Game of Thrones ha salvato Josephine Gillan dalla prostituzione

È entrata nel cast col ruolo di cortigiana. "Sono così nervosi nelle scene di sesso"

Quando le chiesero di unirsi al cast di Game of Thrones, Josephine Gillan ancora non sapeva che il ruolo di una prostituta l'avrebbe davvero salvata da una vita di prostituzione e film hard.

L'attrice, che nella popolare serie televisiva recita il ruolo di Marei, la cortigiana dai capelli rossi, prima di trovare il successo con GoT e di pianificare una nuova carriera da attrice, era davvero una prostituta. Un fatto che la 27enne ha raccontato alla stampa inglese.

"Game of Thrones mi ha salvato da una vita di prostituzione, mi ha reso una persona molto più forte", ha dichiarato, specificando: "Stavo lavorando come prostituta e allo stesso tempo facevo film a luci rosse, usando lo pseudonimo di Sophe O'Brien".

Poi un annuncio su un sito per attrici, e la possibilità di provare a fare un casting per quella serie, basata sui libri di George R. R. Martin, per cui cercevano "giovani donne con un seno naturale e senza tatuaggi, a cui non pesasse essere filmate nude".

"Ho inviato immediatamente la mia foto", racconta la Gillan, che tutto si aspettava tranne che le rispondessero e dessero a lei quel ruolo nella serie tv, forte di 26 Emmy Awards. Un debutto difficile da dimenticare per lei, nel ruolo di una giovane prostituta a cui viene mostrato come fingere un orgasmo.

L'attrice ha alle spalle un'infanzia molto travagliata, tra abusi, alcool e droghe. È passata per 24 diverse scuole elementari, mentre la madre scappava da una relazione violenta. Poi l'affido a un amico di famiglia, che la struprò a 16 anni.

Ora ha cambiato vita e ha davanti a sè ancora molti episodi della serie. Intanto degli attori rivela un dettaglio che fa sorridere: "Gli uomini sono così nervosi che durante le scene di sesso li sento spesso tremare sotto di me..."