Dallas, Beyoncé si sfoga sui social: "È ora di farsi rispettare"

La popstar prende - saldamente - posizione contro gli omicidi degli afroamericani, invitando i fan alla lotta: "Non abbiamo bisogno di solidarietà. È l'ora di farsi rispettare"

I recenti, sanguinosi avvenimenti di altissima tensione razziale hanno sconvolto l'opinione pubblica e indignato le celebrità. Tra loro, la popstar di fame mondiale Beyoncé, da tempo impegnata a chiedere giustizia per gli afroamericani uccisi - spesso senza motivo - dalle forze dell'ordine negli Stati Uniti. La cantante, che sul suo sito ha scritto di essere - con la comunità di colore -"stufa e stanca" per quanto sta succedendo, ha indetto una vera e propria chiamata alla lotta per chiedere giustizia e rispetto per gli afroamericani.

Dopo l'uccisione di Alton Sterling e Philando Castile in Louisiana e in Minnesota, Beyoncé ha pubblicato un lungo sfogo sul suo sito, in cui chiede alla popolazione di colore di reagire ai soprusi, facendosi valere: "Non abbiamo bisogno di solidarietà - scrive la popstar - abbiamo invece bisogno che tutti abbiano rispetto delle nostre vite". E poi: "Ora la nostra comunità si organizzerà per lottare contro chiunque sia convinto che sostanzialmente non vadano punite le uccisioni o qualsiasi altra azione violenta compiute da coloro che hanno giurato di proteggerci. Questa è una battaglia umana. Non importa quale sia il tuo sesso, la tua razza o il tuo orientamento sessuale. Questa è una battaglia di tutti coloro che si sentono marginalizzati e che lottano per la libertà e per i diritti umani. E non è un grido contro la polizia, ma contro ogni essere umano che non sa valutare l'importanza della vita. La guerra contro le persone di colore e le minoranze deve finire".

Durante gli ultimi concerti, Beyoncé ha proiettato sui maxi schermi antistanti il palco i nomi degli afroamericani uccisi dalla polizia. Nell'ultimo Super Bowl, poi, ha inscenato un balletto che richiama le Black Panther, la storica organizzazione afroamericana che lottò per i diritti civili dei neri, rifiutando la strada della non-violenza predicata da Martin Luther King. Simile attitudine anche nel video del singolo "Formation", dove la cantante ha posato con aria di sfida su un auto della polizia.

Come ultima provocazione, Beyoncé ha postato su Instagram il seguente appello, con tanto di link al discorso sul sito ufficiale: "Tutti noi abbiamo il potere d'incanalare la rabbia e la frustrazione in azione".

Click the link in my bio to go to Beyonce.com. Turn our anger into action.

Una foto pubblicata da Beyoncé (@beyonce) in data:

Commenti

ziobeppe1951

Ven, 08/07/2016 - 17:16

Bene..qualcosa si muove

Ritratto di cape code

cape code

Ven, 08/07/2016 - 18:39

ziobeppe...."bene qualcosa si muove"? Allora bene anche che abbiano ucciso il nero nelle Marche, visto che son sempre gli italiani a essere uccisi dalle risorse di solito. Ti va bene cosi?

Ritratto di marystip

marystip

Ven, 08/07/2016 - 19:35

Ma pensa a cantà se ti riesce

cecco61

Ven, 08/07/2016 - 21:08

Mi auguro venga incriminata per apologia di reato. Sicuramente poliziotti impreparati ad andare in pattuglia ma chissà perché tutto questo casino se a lasciarci la pelle è un nero. Quando accade ad un bianco nessuno fiata.

ziobeppe1951

Sab, 09/07/2016 - 00:00

Cape code..18.39....mi scuso se non l'hai capita, la mia era una battuta sarcastica