"Il cinema è l'arma più forte": House of Cards sbeffeggia Putin

Nell'ultima puntata della serie tv, Underwood invita alla Casa Bianca il presidente russo Viktor Petrov, alias Vladimir Putin: un ubriacone e pervertito, salito al potere grazie al Kgb

"Viktor Petrov str.. fascista! Basta bavagli alla stampa! Basta persecuzioni verso le opposizioni! Basta imprigionare le persone solo perché gay. Stai distruggendo il futuro della Russia!". Comincia così, con un chiaro riferimento a Vladimir Putin, l'ultima puntata di House of cards, la serie tv che aveva come obiettivo quello di mostrare i meccanismi del potere, ma che ora rischia di trasformarsi in mero strumento di propaganda.

Nella terza puntata della terza serie, tutto gira attorno a Viktor Petrov, spietato presidente russo, "salito al potere grazie al Kgb", un po' ubriacone e un po' pervertito, invitato alla Casa Bianca dal presidente americano Frank Underwood. L'America propone una nuova strategia per la Valle del Giordano, capace finalmente di portare la pace in Medioriente, ma Petrov (leggi Putin) risponde: "La Russia non guadagnerebbe nulla dalla pace in Medioriente". Una falsità storica se si tiene presente che fu proprio il presidente russo a porre il veto all'Onu che sventò la guerra in Siria.

Underwood organizza una cena presidenziale per Petrov, che però si ritrova come commensali le Pussy Riot, il collettivo che, nel 2012, organizzò una rappresentazione sacrilega all'interno della Cattedrale di Cristo Salvatore. Tre membri del collettivo furono arrestati e condannati al minimo della pena per esser poi scarcerati grazie a un'amnistia. Nella puntata di House of cards, le Pussy Riot, che per questa occasione diventano anche attrici, accusano Petrov (Putin) di essere un tiranno e poi se ne vanno con un'ultima "performance": versare il vino sul tavolo.

Petrov beve praticamente solo vodka, dice che "sta imparando a godersi il divorzio", bacia la first lady e flirta con lei. Insomma: un villano e un cialtrone.

Forse, ci aspettavamo qualcosa di più da una serie tv del genere che ora, anziché mostrare il volto profondo del potere, mostra solamente quello più becero della propaganda.

Commenti

lisanna

Gio, 12/03/2015 - 12:42

Anch'io molto delusa dall'ultima puntata di HofC. Se la fiction cede alla propaganda politica USA attuale, proprio siamo caduti in basso ! Basta demonizzare Putin , Obama ha già fatto abbastanza danni e l'Europa gli va dietro!Sembra che l'unico tiranno della Terra sia Putin , mentre dialoga con l'Iran e Assad. Vogliamo capire che abbiamo solo da perdere perdendo la Russia alleata?

agosvac

Gio, 12/03/2015 - 13:44

C'è da dire che questo Presidente degli USA, nella fiction, per diventare presidente ha commesso tanti di quei misfatti per cui avrebbe dovuto essere messo direttamente in galera!!! Io, francamente, resto meravigliato da certe fiction americane dove i delinquenti vengono premiati e le persone per bene non esistono nemmeno.

agosvac

Gio, 12/03/2015 - 13:49

Potrei sbagliarmi , ma questa fiction non parla di un politico che per diventare Presidente degli USA ne ha fatte di tutti i colori ed anche peggio?????

smiley1081

Gio, 12/03/2015 - 14:38

I soliti sogni bagnati degli intelletuali di sinistra, trasposti in peraltro ottime trasmissioni televisive...