Bianca Berlinguer commossa per le parole di Corona sul padre

Mauro Corona ricorda Enrico Berlinguer a Carta Bianca. La conduttrice si commuove in diretta

Non ce l'ha fatta a trattenere l'emozione. Bianca Belringuer si lascia andare alla commozione durante l'ultima puntata di Carta Bianca. A 35 anni esatti dalla morte del padre, Enrico, la conduttrice ascolta commossa il ricordo di Mauro Corona. Lo scrittore, ospite fisso della trasmissione della Berlinguer, elogia l'ex segretario del partito comunista: "Una persona a cui volevamo bene e a cui vogliamo bene anche adesso". Poi Corona parla della morte di Berlinguer: "Ha lasciato un ricordo dolce ed emozionante. E nessuno lo ha dimenticato". Dopo le parole dello scrittore in studio è partito un lungo applauso. E proprio durante l'applauso la Berlinguer si è commossa. Così, prima di dare il via alla trasmissione ha voluto commentare le parole di Corona: "Mi avete fatto commuovere - ha affermato la conduttrice con la voce rotta dall'emozione - Adesso dobbiamo andare avanti". Spesso tra Corona e la Berlinguer va in onda un siparietto in perfetto stile "casa Vianello". Questa volta però le battutine e i sorrisi hanno lasciato il posto a qualcosa di più profondo che ha colpito il pubblico in studio. Di certo la Berlinguer non dimenticherà facilmente le parole con cui Corona ha ricordato il padre Enrico scomparso drammaticamente dopo un comizio di 35 anni fa.

Commenti
Ritratto di ateius

ateius

Mar, 11/06/2019 - 23:41

infatti.. dopo pochi minuti gli ha dato del maleducato togliendogli la parola.. e chiudendo il collegamento.- e lo sa che Corona non ama essere interrotto o tacitato quando intende dire la sua.- penso che la berlinguer debba ancora imparare a fare le interviste.-

maropicchi

Mer, 12/06/2019 - 08:41

Telegiornale tedesco ZDF 1976,ho ancora la cassetta VHS.In quel di berlino est,parata militare,comunista.Berlinguer,Breznev,Caesescu e altri dittatori.Ripetuti baci sulle labbra .Enrico torna a casa dalla sua Bianca e la bacia da parte dei sui compagni.Corona purtroppo non fu baciato.Ah languidi baci e carezze rosse........

apostata

Mer, 12/06/2019 - 09:04

C’è poco da commuoversi il padre è stato un comunista. Quando la parte non trinariciuta degli italiani si accorgeva del tragico imbroglio, lui che sapeva più degli altri continuava a essere comunista, a prendere soldi dai sovietici fino alla fine. A quell’epoca era auspicato per l’italia lo stesso destino di romania, albania e bulgaria. Quando i carri armati sovietici invasero l’ungheria dissero che era per reprimere la reazione fascista. Poi fece una debole, surrettizia ammissione di fallimento accennando all’esaurimento della spinta propulsiva. Era un ometto triste, tetro, timido, scostante, rivelava la concezione autoritaria, distaccata della politica avulsa dal sentimento popolare. Ora che la conduttrice nel privato rimpianga il padre si può capire, ma che pretenda di celebrare sulla tv di stato la sua santificazione politica, sia pure con l’infelice, sminuente avallo del bizzarro ospite di studio, è inaccertabile.

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Mer, 12/06/2019 - 09:44

Commenti?

apostata

Mer, 12/06/2019 - 10:17

C’è poco da commuoversi il padre è stato comunista. Quando la parte non trinariciuta si accorgeva del tragico imbroglio, lui che sapeva più degli altri continuò a essere comunista, a prendere soldi dai sovietici fino alla fine. A quell’epoca era auspicato lo stesso destino di romania, albania e bulgaria. Quando i carri armati sovietici invasero l’ungheria dissero che era per reprimere la reazione fascista. Poi fece una debole, surrettizia ammissione di fallimento accennando all’esaurimento della spinta propulsiva. Era un ometto triste, tetro, timido, scostante, rivelava la concezione autoritaria, distaccata della politica avulsa dal sentimento popolare. Ora che la conduttrice nel privato rimpianga il padre si può capire, ma che pretenda di celebrarne sulla tv di stato la santificazione politica, sia pure con l’infelice, sminuente avallo del bizzarro ospite di studio, è inaccertabile.