L'edificante epopea dei partigiani costruita a tavolino

Le carte dell'istituto "Perretta" svelano in che modo le vicende delle Brigate Garibaldi nel Comasco siano state reinventate a colpi di documenti apocrifi. A rendersene conto gli stessi protagonisti di quelle vicende

La storia bugiarda, ossia la ricostruzione artificiosa e mitopoietica del passato, è una sorta di specialità nazionale, almeno dal Risorgimento in poi. Ma esiste una forma di menzogna più sottile, sistemica e dannosa, che procede attraverso la fabbricazione di documenti falsi attraverso i quali elaborare una vulgata edificante per chi compie l'operazione. Un caso da manuale è quello che abbiamo scoperto, compulsando le carte dell'Istituto di storia contemporanea Perretta di Como. Ossia, uno dei capisaldi della sacralizzazione delle vicende resistenziali, per il fatto che questo centro di memoria opera, da quasi quarant'anni, nell'area dove si compirono, in un sol colpo, tre eventi di gigantesca portata, nelle ultime giornate di aprile del 1945: la fine del fascismo, la conclusione della guerra e l'epilogo di Benito Mussolini e dei suoi fedelissimi.Consultando il Fondo Gementi del Perretta ci siamo imbattuti in una lettera esplosiva che mette a nudo i criteri attraverso i quali si è costruita la monumentalizzazione dell'episodio resistenziale. Un documento che dev'essere sfuggito ai censori rossi i quali controllano che nulla, di esiziale, possa sfuggire e capitare dentro i fascicoli che vengono distribuiti in consultazione agli studiosi. Bisogna spiegare anzitutto chi è stato il personaggio oggetto delle mie indagini. Oreste Gementi, milanese, classe 1912, fu il leader partigiano di più elevate responsabilità militari, negli organi di coordinamento interpartitico operanti durante la lotta di Liberazione, nel Comasco. Svolse infatti le funzioni di comandante della Piazza lariana del Cvl (Corpo volontari della libertà). Nonostante il suo rango elevato, su Gementi (nome di battaglia, Riccardo), è caduto un totale oblio, spiegabile con una circostanza molto semplice. Il comandante partigiano ebbe il torto, se così si può dire, di non allinearsi alle direttive del Partito comunista, il quale durante e dopo la Liberazione dettò legge, non soltanto nel Comasco. Tanto per cominciare, Gementi si convinse, sulla base di elementi raccolti già nell'immediatezza dei fatti, che a sparare a Mussolini e alla Petacci non fosse stato l'emissario di Luigi Longo, Walter Audisio, alias colonnello Valerio, ma l'umile operaio comasco Michele Moretti, il partigiano comunista Pietro. E ciò bastava perché il nome di Gementi venisse incluso nella lista di proscrizione stilata dagli apparatik della centrale di disinformacjia rossa concentrata nella triangolazione Pci-Anpi-Istituti storici della Resistenza. Non solo: il comandante Riccardo aveva tale determinazione morale da far spiccare, già nel giugno del 1945, un mandato di cattura contro Michele Moretti per il furto dell'oro di Dongo. Risultato: un mese dopo, il Pci architettò contro Gementi un agguato, che fu sventato solo grazie all'abilità straordinaria della vittima predestinata.Ma veniamo al cuore di questa nostra scoperta. Nel novembre del 1991, l'Istituto storico di Como diede alle stampe un volume di oltre 600 pagine, La 52ª Brigata Garibaldi Luigi Clerici attraverso i documenti: si trattava di un racconto della lotta di Liberazione, nel Comasco, attraverso una raccolta delle fonti scritte riferite all'attività della formazione partigiana cui si dovette l'arresto di Mussolini e il fermo della sua colonna, il 27 aprile 1945. Ben 550 documenti (relazioni, direttive, circolari, ecc.), presentati come originali, i quali portavano alla luce la trama organizzativa e l'intera vicenda cospirativa della brigata. Curatore dell'opera antologica era Giusto Perretta, comunista, fondatore e a lungo direttore dell'Istituto comasco di storia del movimento di Liberazione che oggi porta il nome di suo padre, l'avvocato Pier Amato Perretta, un antifascista ferito a morte a Milano da elementi delle Ss e della Legione Muti, nel novembre del 1944.Giusto Perretta, nella nota introduttiva, spiegava che la pubblicazione era frutto di ricerche «effettuate nel 1986-87 presso l'Istituto Gramsci di Roma». Tale scavo archivistico era valso ad arricchire e a integrare la già imponente documentazione in possesso dell'Istituto storico lariano. Ne sortiva una rassegna di materiali che il curatore accreditava come coevi, cioè «compilati e diffusi nel corso vivo della lotta»: in tal modo si sarebbero potute fornire «maggiori garanzie di veridicità» rispetto alle fonti cronologicamente successive. Fin qui le parole di Perretta. Ciò che non è mai trapelato, al riguardo, è la durissima contestazione pervenuta al curatore dell'opera, da parte di Gementi. Il comandante Riccardo, giunto ormai al termine dei suoi giorni terreni, il 10 aprile 1992 confessava, in una riservata-confidenziale, di aver accostato «con molto scetticismo» l'indigeribile repertorio stilato da Perretta, dichiarandosi incapace di «trarne alcun insegnamento», nell'impossibilità pratica di discernere «tra il vero ed il falso».Dove nasceva questo sentimento di somma diffidenza, nell'uomo che ben conosceva la segreta trama di quei lontani fatti della Resistenza, per averli vissuti dall'interno come pochissimi altri? Lo rivelava lo stesso Gementi, tornando con la memoria a una «confidenza fattami da Coppeno nei primi anni dopo la Liberazione, quando i nostri rapporti erano normali e saltuariamente ci incontravamo, ma soprattutto egli mi telefonava per accertarsi su dati e fatti del periodo clandestino». Il riferimento è a Giuseppe Coppeno, lo storiografo ufficiale cui il Partito comunista, già nell'immediato dopoguerra, affidò il compito di costruire, a tavolino, la storia bugiarda. In quale modo? Allestendo una vera e propria officina di fabbricazione di repertori documentari non genuini, allo scopo di produrre la glorificazione del movimento partigiano rosso. Coppeno, nato nel 1920 e scomparso nel 1993, fu un comunista duro e dogmatico che operò, durante la Resistenza, tra Como e Milano, quale cinghia di trasmissione delle direttive del partito dentro le formazioni garibaldine. In realtà, si chiamava Ciappina, in quanto fratello di Ugo Ciappina, un ex gappista che fu tra gli autori della rapina di via Osoppo, avvenuta a Milano, nel 1958. In conseguenza di tale fatto, egli chiese e ottenne di poter cambiare il cognome in Coppeno. Incontrai Ciappina-Coppeno, a Milano, nel maggio del 1992. Andai a casa sua, per intervistarlo. Il personaggio mi raggelò, ma non potevo nemmeno sospettare che si portasse appresso i segreti che Gementi non esitò a denunciare. Che cosa si era lasciato infatti sfuggire, il fratello del bandito Ugo Ciappina, nei suoi colloqui con il compagno di battaglie? Lo racconta lo stesso comandante Riccardo, con questa confessione-bomba: «Coppeno mi aveva confidato che, su richiesta di Gorreri e Fabio, stava costruendo documenti intesi a valorizzare e potenziare l'attività della 52ª, dal settembre '43 alla Liberazione». Dante Gorreri e Pietro Vergani Fabio furono dunque coloro che commissionarono il lavoro al falsario ideologico seriale. Vale la pena di ricordare chi fossero i due personaggi. Gorreri, segretario della Federazione lariana del Pci, e Vergani, comandante lombardo delle Brigate Garibaldi, furono due stalinisti ciecamente devoti al partito. Entrambi, negli anni Cinquanta, vennero rinviati a giudizio per alcuni delitti che insanguinarono il dopo-Liberazione, come quello del capitano Neri (Luigi Canali), leader morale della Resistenza comasca, della staffetta di questi, Gianna (Giuseppina Tuissi), e della giovane Annamaria Bianchi. La clamorosa denuncia dell'esistenza di una centrale della contraffazione, costituisce l'anello mancante di un teorema logico che gli storiografi di impostazione mentale laica, cioè non dottrinale, hanno sempre cercato di dimostrare. Vale a dire: i documenti sui quali è stata intessuta la trama della narrazione resistenziale non convincono. Ora sappiamo perché. I materiali apocrifi costruiti da Ciappina-Coppeno furono il preludio di una colossale opera di elaborazione storiografica mistificatoria che non è ancora cessata. Osserva, del resto, Riccardo che il falsario di partito lasciava, per così dire, le impronte del suo delitto nelle modalità stesse del confezionamento, in sequenza, di documenti in realtà non coevi: quelle carte risultavano infatti essere «dattiloscritti senza firma o con firma a macchina».Chiunque può constatare di persona che è proprio così: il compilatore seriale della storia bugiarda produsse documenti quasi sempre privi di firma autografa, o di altri elementi (come interpolazioni e correzioni manoscritte) che ne attestassero la genuinità sotto il profilo materiale. Autentiche polpette avvelenate, versate poi, in gran parte, all'Istituto Gramsci, dove poi Perretta andò a riesumarle. Istituto Gramsci il quale si fece, a sua volta, ente certificatore dell'autenticità e della sicura provenienza di quelle carte. Il bello è che, nella nota introduttiva al testo, lo stesso curatore compiva un'ammissione che, alla luce della lettera di Gementi, suona alquanto compromettente. «Date le condizioni delle copie originali», infatti, si era proceduto alla «loro ribattitura e riduzione rispettando rigorosamente il testo originale». Insomma, secondo Perretta, era stata effettuata la riscrittura, in forma dattilografica, delle fantomatiche carte originali, prendendo a pretesto le condizioni di cattiva conservazione, e conseguentemente di difficoltosa decifrazione, delle stesse.Ma, se così si fosse fatto, il curatore avrebbe dovuto avvertire quantomeno il dovere metodologico di produrre, in immagine, nelle pagine a fronte di ogni riduzione dattilografica (com'egli la chiama), i testi originali. Cosa che si guardò bene dal fare. Perretta non volle nemmeno spiegare quando, come, e da parte di chi, fosse stata realizzata questa colossale operazione da copisti. Questo autentico ginepraio ci riporta alle considerazioni dubitative di Gementi: a meno di voler per forza seguitare a supporre l'esistenza di veri documenti originali, gli unici originali paiono essere quelli, contrabbandati per tali, la cui matrice ci riporta alla figura di Ciappina-Coppeno e alla sua investitura a falsario di partito.Sorge del resto il sospetto che il Pci assumesse, per così dire, per vizio metodologico generalizzato, la predisposizione di un arsenale documentario realizzato in vitro, con un quadruplice scopo: alimentare il mito della propria forza egemone nel movimento partigiano, silenziare tutte le fonti non allineate con la propria verità di partito, riempire i vuoti narrativi e insieme occultare le degenerazioni violente della Resistenza. 1. Continua

Annunci
Commenti

umberto nordio

Mar, 23/02/2016 - 08:46

La "resistenza" è in gran parte tutta una montatura.

Beaufou

Mar, 23/02/2016 - 09:52

L'ho sempre detto. Da quelle parti (comuniste), la verità e i fatti, come la giustizia, si fabbricano a tavolino. Poi viene Luttwak a suggerire che il comunista Napolitano dovrebbe avere il ministero della giustizia...così metterebbe le cose a posto. Ahahah. A Luttwak, che stupido non è, dev'essere sfuggito qualcosa...Ri-ahahah.

Luigi Farinelli

Mar, 23/02/2016 - 10:13

Interessante è il libro "La pista Inglese", di Luciano Garibaldi (riproposto dal Giornale entro la serie "Mussolini e il Fascismo") per capire come la realtà (per esempio l'assassinio di Mussolini e della Petacci) fosse addomesticata da Botteghe Oscure fornendo versioni ad hoc per coprire l'azione dei partigiani comunisti e le loro relazioni con Mosca (ma anche con gli Alleati, soprattutto inglesi, in merito al compromettente incartamento Mussolini-Churchill). L'assassinio di "Luigi Neri" e di "Gianna", per es., è emblematico in tal senso per capire come i giochi di potere che si andavano prospettando nell' Europa del dopoguerra fossero causa di vere artefazioni dei fatti reali fino a coprire con menzogne, spesso sconcertanti, l'eliminazione di personaggi ormai scomodi.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Mar, 23/02/2016 - 10:19

Sarebbe da rivedere anche tutta la "gloriosa storia"delle brigate partigiane della tanto decantata Repubblica dell'Ossola e di quale montatura di storie inventate,basti leggersi la storia del fascismo di Pisanò concernente il quanto.E poi a settant'anni dalla fine della guerra abbiamo dei Partigiani che vogliono impedire a Salvini di manifestare il 25 di Aprile. La pazzia congenita dei rimasugli stalintogliattiani continua a fare danno.Ma quanti anni hanno questi intrepidi eterni partigiani?

Ritratto di bobirons

bobirons

Mar, 23/02/2016 - 10:53

Il comunismo ha sempre operato l'ascesa al potere operando violenza sulla moltitudine degli "altri" che insieme rappresentavano una se pur variegata maggioranza. In Italia il giochino non riusci perché impedito da accordi presi dal capo dei capi del comunismo internazionale. Ergo i rossi nostrani cercarono, e cercano, di smaltire la loro rabbia ed impotenza sia auto glorificandosi sia demonizzando l'avversario. La favola della resistenza é spiegata con il "valoroso" apporto delle brigate che occuparono Torino, Milano e Venezia DOPO il 25 aprile ed assassinarono senza alcun processo chi, se questo fosse stato effettuato, avrebbe forse potuto rivelare la loro falsità.

Ritratto di mark911

mark911

Mar, 23/02/2016 - 10:55

Altra conferma che la storia viene scritta dai vincitori che ovviamente evitano accuratamente tutto quello che non si vuole far sapere evidenziando invece quello che mette in "negativo" il perdente. Sarebbe anche ora a distanza di oltre 70 anni che le varie associazioni tipo ANPI o simili la smettessero di esistere e/o pretendere di essere gli unici ad aver diritto di partecipare, insieme ai sindacati, alla festa del 25 aprile ..(.tra l'altro unico paese al mondo che festeggia la sconfitta)

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 23/02/2016 - 11:21

Tra le tante balle rifilate agli italioti quella della resistenza e' il piu'grande falso storico mai spacciato. Un mancato colpo di stato comunista, pieni di orrori, morti, violenze, stupri, furti, fatto passare come lotta di liberazione.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 23/02/2016 - 11:48

I partiti di Lenin e Mussolini hanno sempre operato per la mistificazione di qualunque cosa nuocesse alla loro causa. Sono stati grandi ed efficaci produttori di retorica e falsità. Hanno costruito gigantesche verità culturali filosofiche ed ideali del tutto prive di qualsiasi fondamento storico e logico. Il nostro povero paese ha conosciuto i fasti della retorica fascista prima ed antifascista dopo. Impossibile oggi essere sia antifascisti che anticomunisti.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mar, 23/02/2016 - 12:20

Le formazioni di partigiani komunisti, che si davano l'altisonante nome di brigate, furono nella quasi totalità bande di sanguinari assassini e criminali politici, dediti all'indiscriminata uccisione di avversari politici non solo fascisti, nonchè di partigiani di altro orientamento politico (vedi Porzûs). Dai tedeschi si tennero sempre distanti, spesso trattando con loro a discapito dei fascisti, come nel caso della compra-vendita di Mussolini e della spartizione dell'oro di Dongo. La storia delle bande partigiane rosse più che alla cronaca di guerra, appartiene alla cronaca nera.

Fjr

Mar, 23/02/2016 - 12:23

Balle tenute in piedi da 70 anni a colpi di frottole,documenti tarocchi per nascondere verita' che era meglio non venissero mai scoperte,questo e' il motivo del perche' oggi come ieri abbiamo un'esponente del PD nonche' primo ministro che racconta delle gran balle, e' nel loro DNA e ai residuati dell'ANPI dico solo una cosa non e' necessario proseguire con la pantomima del 25 aprile ,chiudete baracca e rispettate i morti anche per mano vostra in religioso silenzio, fate piu' bella figura

Dordolio

Mar, 23/02/2016 - 13:38

Per avere informazioni di prima mano, bastava ascoltare i racconti di reduci della RSI. Leggere l'opera monumentale di Pisanò. Ricordo una cena in cui ebbi l'onore e il privilegio negli anni 70 di stargli a fianco per poter confermare che quanto raccontava - poi - non aveva nulla di apologetico o di mitizzante. Diceva solo la verità.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mar, 23/02/2016 - 23:46

Su queste balle migliaia di bugiardi ci hanno mangiato sopra settant'anni, mentre altri bugiardi continuano a mangiarci! Che schifo!

angelo41

Mer, 24/02/2016 - 19:27

E' già stato detto tutto da Giorgio Pisanò, che ha speso una vita per raggiungere molte verità, snobbate dalla intellettualità al pomodoro pelato e dalla vulgata resistenziale al caciocavallo. Giampaolo Pansa, per esempio, è un tardo epigono che ha fatto tanti soldi per aver raccontato fatti già noti.

franco-a-trier-D

Sab, 16/04/2016 - 10:01

CHI COMBATTE SENZA UNA DIVISA PER ME è UN TERRORISTA

Ritratto di napoliso

napoliso

Lun, 25/04/2016 - 09:31

Gli stessi che....30 anni dopo (BR)AMMAZZAVANO a destra e a manca in nome della solita ideologia Rossa......sic...sic...ciao bellaaaaa AFFFFAN...CULOOOOOO!!!!!!!!!!!