La Streisand difende Jackson e accusa i genitori delle vittime

Impazza la polemica per le dichiarazioni di Barbra Streisand che ha criticato i due protagonisti del documentario “Leaving Neverland” perchè erano contenti di essere lì, con il permesso di genitori superficiali e avidi. Secono la star, quanto, forse, è loro successo non li ha certo uccisi dato che oggi sono entrambi sposati e con figli

Barbra Streisand nei confronti di Michael Jackson, di cui rimpiange di non aver duettato insieme in un singolo che avevano in programma diversi anni fa, parlando con il Times di Londra si è mostrata decisamente comprensiva verso il re del pop. È la prima vera super star a rilasciare una intervista sul collega decisamente caduto in disgrazia dopo la messa in onda di un documentario che suppone, senza averne prove concrete, che Jackson fosse un pedofilo.

"I suoi bisogni sessuali erano i suoi bisogni sessuali, provenienti da qualunque infanzia avesse o qualunque dna avesse", ha detto la Streisand. L’attrice e cantante premio Oscar, autentica icona del mondo dello spettacolo ha incolpato i genitori delle presunte vittime di abusi, sostenendo che, se è davvero successo quello che i due raccontano, "io do la colpa ai genitori che hanno permesso ai loro figli di dormire con lui". Ha però aggiunto chei bambini, ormai uomini oggi, sono "entrambi sposati ed entrambi hanno figli, quindi quanto forse accaduto non li ha mica uccisi. Sono andati avanti con le loro vite, no?". Infine, ha detto, "potete anche usare la parola 'molestati', ma quei bambini, come si sente nel documetario e come loro stessi ammettono nelle loro interviste alla stampa, erano entusiasti di essere lì e ci sono tonati tante e tante volte".

Una presa di posizione netta, la prima di una A-list star in difesa di Jackson, suo caro amico di cui non conosceva i segreti più intimi, ma che ammirava come artista e a cui voleva molto bene come persona. Subito su di lei si è riversata dai social una cascata di polemiche, tra cui quella di giustificare la pedofilia come un "bisogno sessuale come un altro" e il regista del documentario HBO “Leaving Neverland”, Dan Reed, ha twittato stupito: "Non li ha uccisi? Lo ha veramente detto? La Streisand? Incredibile!".

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

Commenti

sparviero51

Sab, 23/03/2019 - 18:36

IN QUANTO A " LIBERTÀ " SESSUALI , LEI SI CHE SE NE INTENDE !!!

duca di sciabbica

Sab, 23/03/2019 - 19:07

ma è la Streisand quella in foto, o sua figlia?

blackbird

Sab, 23/03/2019 - 19:53

Non vedo cosa ci sia da stupirsi per quello che ha detto, ha anche sostenuto la Clinton contro Trump!

ziobeppe1951

Sab, 23/03/2019 - 20:46

duca...avendo 76 anni, penso che sia la nipote

Popi46

Dom, 24/03/2019 - 07:23

Credo che la Streisand abbia espresso un ragionamento troppo articolato per la capacità di comprensione di tanti commentatori

pilandi

Dom, 24/03/2019 - 09:25

@Popi46 vedendo gli altri commenti, credo lei abbia ragione. Consideri però che qui Jackson era nero e gli altri bianchi, a parti invertite Jackson sarebbe stato santo subito.