11 settembre, il principe Harry si trasforma in Gordon Gekko per beneficenza

In occasione di un evento di beneficenza che si tiene ogni anno in occasione dell'11 settembre, il Duca del Sussex ha sorpreso tutti con le sue abilità di broker arrivando a raccogliere 50mila sterline

Sembrava Gordon Gekko, mai visto un talento naturale del genere”. Queste le parole di chi ha visto oggi all’opera il Principe Harry che si è destreggiato con ben tre telefoni arrivando a raccogliere in poco più di un’ora 50mila sterline per gli “Invictus Games”, di cui è fondatore e ambasciatore nel mondo.

Tutto si è svolto nell’ambito del 15esimo Charity Day della BGC Partners, una società americana di servizi finanziari con sede a New York che l’11 settembre 2001 vide morire nel crollo delle Torri 658 suoi impiegati. Ogni anno da allora, nel giorno dell’anniversario dell’11 settembre, la BGC Partners è promotrice a Londra e New York di una iniziativa molto speciale che mira a coinvolgere il maggior numero di persone che vogliono sostenere un ente o una causa a loro scelta raccogliendo fondi in prima persona. Come? Attaccandosi al telefono e convincendo quanta più gente possibile a donare in beneficenza quanto credono perché anche la più piccola somma conta quando il fine è così nobile.

Lo sa bene il principe Harry che questa mattina si è recato nella sede londinese della BGC Partners a Canary Wharf e qui, insieme ad altre celebrities coinvolte nell’iniziativa, come l’attore de “Il Trono di Spade” Kit Harington, si è dato un gran da fare per raccogliere più fondi possibile per gli “Invictus Games”, l’evento sportivo da lui ideato nel 2014, che prevede la competizione tra veterani di guerra rimasti disabili.

Harry è stato davvero instancabile: appena arrivato si è attaccato ai telefoni usandone ben tre senza mai fermarsi e dimostrando, come hanno dichiarato diversi astanti, “un talento da broker innato, chiudeva una transazione dietro l'altra” e "un grande entusiasmo per la causa".
Alla fine della giornata secondo il “Sun” sarebbe stato raccolto 1 miliardo di sterline, una cifra colossale. Si tratterebbe, infatti, se il dato fosse confermato di una delle più grandi negoziazioni sul mercato degli ultimi cinque anni. E il tutto per beneficenza e per ricordare l'immane tragedia dell’11 settembre.



Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?