Avellino, il prete apre la messa sulle note di "Soldi" di Mahmood

La canzone di Mahmood ha fatto discutere parecchio. Dopo la vittoria a Sanremo il cantante è entrato nel vortice delle polemiche. E ora trova spazio in Chiesa

La canzone di Mahmood ha fatto discutere parecchio. Dopo la vittoria a Sanremo il cantante è entrato nel vortice delle polemiche che ancora non si spengono. Ma c'è chi ha deciso di spalancare le porte della sua chiesa proprio a "Soldi", la canzone con cui Mahmood ha vinto questa 69esima edizione del Festival. Si tratta di Don Vitaliano Della Sala, parroco della chiesetta di San Giovanni a Mercogliano. Il prete ha infatti scelto di aprore la celebrazione della messa della domenica pomeriggio delle 18:30 sulle note del brano di Mahmood: "E' stata una scelta dei ragazzi del coro. Ne hanno parlato all'oratorio e hanno capito il senso della canzone.

Del resto noi ogni domenica iniziamo la messa con un canto non religioso", ha raccontato a Repubblica. Dall'altare Don Vitaliano ha voluto spiegare i motivi di questa scelta e dall'altare non ha usato giri di parole: "Questa canzone di Mahmood – aggiunge dall'altare don Vitaliano – è invece molto attuale e ci fa capire come i soldi possono rovinare i rapporti familiari. Per altro il vangelo di oggi parla proprio delle beatitudini. E ci ricorda che sono beati i poveri perché è loro il regno dei cieli". Magari il prossimo conduttore del Festival, il prossimo anno, troverà un posto tra il coro anche a Don Vitaliano...

Commenti
Ritratto di gammasan

gammasan

Lun, 18/02/2019 - 10:28

'sto parroco ha proprio ragione: i soldi spesso sono la rovina dei rapporti familiari...con la loro scarsità...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 18/02/2019 - 10:40

Siamo, ormai, al ludibrio.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 18/02/2019 - 11:23

"Ludibrio", sig Memphis35? Peggio. E' la fine del cattolicesimo e della sua chiesa. Dopo duemila anni il tragitto di questo tipo di chiesa si può dire concluso per volere degli stessi preti.

pendra

Lun, 18/02/2019 - 11:35

Il Parroco in questione Don vitaliano della Sala é uno che in passato fu sospeso "a divinis" da Papa Woytilo. Poi é stato reintegrato ma praticamente la tonaca la indossa solo come un costume carnascialesco. basta chiedere ai suoi vecchi parrocchiani le storielle boccaccesche che circolavano in paese. Purtroppo la chiesa di Cristo é zeppa di questi fantomatici sacerdoti.

steacanessa

Lun, 18/02/2019 - 11:35

Tutto il suo capo. Chiesa cattolica addio.

il corsaro nero

Lun, 18/02/2019 - 11:43

Magari la andassero a cantare nelle sedi della Caritas e delle varie cooperative che speculano sulla pelle degli immigrati arricchendosi!

Ritratto di Ardente

Ardente

Lun, 18/02/2019 - 11:56

in linea con il papocchio....

diesonne

Lun, 18/02/2019 - 11:57

DIESONNE signore ricordati di me e abbi pietà di me sacerdote che tradisco il tuo comando:predicare il tuo vangelo

timoty martin

Lun, 18/02/2019 - 12:02

ennesima vigliaccata da parte di un prete venduto. Fortunatamernte, da anni, non di un centesimo alla Chiesa.

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 18/02/2019 - 12:06

... e di che vi lamentate, il successo di mahmoud, uomo di musica patano, figlio di una patana emigrata a "malane" è arrivato fino ad avellino; stiamo parlando di un vostro simile!

Maver

Lun, 18/02/2019 - 12:08

Ma poveretto.

Ritratto di Sarudy

Sarudy

Lun, 18/02/2019 - 12:15

. . un po' ha ragione questo prete però è molto discutibile. Dov'è finita questa Chiesa con questo Papa che si fa fotografare con una medaglia con scritto "aprite i porti"???? è un capo cattolico o un avversario politico??

celuk

Lun, 18/02/2019 - 12:16

ma i suoi fedeli cosa dicono? sono rimasti in chiesa a sentire una messa trasformata in una pagliacciata? Ormai c'è la pazzia dilagante.

tofani.graziano

Lun, 18/02/2019 - 12:24

giovinap 12.06-ebbasta sempre la stessa solfa stai diventando ridicolo

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 18/02/2019 - 12:31

Poi dicono che non sono kattokomunisti. Magari pure islamici.

Ritratto di massacrato

massacrato

Lun, 18/02/2019 - 12:44

Sempre più orgoglioso di essere ATEO.

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 18/02/2019 - 12:47

Prima o poi, comunque, dal Signore, che ora offendono col la loro deriva ideologica. Tutti, nessuno escluso.

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 18/02/2019 - 12:50

Correggo. Prima o poi, comunque, saranno giudicati dal Signore, che ora offendono col la loro deriva ideologica. Tutti, nessuno escluso.

Divoll

Lun, 18/02/2019 - 12:53

Al posto dei fedeli, mi sarei alzato e me ne sarei andato.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Lun, 18/02/2019 - 13:05

Riporto una riflessione sul vangelo delle beatitudini di domenica scorsa: Il Vangelo non è «una specie di scuola super dello Spirito, aperto al mito della “eccellenza formativa”. Le sue parole ci informano di come le cose sono e stanno nel “suo” sguardo. Di fatto ci aiuta a vedere l’uomo più in profondità, a contatto con drammi anche inevitabili, con contraddizioni e insufficienze che riguardano bravi e meno bravi, e proprio a questa «povertà di tutti» esso osa spalancare orizzonti grandiosi, non per ciò che gli uomini sanno fare, scegliere e realizzare, ma perché di essi si cura il Signore della misericordia, che li salva, li grazia.» Si può essere «ricchi» anche se non si possiede nulla. Sempre nella liturgia di domenica scorsa, il testo di Geremia è chiaro: «Maledetto l'uomo che confida nell'uomo, e pone nella carne il suo sostegno, allontanando il suo cuore dal Signore».

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Lun, 18/02/2019 - 13:07

(SEGUE) A Don Vitaliano vorrei ricordare che è «sacerdote». e non «pastore», come tra i protestanti, perché la Chiesa Cattolica crede che, nella celebrazione dell’Eucaristia, Cristo rende presente il suo Sacrificio sulla Croce, e il sacerdote, a ciò deputato, lo offre a Dio. È la Chiesa, però, che indica il modo, i testi, i canti della celebrazione; non il sacerdote celebrante. Don Vitaliano, come parroco, deve conoscere ed osservare scrupolosamente le norme liturgiche. Quanto ai «ragazzi del coro», non dimentichi che lui è il tecnico della liturgia è ha il dovere di formarli. Se non lo fa, visto che parliamo di soldi, è tra i tanti che non si guadagnano onestamente lo stipendio. Direttamente o indirettamente il suo datore di lavoro è la comunità parrocchiale.

Ritratto di allergica_alle_zecche

allergica_alle_...

Lun, 18/02/2019 - 13:15

Il messaggio della canzone per me è questo: una donna ITALIANA si lega ad un MUSULMANO, ci fa un figlio, il musulmano si stufa di lei e se ne torna in Africa mettendo su famiglia con un' altra donna. Resta qua madre italiOTA e figlioletto da crescere. Il figlio cresce e diventa un cantautore. Guadagna qualche soldino e il padre torna a battere cassa. Ed è pure fortunata l' italiota, perchè invece capita spesso che i musulmani se ne tornino a casa portandosi dietro la prole! Accendesse un cero alla madonna che almeno le è rimasto il figlio.

GioZ

Lun, 18/02/2019 - 13:38

Meglio per i credentiraccogliersi per le preghiere a casa propria, come un tempo si faceva a colazione e alla sera, inginocchiati al bordo del letto. Inutile e anzi deleterio, se credi in Dio, frequentare chiese e parrocchie.

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Lun, 18/02/2019 - 15:00

E la gente contenta, senza neanche saperne il perché, continua a dare l'obolo alla messa domenicale.

oracolodidelfo

Lun, 18/02/2019 - 15:53

Don Vitaliano, era meglio "Abbi cura di me" di Cristicchi.....

Giorgio Colomba

Lun, 18/02/2019 - 16:11

Dal prevosto no global già sodale di Francesco Caruso e facinorosi assimilati, questo ed altro.

vigpi

Lun, 18/02/2019 - 16:27

E iniziare con un video di Valentina Nappi??? Anche lei odia Salvini.

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Lun, 18/02/2019 - 16:53

Preti,parrocci hanno capito da tempo che oramai in chiesa sono pochi ad andarci e allora devono RECLUTARE immigrati e compani

al43

Lun, 18/02/2019 - 17:42

Fatevi curare, ma da uno bravo!!

baronemanfredri...

Lun, 18/02/2019 - 17:53

ALLERGICA MA NON ERA MEGLIO CHE QUESTA CD ITALIANA INTELLIGENTE NON SI SPOSAVA UN MUSSULMANO? PER FORTUNA E' FINITA LA POLITICA CHE INCULCAVA GIORNALMENTE, ANCHE CON L'AIUTO DELLE TRASMISSIONI DELLA RAI DI MATRIMONI MISTI? ELOGIANDOLI E, ANZI SPRONANDO LE ITALIANE A SPOSARSI CON STRANIERI? POI VEDIAMO COME SONO RIUSCITI.

timoty martin

Lun, 18/02/2019 - 18:28

Europa, Europa; come ci hai rovinati. Stavamo molto meglio da soli, che non cosi' male accompagnati.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 18/02/2019 - 18:33

ma come si fa andare ancora in chiesa? Sono contro il cristianesimo, pro comunismo e pro islam. Il contrario dei nosrti valori.

Santippe

Lun, 18/02/2019 - 19:04

Dai canti gregoriani alle canzonette (provocatorie) sanremesi:se chiudessero la Baracca senza ulteriori indugi, lascerebbero almeno un malinconico ricordo. Macché, devono provocare un sospiro di sollievo, come quando ci si libera da un peso sullo stomaco.