Chiara Ferragni nel mirino degli animalisti, pronto un blitz nel nuovo shop di Cortina

Il nuovo negozio di Chiara Ferragni a Cortina d'Ampezzo non ha ancora aperto ma è già al centro delle polemiche degli ambientalisti, che da sempre criticano le scelte dell'influencer, amante delle pellicce

Sembra che Chiara Ferragni sia nuovamente al centro delle polemiche con gli animalisti e l'occasione stavolta è l'apertura del nuovo negozio dell'influencer a Cortina d'Ampezzo.

Come riporta il sito de Il Messaggero, già nello scorso mese di ottobre lo showroom di Chiara Ferragni nell'iconica città veneta di montagna è stato preso di mira da un importante gruppo animalista, che ha affisso alcuni cartelli sulle vetrine del negozio. Il motivo di tanto astio nei confronti dell'influencer è la sua grande passione per le pellicce, che sfoggia sotto diverse forme nei suoi profili social. Una passione, questa, non particolarmente apprezzata dai tantissimi animalisti che da ani si battono contro questa industria, accusata di perpetrare torture contro gli animali impiegati per la produzione. Sono tantissimi i volti che nel corso degli anni si sono spesi contro l'utilizzo delle pelli biologiche per la produzione di capi di abbigliamento e accessori alla moda. I movimenti animalisti nel corso degli anni si sono moltiplicati e hanno intensificato le loro azioni, arrivando a veri e propri scontri durante le manifestazioni in numerose città.

Chiara Ferragni è spesso oggetto di attacchi nel suo profilo Instagram dove spesso si fa riprendere mentre indossa pellicce di lusso ma anche pantofole in pelo dal valore di decine di migliaia di euro. Ogni qualvolta l'influencer pubblica un'immagine in cui è presente una pelliccia o, comunque, un accessorio in materiale biologico non si contano i commenti negativi nei suoi confronti. Anche suo marito è al centro della critica, perché in diverse occasioni ha appoggiato l'impiego delle pellicce da parte della moglie e ha lui stesso indossato capi di pelo, perché “genderless.” Non di rado i due sono stati attaccati anche da Daniela Martani, l'ex pasionaria Alitalia. La donna è spesso ospite dei salotti televisivi, dove non manca di prendere le distanze, spesso con termini forti, da un certo tipo di messaggi.

Il pensiero di Daniela Martani è spesso orientato a un'inclinazione quasi radicale nella sua espressione. In tal senso il comportamento di Chiara Ferragni viene visto come un male assoluto nel mondo dei social, perché assurto ad esempio per le nuove generazioni. Il suo pensiero è evidentemente condiviso dal gruppo animalista. Dopo il blitz di ottobre, gli attivisti sono pronti a replicare nelle prossime settimane, quando Chiara Ferragni inaugurerà il negozio di Cortina. L'appuntamento è per i primi giorni di dicembre, quando probabilmente nella cittadina veneta simbolo della mondanità invernale arriverà anche la moglie di Fedez.