Ad Alghero l'Oscar delle Voci premia James Bond, Indiana Jones e i Brangelina

Il Leggio d'Oro, nato da un'idea di Vittorio Vatteroni e organizzato dall'Endas, celebra la notte dei doppiatori. Protagonisti Michele Gammino (Harrison Ford), Francesco Prando (Daniel Craig), Claudia Catani (Angelina Jolie), Sandro Acerbo (Brad Pitt), Roberta Greganti (Jamie Lee Curtis). E Josè Altafini per i cartoon...

Ci saranno James Bond e Indiana Jones. Ma anche Brad Pitt e Angelina Jolie. E Josè Altafini in carne e ossa. Basterà chiudere gli occhi e Alghero per una notte diventerà Hollywood. Il Leggio d'Oro, l'Oscar delle Voci ideato da Vittorio Vatteroni, organizzato dall'Endas e presentato quest'anno da Moreno Morello e Alessia Reato, premia sabato 19 luglio i migliori doppiatori dell'anno, le voci dei divi del cinema.
.
Il Leggio d'oro
Il Leggio d'Oro, nato nel 1995, anno in cui il cinema ha compiuto 100 anni, premia il meglio del doppiaggio italiano. Il primo a vincerlo fu Alberto Sordi, poi toccò, tra gli altri, a Oreste Lionello, Enzo Garinei, Francesco Pannofino, Luca Ward, Adriano Giannini, Claudio Bisio, Cesare Barbetti, Roberto Chevalier, Claudio Sorrentino. Presidente del premio è Lorenzo Beccati, scrittore e autore di «Striscia la notizia». Ma soprattutto voce del Gabibbo
.
I premiati
Miglior voce femminile:
Claudia Catani, per l'intepretazione di Angelina Jolie nel film «Maleficent». In carriera è stata anche l'agente Scully di X-files (oltre a Charlize Theron e Cameron Diaz)
Miglior voce maschile:
Francesco Prando che interpreta Ralph Fiennes in «Grand Budapest Hotel» (ma è sua anche la voce di James Bond/Daniel Craig oltre a Keanu Reeves e Hugh Grant,)
Miglior direzione di Doppiaggio:
Sandro Acerbo, voce di Brad Pitt, (ma anche di Michael J. Fox in «Ritorno al futuro» e Will Smith in «Men in Black»), per il film «12 anni, schiavo»
Miglior voce femminile dell'anno:
Roberta Greganti. Tra le sue interpretazioni più famose: Bo Derek in «10», Jamie Lee Curtis in «True Lies», Uma Thurman in «Batman e Robin»
Miglior voce maschile dell'anno:
Flavio Aquilone, alter ego di Zac Efron. Suo il Tom Felten di «Harry Potter»
Premio alla Carriera:
Michele Gammino, cioè l'Harrison Ford di «Indiana Jones», il Richard Gere di «Pretty Woman», il Kevin Costner di «Balla con i lupi». Ma è anche Jack Nicholson, Steven Seagal e Bill Murray
Voce Telefilm Cult:
Edoardo Nevola, voce di Will Smith nella serie «Willy, il principe di Bel Air»
Voce rivelazione dei Cartoon:
Josè Altafini per «Rio» 2 dove interpreta Luiz
Premio Alberto Sordi:
Maurizio Mattioli, attore comico, protagonista del Bagaglino e doppiatore di cartoni animati come «Z la formica» e «La gang del bosco».
.
Dove e quando:
Sabato 19 luglio alle 9.30, alla Banchina Garibaldi di Alghero (Sassari). Presentano Moreno Morello e l'ex velina Alessia Reato