Buckingham Palace nega le accuse contro il principe Andrea

Dopo il suicidio di Jeffrey Epstein, avvenuto lo scorso sabato nel carcere di Manhattan, pesanti accuse piovono sul duca di York, prontamente smentite da un portavoce di Buckingham Palace

Buckingham Palace ha smentito categoricamente qualunque coinvolgimento di Andrea, duca di York e figlio della regina Elisabetta, nelle accuse che hanno coinvolto il finanziere Jeffrey Epstein. Come riporta Il Fatto Quotidiano quest’ultimo, morto suicida lo scorso sabato mattina, era detenuto per sfruttamento della prostituzione, traffico di minori e abusi sessuali. A quanto sembra, però, la vicenda non si è fermata qui, ma ha attraversato l’oceano per coinvolgere i Windsor, in particolar modo il principe Andrea. Venerdì scorso i giudici della Corte di New York hanno diffuso le testimonianze e i dati raccolti a carico di Epstein, portando alla luce anche la presunta presenza del secondogenito di Sua Maestà nelle feste a luci rosse organizzate dal finanziere americano.

A quanto sembra le due accusatrici principali sarebbero Virginia Giuffre e Joanna Sjoberg. Secondo le testimonianze rese nel 2015, il principe Andrea avrebbe avuto rapporti con la Giuffre quando questa aveva solo 17 anni. Non solo. Pare ne abbia avuti altri, stavolta a pagamento, con la Sjoberg. Quest’ultima racconta che nel 2001 ci fu un party a casa di Epstein a New York, al quale erano presenti anche Virginia Giuffre e un’altra donna, Ghislaine Maxwell. Joanna spiega: “Ghislaine mi disse di andare a prendere nell’armadio un bambolotto gonfiabile. C’era l’etichetta con la scritta Prince Andrew. Fu molto divertente, perché quando entrai nella stanza con il bambolotto davanti a me c’era il principe in persona”. Le donne sostengono che fu la Maxwell a far sedere Joanna sul divano con il bambolotto in grembo. Virginia, invece, era seduta sulle ginocchia di Andrea.

La Sjoberg prosegue così la sua deposizione: “Hanno preso le mani del bambolotto e le hanno messe sul seno di Virginia, mentre il vero Andrea faceva la stessa cosa su di me”. Poi il duca di York avrebbe avuto un rapporto sessuale con Virginia, la quale sottolinea anche il compenso, ovvero “la solita cifra di 200 dollari”. A quanto risulta dai documenti la Giuffre venne poi ospitata da Ghislaine Maxwell nella sua casa di Londra, dove avrebbe incontrato di nuovo il principe. A organizzare l’incontro sarebbe stato proprio Epstein. Altro particolare importante: il duca di York e Jeffrey Epstein si sarebbero conosciuti molti anni fa proprio grazie alla Maxwell, figlia di un imprenditore e amica comune dei due. Andrea avrebbe anche invitato il finanziere a Sandringham, residenza della royal family. Quando questi venne condannato a 18 mesi di prigione nel 2010, il duca dovette scusarsi e spiegare il motivo di quell’amicizia, assicurando che ormai non vi era più alcun tipo di legame tra loro.

Data la gravità della situazione, Buckingham Palace ha deciso di rispedire al mittente le recenti accuse rivolte ad Andrea. Un portavoce della casa reale, infatti, ha comunicato:“Il duca di York non è coinvolto in nessun procedimento. Qualsiasi riferimento ad atteggiamenti impropri con persone minorenni è categoricamente falso”.