Amadeus ricorda gli anni bui: "Ti accorgi che tutto è finito, poi ricordi che hai una famiglia"

Amadeus ripercorre uno dei periodi più brutti della sua carriera quando, a causa di scelte sbagliate, venne allontanato dal mondo della tv e il suo telefono non squillò per anni

Tra gli ospiti di Mara Venier per la prima puntata di Domenica In c'è stato anche Amadeus che, prima di parlare del prossimo Festival di Sanremo di cui sarà conduttore, ha ricordato gli anni bui della sua carriera.

Lui, che dieci anni fa mai avrebbe pensato di poter essere scelto come timoniere di una edizione del Festival della Musica Italiana, ripercorre con la Venier uno dei periodi più difficili della sua vita professionale. “Il periodo difficile è durato qualche anno – ha confessato - . All'epoca non avrei mai immaginato di fare Sanremo dieci anni dopo”. Amadeus, infatti, si allontanò dalle luci dei riflettori provando a cambiare strada, ma il risultato fu fallimentare. “Ero consapevole di aver sbagliato delle scelte – ha ammesso - . In quel caso non avevo neanche ascoltato i consigli di Giovanna. Sono momenti in cui capisci che il telefono non squilla più e che non andresti neanche a presentare la sagra della salsiccia”.

E ti accorgi che tutto è finito, poi ricordi che hai una famiglia – ha continuato a ricordare senza nascondere la sofferenza - . Sono ripartito da zero facendo i provini, proponendomi. Tornare a scalare la seconda vetta non ha prezzo”. E, alla fine, con la sua tenacia e la preparazione è riuscito a riemergere tanto da meritarsi di essere scelto come conduttore e direttore artistico del prossimo Festival di Sanremo di cui ha svelato qualche anticipazione. Quest’anno, infatti, i venti cantanti che saliranno sul palco del Teatro Ariston potranno scegliere di reinterpretare una canzone a loro piacimento e, il voto di gradimento di questa esibizione, sarà valido per la classifica finale.

Commenti
Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Lun, 16/09/2019 - 22:08

Vuoi un applauso?

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 17/09/2019 - 10:35

A leggere certe cose mi viene da piangere ....