Dopo Cruise e Travolta, Russell Crowe pronto a entrare in Scientology

L'attore australiano convinto da Tom Cruise: "Non ha cercato di vendermi un paio di scarpe"

Dopo Tom Cruise e John Travolta, Scientology potrebbe annoverare tra i suoi adepti anche Russell Crowe. Infatti, l'attore australiano ha confessato alla rivista People il suo crescente interessamento nei confronti della religione fondata da Ron Hubbard nel 1953.

I fattori di questo avvicinamento sono il fascino nei confronti di Scientology e l'amicizia con Tom Cruise. “Da ragazzino ero molto interessato alla religione, io e Tom Cruise abbiamo trascorso molto tempo insieme e così ho pensato di scoprire qualcosa di più in merito a Scientology. Ho trovato un video su Scientology e l’ho guardato, ma era poco informativo. Ho toccato l’argomento con Tom ed è stato fantastico. Non ha cercato di vendermi un paio di scarpe. Mi ha semplicemente detto: "Se si tratta di qualcosa che ti interessa, allora vai avanti e coltivalo". Penso che la stessa cosa avvenga per qualsiasi tipo di religione, almeno nel caso in cui si arrivi a tale scoperta da soli”. Il protagonista di Beautiful Mind ha poi aggiunto: "In vita mia non ho mai messo nemmeno due centesimi sul tavolo di qualcuno e non ha mai fatto donazioni per accedere a Scientology”.

Commenti
Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Gio, 23/04/2015 - 15:07

"Non ha cercato di vendermi un paio di scarpe" Nó ma la promessa di farti fare film come e quanto vuoi con sponsorizzazione di scientology.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 27/10/2015 - 00:44

Se Bin Laden avesse conquistato il mondo con i talebani avrebbero fatto tabula rasa di tutti quei film prodotti dal "demonio occidentale". Meditate.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 27/10/2015 - 13:04

In America con tutte quelle sette (e 1/2?) che ci sono e quei profeti che le propugnano dalle 12 a 1/2 giorno bisogna avere tempo per dedicarvicisi se poi oltre la pagnotta ci rimedi il gruzzolo per la futura pensione in barba ai "fedeli" bisogna essere grulli non "starci al gioco".