Fausto Leali, emozioni con Mina, Baglioni e Hadley

Antonio Lodetti

Dopo oltre 50 anni di carriera ha una voce più «nera» e sensuale che mai, e per questo è amato non solo dal pubblico ma anche dai suoi colleghi cantanti. Fausto Leali torna alla grande sulla scena con Non solo Leali, un disco di duetti con le star della musica che vede in prima fila nientemeno che Mina, che reinterpreta il successo dei Blue (riscritto da Tiziano Ferro), A chi mi dice. «Ho puntato subito alto, sull'artista più grande, Mina, e quando ha detto sì ho deciso che sarebbe stata l'unica donna nel cd». Il parterre è impressionante: Baglioni, De Gregori, Arbore, l'ex Spandau Tony Hadley e molti altri. Leali ha fatto le cose in grande con un lavoro ricco di soul, passione e divertimento. Con De gregori interpreta Sempre per sempre, che sarà il secondo singolo dopo quello con Mina. «De Gregori è un mio fan dai tempi di A chi; l'ha anche incisa e io ho ricambiato con La valigia dell'attore. Siamo amici e quando vado a Roma mi cucina sempre il pesce». Grande prova soul in Quando ami una donna (il classico di Percy Sledge When a Man Loves a Woman) mixato tra inglese e italiano in una suggestiva versione a tutto soul con Tony Hadley. Accanto alle performance con Baglioni e Arbore c'è anche spazio per le giovani generazioni con la bella cover di Vierno con Clementino. È un disco ambizioso, e se andrà bene come pensa e spera, Leali ha grandi progetti: «Ho tanti brani nel cassetto, e vorrei fare un disco di inediti e poi un altro album di duetti, magari internazionali. Potrei contattare Paul McCartney, mostrandogli la foto che facemmo nel '65 a Milano quando suonai con i Beatles». Il segreto della sua voce sempre così potente e roca? «Niente sigarette, un po' di whisky e soprattutto l'esercizio; in agosto ho tenuto 20 concerti in un mese». E le ambizioni non finiscono qui: «Potrei andare a Sanremo. Ho pronti dei pezzi fortissimi».