forse, avremo un mondo migliore. "Pop corn movie"? No, Fantozzi direbbe "cagata pazzesca...". Applausi ad libitum...