Carmen di Pietro: "I social? Una vetrina per guardoni"

Dai social per "guardoni" agli insegnamenti di Andreotti passando per la cena mancata con il porno attore, Carmen di Pietro ci racconta in un’intervista esclusiva il suo rapporto con i social network e i suoi obiettivi

Carmen di Pietro è un vulcano di energia. Fisico da pin up - grazie alla palestra, sua grande passione - e spirito da teenager, la showgirl potentina si appresta a vivere il nuovo anno con grinta e confessa: "Non mi fermeranno neanche a 90 anni". Poco importa dello stress da social, il tempo che non le basta mai e l’amore che non arriva, lei quando parla è un fiume in piena che ti travolge.

Hai quasi mezzo milione di follower su Instagram: com’è il tuo rapporto con i social network?

"Proprio questa mattina in radio dove lavoro (Radio Globo, ndr) abbiamo affrontato anche il discorso dei social. Per me è un dolore di pancia quando si affrontano questi temi perché se dico che sono anti-social ti guardano in modo strano e ti dicono: 'Ma come? allora sei vecchia'. Io vengo da una generazione dove esisteva la macchina da scrivere, con Sandro Paternostro, mio marito, ogni tanto facevo qualche lettera con la sua machina da scrivere. Allora non sai mai come rispondere. Stare sui social Facebook, Instagram – Twitter ancora non ce l’ho – per me è un lavoro, per stare sui social ogni giorno e dico ogni giorno devi mettere una fotografia, ci devi stare, altrimenti si perdono i follower".

Questo non ti piace?

"Ogni tanto qualcuno mi scrive e mi dice: 'Se non mi rispondi allora tolgo il like'. Ma non credo succeda solo a me, credo anche ad altre persone. Ogni tanto i follower si perdono, però siccome è un lavoro e io devo fare quello che mi piace non voglio stressarmi. Se ho una bella foto la pubblico, non deve essere uno stress, e invece in questo momento i social sono uno stress. A parte che mi sembra una vetrina per guardoni, perché quando metto delle fotografie sexy ho molti like, quando invece metto una fotografia familiare, per esempio in montagna con i miei figli, non si hanno tanti like. Quindi penso i social sono una vetrina per guardoni. Basta una scollatura per riceve più like, ma non è possibile, allora cosa sono diventati i social?"

Interagisci con i tuoi follower? Rispondi ai messaggi? Commenti a tua volta?

"Di messaggi me ne arrivano tantissimi e ringrazio Dio per questo. Vuol dire che a qualcuno piaccio e sono simpatica. A pochi rispondo perché non ho tempo, ho il mio lavoro in radio, le ospitate. Forse se non avessi avuto altro da fare. La mia è mancanza di tempo, non cattiveria. Chi sta sempre sui social è perché non ha altro da fare forse, oppure non ha figli (ride, ndr)".

Recentemente hai raccontato che uno stalker ti perseguitava sui social...

"Per fortuna in questo momento non sono perseguitata ancora. Ha smesso, ho fatto denuncia e ne ho parlato anche da Eleonora Daniele a Storie Italiane. Però questa cosa che stare sui social deve essere un lavoro è uno stress, a me non piace. Perdo qualche follower? Non me ne frega niente, ho altro da fare. Per esempio ora sono in palestra".

Una valvola di sfogo, la palestra, o attenzione all’aspetto fisico?

"La palestra per me è fondamentale nella vita perché mi voglio bene. Un insieme di cose non è per piacere agli altri ma per piacere a me, perché io mi voglio vedere bene. Per me è un sacrificio non andare in palestra. In questi giorni che ero in montagna la palestra mi è mancata".

Come hai detto tu stessa, sei molto impegnata in radio, ospitate, sei molto attiva…

"Io ho sempre voglia di fare, a 90 anni spero staremo ancora qui a parlare. Io voglio prendere esempio da persone di una certa età sempre attive. Per esempio, Andreotti. Ho letto una sua intervista e mi ha insegnato che bisogna leggere per tenere il cervello sempre impegnato. Ecco io da queste persone voglio prendere esempio, non mi fermeranno neanche a 90 anni. Devo fare ancora tantissime cose nel privato e nel lavoro. Io quando sto a casa mi viene la depressione, voglio essere dinamica in questo 2020".

Una curiosità: ma è vero che hai rifiutato l’invito a cena del porno attore Max Felicitas?

"Non ho tempo! Neanche per queste dinamiche. Lui è un bravo ragazzo lo abbiamo visto tutti, una cena si potrebbe anche fare, ma io non ho tempo. Lui non se la deve prendere perché 'Max Felicitas già il tuo cognome mi da tanta felicità non ho tempo per cene e cenette'. Io vado a dormire alle 20, come le galline. Questa è la vera Carmen di Pietro".

In amore come va?

"L’amore se viene viene altrimenti sono talmente appagata dalla vita e dalle mie cose e da ciò che mi piace fare. In questo momento non mi manca, se viene è ben accetto, però non me lo vado a cercare con il lanternino. Sono appagata dalla famiglia, dai miei figli che sto bene così".