Bignardi pronta all'Assedio tra Chef Rubio e Travaglio

Discovery, fra le novità un programma di interviste di Daria sul Nove. E spunta il docufilm «Silvio forever»

Farà un po' impressione vedere sugli stessi canali Noemi Letizia (la ragazza napoletana fan di Berlusconi), Marco Travaglio, acerrimo nemico dell'ex premier e suo grande fustigatore e il medesimo leader di Forza Italia sotto forma di film. Tutti e tre li ritroveremo, in diverse vesti, nelle reti del gruppo Discovery Italia che ieri a Milano ha presentato la prossima stagione tv 2019/2020. Annunci - soprattutto quello su Noemi - che hanno suscitato un po' di stupore tra i cronisti presenti, ma che i dirigenti di Discovery (l'amministratore delegato Alessandro Araimo e la responsabile contenuti Laura Carafoli) hanno inquadrato in un'ottica di una linea editoriale «alla ricerca di un costante equilibrio con l'obiettivo di raccontare la realtà del Paese cercando di coniugare la serietà dell'informazione con la leggerezza dell'intrattenimento». In sostanza Discovery, dopo anni di format internazionali (sua missione principale), sta cercando di raccontare sempre di più la nostra Italia. Con tutti i personaggi che ne hanno fatto e ne fanno la storia.

Così, Noemi Letizia la ritroviamo, insieme ad altre cinque donne super ricche, nel programma The real housewives per raccontare la vita da nababbe che conducono in quel di Napoli. Perché è stata scelta proprio la ragazza di Casoria per uno show d'intrattenimento e non per un'inchiesta su quella stagione? «Perché si è sposata con un giovane molto benestante e dunque era perfetta per quel programma». Pare più che altro un modo per attirare l'attenzione mediatica... «Non abbiamo bisogno di questi trucchi - è la risposta - il nostro gruppo è in costante crescita di ascolti (7 per cento di share complessivo) e di successo social. In onda vanno i personaggi che sono consoni a un racconto. E questo è solo un nome in mezzo a molti altri». Travaglio invece avrà un rubrica fissa nel talk d'attualità Accordi e disaccordi insieme ad Andrea Scanzi e Luca Sommi. Facile immaginare i bersagli del direttore del Fatto quotidiano, i cui giornalisti sono presenti in forze sulle reti Discovery. Infine, il leader di Forza Italia lo rivedremo nel film-documentario Silvio forever di Faenza a dicembre, per un ciclo di documentari dedicati anche a Umberto Bossi e Craxi.

Comunque, il palinsesto di Discovery è anche molto altro. Dallo sviluppo di Real Time, la rete con cui il gruppo ha sfondato in Italia all'espansione di Nove, il canale generalista che sta crescendo di anno in anno arrivando all'1,6 per cento di share complessivo. La novità principale per quest'ultimo è l'approdo di Daria Bignardi, dal 16 ottobre al mercoledì sera, che va a rafforzare l'ambito dell'attualità. Arrivata a sorpresa in conferenza, la giornalista spiega che ha «accettato l'offerta di Discovery grazie a un lungo corteggiamento» e che, dopo molto pensare su come ripresentarsi al pubblico dopo l'ultima esperienza come direttrice di Raitre, ha deciso di riproporre il format che meglio le riesce, cioè «raccontare l'attualità attraverso le interviste ai protagonisti di questa». Insomma rivedremo le Invasioni barbariche sotto una nuova veste e con il titolo L'assedio. «Perché ci sentiamo tutti assediati, dalla società, dal cambiamento, dalla diversità, dall'insicurezza». Tra gli altri programmi di approfondimento La confessione e Enjoy di Peter Gomez, l'intervista a Pietro Maso e inchieste sulle mafie. Ovviamente tornerà Crozza con le sue fantastiche parodie e il suo pieno di ascolti (5 per cento di share), rivedremo Gabriele Corsi (lasciato inspiegabilmente fuori dalla Rai) con Stai al gioco, arriverà il simpatico programma Il supplente con personaggi come Frassica, Ventura, Giletti e Bastianich nel ruolo di professori per un giorno e Chef Rubio se ne andrà in giro per il mondo a scoprire la cultura culinaria.

Per l'alleggerimento di Real Time, torneranno Matrimonio a prima vista, Cortesie per gli ospiti e si aggiungeranno, tra gli altri, Abiti da sposa - Palermo e diverse declinazioni di Bake off.

Da non dimenticare lo sport, dato che Discovery possiede i diritti per le prossime tre Olimpiadi, che si potranno vedere in pay sul canale Eurosport. Un'esclusiva di 3500 ore, mentre solo una parte (200 ore) si potrà seguire sulla tv pubblica.