Dai direttori ai programmi nuovi. Come sarà la Rai di Campo Dall'Orto

Il direttore generale di viale Mazzini vuole una rete nuova e al passo coi tempi. E professa libertà assoluta: "Renzi non lo sento da agosto"

È una "grande trasformazione" quella che promette per la Rai il diretto generale Antonio Campo Dall'Orto. Lo fa in una lunga intervista al Corriere della sera, in cui sostiene per la televisione di Stato la necessità di essere "una macchina del tutto nuovo". Un percorso che preannuncia lungo, ma fiducioso nella "grande passione" di chi lavora nell'azienda.

Il problema della rete, secondo il dg, è di essere "ferma al modello tv, e basta". Un modello che non ritiene sufficiente nel 2015, portando la recente fiction su Lea Garofalo a esempio di come si possano ottenere buoni risultati in termini di share "rendendo evento tutto ciò che lo può essere".

"Che si tratti di un programma di informazione, di una fiction o di un programma radio, questi vanno pensati fin dalla loro origine per tutte le destinazioni possibili, dalla tv allo smartphone a internet". Questo ci si deve aspettare dalla prossima mutazione della Rai. Che forse sarà anche meno colonizzati dai talk show, che "stanno migliorando", ma "sono troppi".

Campo Dall'Orto ha le idee chiare anche per quanto riguarda i nuovi direttori. Parla di "un giusto equilibrio tra le competenze esterne e quelle interne", pronto a valorizzare "i talenti che sono già in Rai", ma anche a portare alla direzione digitale "un manager che proviene da esperienze internazionali". Ribadendo di avere carta bianca: "Renzi l'ho sentito il 5 agosto, quando mi ha chiesto di fare il direttore generale".

Commenti

antipifferaio

Dom, 22/11/2015 - 16:49

Un innovatore...si certo...bla bla bla e Adamo ed Eva sono esistiti... La Rai ormai è fallita ed è al pari di una trattoria da festa dell'unità. Praticamente, un cesso! La sera mi metto davanti alla TV e riesco a guardare o qualche film su Iris e oppure documetari qua e la. Ho smesso di mettere i canali rai anche perchè a vedere Fazio e la Litizzetto mi viene il voltastomaco...

monati50

Dom, 22/11/2015 - 18:02

L'innovazione inizia nel non fregare i soldi di tasca nostra. Ma il furbetto di turno parla di idee ma dimentica a chi frega i soldi.

Ritratto di bgtony

bgtony

Dom, 22/11/2015 - 19:07

Antipifferaio sono daccordo R A I = Ruberia Autorizzata Italiana